cerca

Piazze che possono parlare

La svolta possibile di Salvini, il modello di Renzi. In Italia è stato piantato il seme di un progetto ambizioso che vede i due Mattei avversari ma alleati nella ricerca di una nuova egemonia. E se le strade convergessero?

21 Ottobre 2019 alle 10:36

Piazze che possono parlare
Due piazze contrapposte, due leader giovani e ambiziosi, due mondi che si osservano con apparente ostilità e qualche conturbante ammiccamento. La piazza della Leopolda di Matteo-R e quella romana di Matteo-S (in ordine alfabetico, non di importanza…) rappresentano una novità non da poco nella politica di oggi e – soprattutto – in quella che presto arriverà. Lo show di “Porta a porta” non è stato solo lo specchio dell’ego narcisistico. Nella “Terza Camera” è stato piantato il seme di un...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Roberto Maroni

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • maropadila

    21 Ottobre 2019 - 21:09

    Veramente non riesco a capire a quale Lega si riferisca Maroni: una Lega ideale, quale egli la disegna, ė completamente differente, anzi opposta, da/a quella, attuale, dominata da Salvini e non mi sembra che quest'ultimo possa/voglia cambiarla fino a trasformarla nel partito europeista, liberale, democratico al suo interno, non populista né sovranista, come pare auspicato da Maroni. E allora mi chiedo a che serve questo "esercizio di stile" da parte dell'ex-Ministro? Vuole mostrare che ci sono forze e intelligenze, all'interno della Lega, capaci di prendere il sopravvento sul"capitano", approfittando di un suo altro errore di manovra?

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    21 Ottobre 2019 - 19:07

    La morale di questa politica di sinistra dissennata è che a forza di bastonare ogni giorno Salvini gli allungano la vita. Sono come la pubblicità del famoso amaro.

    Report

    Rispondi

  • eleonid

    21 Ottobre 2019 - 18:06

    Sagge parole alcune, un po' fantasiose le altre. La Lega di Salvini non è la Lega di Bossi. La Lega di Salvini cresce e si rafforza con la xenofobia, con l' antieuropa e l'antieuro. Il tutto mescolati con prima gli italiani. Una formula che a quanto pare ha portato la Lega di Salvini a più del 30%. Ora deve sbrogliare questa matassa se rinnega questi obiettivi come ultimamente a ha dichiarato in una intervista su questo giornale E certamente non può farlo col centrodestra alla Berlusconi , che ne ha fatte di tutti i colori ma non ha mai inserito nella sua politica i suddetti obiettivi. È vero che oggi Salvini può apparire come il salvatore della patria , ma non credo con onestà che potrà dimostrarlo con i fatti.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    21 Ottobre 2019 - 16:04

    Al direttore - Dove vai se le piazza non ce l'hai? Una l'abbiamo vista, l'altra è in fieri? Nicola Zingaretti da Massimo Giletti. Alla fine della lunga chiacchierata si alza, in onore di Nicola, il pio, comprensivo, quasi affettuoso, coro dei cipressi:- Ben lo sappiamo, un pover uom tu se'- Il fatto è che in politica e dintorni i poveri uomini sono merce corrente. Soccorre. "Mal comune mezzo gaudio". Col tempo e con la paglia, forse, possiamo essere ottimisti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi