cerca

Quando la lingua italiana ti salva il fegato

Profondo disgusto per i nomi anglosassoni affibbiati ai cocktail. Per questo scelgo solo il vino

19 Aprile 2018 alle 06:18

Quando la lingua italiana ti salva il fegato

La lingua italiana è bella e fa bene. Anch’io come gli accademici della Crusca sono contrario all’invasione dell’inglese e non solo nella scuola, anche nei locali. Un bel giorno mi sono stufato della parola cocktail e disperando di farmi capire ordinando un coccotello, o coda-di-gallo, arlecchino, polibita, mi sono messo a frequentare i posti dove si serve in prevalenza vino. Liberandomi al contempo dai temibili superalcolici e da una nomenclatura servile a base di shot, tumbler, drink, jigger, shaker, stirrer, twist, zest, barwoman, bartender… Sia benedetto il patriottismo linguistico che ha salvato il mio fegato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    19 Aprile 2018 - 08:08

    E come l’hai messa con il già amatissimo Negroni?

    Report

    Rispondi

Servizi