Ci voleva un poeta per parlare di bene e di male

Camillo Langone

Nel tempo del Natale profanato leggo le ultime poesie di Claudio Damiani

“I cattivi ci saranno sempre, ma noi dobbiamo fare / come prima cosa di non essere noi cattivi, / di combattere il male e di seguire il bene”. Nel tempo del Natale profanato leggo le ultime poesie di Claudio Damiani, “Cieli celesti” (Fazi). Ci voleva un poeta, visto che i preti non lo fanno più, per parlare di buoni e di cattivi, di bene e di male. Il Papa ha parlato di “follia omicida” e allora prego che i suoi comunicati non vengano più scritti da monsignor Parolin o da padre Spadaro bensì da Claudio Damiani, uno che non la butta mai in psicologia o psichiatria o sociologia, uno capace di pronunciare parole bambine e pertanto più vicine a Gesù, uno che domanda: “Ma tu tesoro mio puoi non credere in quello che vuoi / ma un universo e miliardi di anni / ti sembra poco?”.

  • Camillo Langone
  • Vive a Parma. Scrive sui giornali e pubblica libri: l'ultimo è "Eccellenti pittori. Gli artisti italiani di oggi da conoscere, ammirare e collezionare" (Marsilio).