cerca

Il popolo? Un’entità astratta a disposizione del demagogo di turno

Il concetto di popolo come entità astratta contrapposta alle élite è detestabile e pericoloso, un’anticaglia

12 Febbraio 2020 alle 06:05

Il popolo? Un’entità astratta a disposizione del demagogo di turno

Foto LaPresse

(Questo articolo è una risposta a quello di Alfonso Berardinelli che trovate qui) Il nostro amico e supremo critico letterario e sociale, Alfonso Berardinelli, ama considerarsi un uomo comune. Individualista come pochi, è per sua scelta fuori dalle accademie e da ogni camarilla, lontano da gruppi, partiti, associazioni, per non dire corporazioni. Se fonda un giornale, sono in due a scriverlo, lui e un suo amico pieno di talento. Il giornale esce “quando può”, come recava nell’intestazione il Leonardo di...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Giuliano Ferrara

Giuliano Ferrara

Ferrara, Giuliano. Nato a Roma il 7 gennaio del ’52 da genitori iscritti al partito comunista dal ’42, partigiani combattenti senza orgogli luciferini né retoriche combattentistiche. Famiglia di tradizioni liberali per parte di padre, il nonno Mario era un noto avvocato e pubblicista (editorialista del Mondo di Mario Pannunzio e del Corriere della Sera) che difese gli antifascisti davanti al Tribunale Speciale per la sicurezza dello Stato.

Leggi il curriculum dell'Elefantino scritto dall'Elefantino

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • zucconir

    12 Febbraio 2020 - 07:56

    Visto lo spazio facciamola semplice. Belardinelli ha ragione. In fondo ripete il grido di dolore di Ida Magli di tutti i suoi ultimi scritti. "Nessun governo ha il diritto di sconvolgere i valori fondamentali di un popolo." Calenda ha scritto un libro "Orizzonti Selvaggi" in cui affronta e denuncia i brutali contraccolpi della globalizzazione sulle classi meno preparate. Cito :"l'occidente è regredito nel periodo di massimo progresso del mondo. Questo è un paradosso intollerabile dai cittadini occidentali" "Una società libera deve consistere anche in una rete di obblighi morali e in una solida dotazione sociale, culturale, non solo tecnica, che consenta di sostenere il peso di una identità più flebile e di una" libertà" a tratti spaventosa. Il capitale sociale rappresenta il patrimonio più importante di una democrazia liberale. Una sua consistente erosione mette in pericolo tutta la costruzione." Molto semplice, molto vero, urgono statisti.

    Report

    Rispondi

Servizi