cerca

Il Porta a Porta lo vince Di Maio

Franceschini lo elogia, Salvini lo rimpiange, Renzi lo tenta, Conte lo teme, il Cav. lo studia e Zingaretti ora è disposto a cambiare il Pd (e la legge elettorale) per proporgli un matrimonio vero. Quanto pesa sul futuro del governo l’improvvisa centralità di Giggino

16 Ottobre 2019 alle 06:00

Il Porta a Porta lo vince Di Maio

Luigi Di Maio (foto LaPresse)

Jean Cocteau, famoso poeta francese nato a fine ’800 e morto nel 1963, sosteneva che la vera politica è come il vero amore e che per questo i veri sentimenti tendono a non palesarsi, tendono a vivere sotto la superficie dell’acqua e tendono a nascondersi per non farsi scoprire mai. A volte però succede che l’amore non riesca più a nascondersi e può bastare una piccola scintilla per farlo emergere alla luce del sole. L’Italia politica di oggi si trova...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Claudio Cerasa

Claudio Cerasa

Nasce a Palermo nel 1982, vive a Roma da parecchio tempo, lavora al Foglio dal 2005 e da gennaio 2015 è direttore. Ha scritto qualche libro (“Le catene della sinistra”, con Rizzoli, “Io non posso tacere”, con Einaudi, “Tra l’asino e il cane. Conversazione sull’Italia”, con Rizzoli, “La Presa di Roma”, con Rizzoli, e "Ho visto l'uomo nero", con Castelvecchi), è su Twitter. E’ interista, ma soprattutto palermitano. Va pazzo per i Green Day, gli Strokes, i Killers, i tortini al cioccolato e le ostriche ghiacciate. Due figli.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • oliolà

    16 Ottobre 2019 - 19:07

    E perché meravigliarsi? La democrazia non ha limiti e non si scrive con la maiuscola. Uno vestito di tutto punto, con le spalle incacchiate, di punto in punto, mettendoci un punto, non ha dimensioni. E' il vuoto che c'era e così rimarrà. L'uovo di colombo: essere nulla per far da contrappunto. L'unto (punto) del Signore. Passami i popcorn. Punto.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    16 Ottobre 2019 - 16:04

    Erasmo da Rotterdam scrisse "L'elogio della follia" Sosteneva un uso accorto della stessa come parte della felicità. Non era l'abdicare della ragione. La pazzia della attuale fase politica è patologia, addirittura una pandemia: il cibo bramato dalle masse/platea.

    Report

    Rispondi

  • J.Wrangler

    J.Wrangler

    16 Ottobre 2019 - 14:02

    Direttore, penso che più in basso di così sia impossibile andare: Zinga stardust,i due Mattei win win, Grillo il joker dei ricchi , Giuseppi 1° e 2° tempo di una farsa DC, e infine in paradiso Gigi il vagabondo. A forza di tollerarsi e mascherarsi l'un l'altro in non allegra brigata,sono diventati una cosa di tolleranza forse a loro insaputa.

    Report

    Rispondi

  • beterviosi

    16 Ottobre 2019 - 13:01

    Gigi Figaro.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi