cerca

La frusta che serve per far correre di nuovo gli spiriti animali

Mettersi in gioco, osare di più, cavalcare le trasformazioni per uscire dalla crisi. Giusti gli aiuti dello stato, ma non bastano: non c’è ripresa senza una poderosa assunzione di responsabilità da parte della classe dirigente del paese

Claudio Cerasa

Email:

cerasa@ilfoglio.it

25 Maggio 2020 alle 07:41

La frusta che serve per far correre di nuovo gli spiriti animali

Non c’è ripresa nel futuro senza una poderosa assunzione di responsabilità da parte di chi dovrebbe guidare gli spiriti animali del paese (foto LaPresse)

Lo spirito è chiaro, ma gli animali ci sono? In un bellissimo articolo pubblicato qualche giorno fa sul Corriere della Sera, Ferruccio de Bortoli ha offerto uno spunto interessante che ci permette di mettere a fuoco un tema cruciale della fase che sta vivendo l’Italia che misteriosamente sembra sfuggire a molti osservatori. “Una classe dirigente privata all’altezza del compito che la storia le assegna non può limitarsi a premere per riaprire le fabbriche e invocare aiuti di vario tipo o...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Claudio Cerasa

Claudio Cerasa

Nasce a Palermo nel 1982, vive a Roma da parecchio tempo, lavora al Foglio dal 2005 e da gennaio 2015 è direttore. Ha scritto qualche libro (“Le catene della sinistra”, con Rizzoli, “Io non posso tacere”, con Einaudi, “Tra l’asino e il cane. Conversazione sull’Italia”, con Rizzoli, “La Presa di Roma”, con Rizzoli, e "Ho visto l'uomo nero", con Castelvecchi), è su Twitter. E’ interista, ma soprattutto palermitano. Va pazzo per i Green Day, gli Strokes, i Killers, i tortini al cioccolato e le ostriche ghiacciate. Due figli.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    25 Maggio 2020 - 17:53

    Al direttore - "Una classe dirigente privata deve mostrare di avere una cultura più profonda del bene pubblico” Precisiamo "del bene comune", così non diamo adito a interpretazioni di parte. Glisson che sia sempre stata attaccata.in nome della lotta di classe, per essere "privata"e nel contempo abbia profittato dei soldi pubblici usati come ammortittatori sociali. Ma un fatto concreto deve essere valutato e tenuto presente in ogni analisi. La lotta morale per abbattere gli egoismi individuali, del borghese, del capitalista, ha prodotto l'era degli egoismi collettivi, sociali, di categoria, di fazioni. L'elegia e la retorica stanno a zero.

    Report

    Rispondi

    • Skybolt

      25 Maggio 2020 - 18:15

      Gentilissimo, ma da pagano e da liberale scettico, direi che intanto che aspettiamo il Regno del (vostro) Signore, qualcosa sa'dda'fa...

      Report

      Rispondi

  • joepelikan

    25 Maggio 2020 - 17:11

    Da quanto è recentemente emerso riguardo la connivenza di parecchi giornalisti col sistema occulto di spartizione del potere nella magistratura forse la stampa è il primo pezzo di classe dirigente che dovrebbe farsi un esame di coscienza.

    Report

    Rispondi

    • Skybolt

      25 Maggio 2020 - 18:16

      Quisquilie, bazzecole, pinzillacchere... specie se c'entra Salvini.

      Report

      Rispondi

  • Giovanni Attinà

    25 Maggio 2020 - 15:14

    Diciamo la verità: tra classe politica e classe dirigente non è che in Italia siamo messi bene. Se siamo in una fase di emergenza dobbiamo rimboccarci tutti le maniche e cercare di dare un contributo per la rinascita economica dell'Italia. Infatti il governo è sempre alla ricerca di appigli e giustificazioni per la questione dello "sblocca cantieri" discettando, vale anche per il mondo dell'informazione che non pungola adeguatamente, tra metodo Morandi o codice degli appalti dove la burocrazia è di casa. Le grandi industrie che dovrebbero dare l'esempio non mi pare che investano e gli investimenti annunciati segnano il passo. A questo punto urge passare dagli annunci ei fatti concreti. Se si vuole rilanciare l'Italia bisogna fare presto e muoversi con un cronoprogramma. Basta poi vedere quello che succede per le direttive sulla fase 3 per constatare come tutto si muove lentamente. Addirittura poi scandalosa l'ipotesi dei vigilanti per il distanziamento sociale.

    Report

    Rispondi

    • Skybolt

      25 Maggio 2020 - 16:55

      Gentilisimo, coi cronoprogrammi, da Renzi in sù abbiamo già dato (ricevuto, non diciamo dove). Quanto ai vigilanti, non è un'iotesi, è verità. con tanto di bando ai freiwillingen giallo-rossi. Idea! Potrebbe essere un'utile sbocco per le Sardine. Si adatteranno a stare distantidistanti?

      Report

      Rispondi

  • Skybolt

    25 Maggio 2020 - 14:34

    Che bella foto freudiana (nel senso di lapsus).. Il domatore chi sarebbe? contedelriozingademicheliboccia (anzi BOCCIA!) ? E gli ammosciatissimi leoni? I famosi contribuenti? Oppure i mitici imprenditori? Che poi sono gente normalissima che ha voglia di rischiare anche un po'. Con quelle face da leoni un po' così, mi sa che già hanno perso la voglia. E poi, ma quante belle sbarre Madama Dorè. Ecco, forse invece della frusta basterebbe togliere le sbarre, non tutte per la carità, altrimenti l'alleanza di sgoverno chi la tiene; qualcuna.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi