cerca

La candela si sta spegnendo

Non è un problema di anima. E’ un problema di agenda e di bolla. L’Ilva certifica che il governo non riesce a trasmettere un messaggio diverso rispetto a quello di essere solo all’opposizione dell’opposizione. Spunti per non accelerare l’agenda dei pieni poteri

Claudio Cerasa

Email:

cerasa@ilfoglio.it

9 Novembre 2019 alle 06:17

La candela si sta spegnendo

Taranto, il presidente Giuseppe Conte incontra gli operai dell'ex Ilva (foto LaPresse)

In sociologia, come in politica, una profezia che si autoadempie, o che si autoavvera, è una previsione che si realizza per il solo fatto di essere stata espressa. In alcuni casi, lo sappiamo, la profezia che si autoavvera si determina quando un individuo altera il suo comportamento in un modo tale da finire per causare lui stesso involontariamente alcuni eventi futuri. La politica italiana, o almeno una parte di essa, anche alla luce del caso Ilva, oggi si trova esattamente...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Claudio Cerasa

Claudio Cerasa

Nasce a Palermo nel 1982, vive a Roma da parecchio tempo, lavora al Foglio dal 2005 e da gennaio 2015 è direttore. Ha scritto qualche libro (“Le catene della sinistra”, con Rizzoli, “Io non posso tacere”, con Einaudi, “Tra l’asino e il cane. Conversazione sull’Italia”, con Rizzoli, “La Presa di Roma”, con Rizzoli, e "Ho visto l'uomo nero", con Castelvecchi), è su Twitter. E’ interista, ma soprattutto palermitano. Va pazzo per i Green Day, gli Strokes, i Killers, i tortini al cioccolato e le ostriche ghiacciate. Due figli.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    09 Novembre 2019 - 17:05

    Al direttore - Il rapporto Piaac, 2013, citato dal governatore Visco, Banca d’Italia, arriva a stabilire che il 70% degli adulti italiani non è in grado, escludendo quelli scientifici e specialisti specifici, di comprendere testi lunghi e articolati. Sei anni dopo, sulla spinta massificante di Fb, Instagram, Twitter, social e blog, basta ascoltare i linguaggi politici informazione tv, il quadro/clima è peggiorato. Progettare un futuro? È dura.

    Report

    Rispondi

  • Massimo47

    09 Novembre 2019 - 10:10

    Servirebbe un governo tecnico (Draghi?) che neutralizzasse il M5S e consentisse di rimediare ai disastri dei due governi Conte. Affrontare con serietà le crisi industriali, rimodellare quota cento e reddito di cittadinanza. Poi si vada pure alle elezioni accettando il volere degli italiani.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    09 Novembre 2019 - 09:09

    Andiamo Cerasa, come si può governare con i 5 stelle. E' assolutamente impossibile, sono impreparati, scioccamente utopisti e però pretenziosi e presuntuosi. In una parola sono più dannosi delle cavallette. A rendere la situazione peggiore c'è un segretario del PD che si è praticamente sottomesso a loro. E noi italiani dobbiamo sottostare a costoro solo perchè temiamo di portare al potere Salvini? Non sono certo un tifoso del leghista ma meglio lui di tutti i pentastellati. Non dimentichiamo che è merito di Salvini se si è salvata la TAV, che è merito di Salvini se è stata salvata Radio Radicale. Insomma il leghista ha un indole industrialista che ne i grillini ne buona parte del PD possiede. Mi creda, buona parte degli italiani non ne può già più di questi squinternati.

    Report

    Rispondi

  • mtferrari

    09 Novembre 2019 - 07:07

    una bolla di paura che le impedisce di governare .... è quello che vediamo... purtroppo ...

    Report

    Rispondi

Servizi