Come dare una svolta al governo? Far fare a Bonafede la fine di Toninelli

Dopo le elezioni in Emilia-Romagna può iniziare la fase 2 del governo Conte bis. E per creare una discontinuità reale una buona idea potrebbe essere sacrificare il ministro della Giustizia

Claudio Cerasa

“Fase 2 significa cercare di creare un po' di discontinuità in più rispetto al governo precedente. Una discontinuità che sui temi dell'Europa è evidente. Invece su molti altre cose come Reddito di cittadinanza, Quota 100, Ilva questa discontinuità non c'è stata. Se volessero trovare un nuovo equilibrio c'è una cosa che potrebbero fare: trasformare il ministro della Giustizia nel nuovo Toninelli, cambiarlo, cercare di normalizzare quello che è uno dei ministri più pericolosi che ci sono in questa maggioranza e cercare quindi di imporre un equilibrio diverso. Ma è una cosa assolutamente impossibile”.  L'intervento del direttore Claudio Cerasa a Tagadà su La7. 

  • Claudio Cerasa Direttore
  • Nasce a Palermo nel 1982, vive a Roma da parecchio tempo, lavora al Foglio dal 2005 e da gennaio 2015 è direttore. Ha scritto qualche libro (“Le catene della sinistra”, con Rizzoli, “Io non posso tacere”, con Einaudi, “Tra l’asino e il cane. Conversazione sull’Italia”, con Rizzoli, “La Presa di Roma”, con Rizzoli, e "Ho visto l'uomo nero", con Castelvecchi), è su Twitter. E’ interista, ma soprattutto palermitano. Va pazzo per i Green Day, gli Strokes, i Killers, i tortini al cioccolato e le ostriche ghiacciate. Due figli.