L'indiscreto

Rai, corsa per Gerusalemme. Da Doglio a Piro: tutti gli aspiranti al posto di Paris

L'ex direttore di RaiSport va in pensione ed è partita la gara interna tra chi gli succederà: ci sono anche Gianniti, Brunori e Giojelli 

Simone Canettieri

In settimana scadono le autocandidature per la prestigiosa corrispondenza. La decisione spetterà a Salini, sempre meno incisivo a viale Mazzini 

E' partita la corsa per il nuovo corrispondente Rai a Gerusalemme. A gennaio infatti Carlo Paris andrà in pensione. Il tempo per la presentazione delle autocandidature sta per scadere: entro la settimana tutti i nomi dei pretendenti saranno al vaglio dell'ad Fabrizio Salini che poi si confronterà con i vari direttori delle testate prima di far scattare la nomina. Un passaggio doppiamente non banale per la azienda di Viale Mazzini: c'è da trovare un nuovo corrispondente per una sede prestigiosa, ma allo stesso tempo proprio Salini è dato in uscita prima che termini il suo mandato, dopo essere stato platealmente sfiduciato dall'azionista di maggioranza della Rai, il ministero dell'Economia, con una dichiarazione inequivocabile di Roberto Gualtieri.

A metà del 2021 andrà in pensione anche Raffaele Genah, altro corrispondente e responsabile dell'Ufficio di Gerusalemme per i servizi giornalistici radiofonici e televisivi dal Medio Oriente, ma per il momento è stata aperta solo una posizione: quella per il dopo Paris.

E i pretendenti fioccano. Secondo i rumors arrivati al Foglio, al momento ma tutto può cambiare, sembrano in vantaggio Caterina Doglio (inviata di punta del Tg1) e Giancarlo Giojelli di Rainews. Ma si sono fatti avanti anche Maria Gianniti (inviata di Radiorai), Giovan Battista Brunori (caporedattore del Tg2) e Nico Piro inviato del Tg3 e fresco vincitore del premio "Cutuli".

 

La decisione entro il mese: la politica, come sempre, si è messa già in azione. 

Di più su questi argomenti:
  • Simone Canettieri
  • Viterbese, 1982. Al Foglio da settembre 2020 come caposervizio. Otto anni al Messaggero (in cronaca e al politico). Prima ancora in Emilia Romagna come corrispondente (fra nascita del M5s e terremoto), a Firenze come redattore del Nuovo Corriere (alle prese tutte le mattine con cronaca nera e giudiziaria). Ha iniziato a Viterbo a 19 anni con il pattinaggio e il calcio minore, poi a 26 anni ha strappato la prima assunzione. Ha scritto per Oggi, Linkiesta, inserti di viaggi e gastronomia. Ha collaborato con RadioRai, ma anche con emittenti televisive e radiofoniche locali che non  pagavano mai. Premio Agnes 2020 per la carta stampata in Italia.