cerca

Il gran termometro dell’Ohio italiano

Si può rendere strutturale l’accordo Pd-M5s? Si può mettere da parte l’estremismo di Salvini? Si può esportare il modello Conte? Spunti da un pomeriggio passato in Umbria con i due candidati, entrambi ostaggio dei dèmoni creati dai propri leader

12 Ottobre 2019 alle 06:19

Il gran termometro dell’Ohio italiano

foto LaPresse

Si scrive Umbria, ma forse si legge Ohio. I loro nomi forse non vi diranno nulla, la terra di cui parliamo forse non attirerà la vostra attenzione ma per quanto possa sembrare curioso, oggi una parte del destino politico dell’Italia è legata al voto di una piccola regione che per la prima volta nella sua storia recente potrebbe condizionare con forza la traiettoria futura dei più importanti partiti italiani.   La regione di cui stiamo parlando è l’Umbria, poco meno...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Claudio Cerasa

Claudio Cerasa

Nasce a Palermo nel 1982, vive a Roma da parecchio tempo, lavora al Foglio dal 2005 e da gennaio 2015 è direttore. Ha scritto qualche libro (“Le catene della sinistra”, con Rizzoli, “Io non posso tacere”, con Einaudi, “Tra l’asino e il cane. Conversazione sull’Italia”, con Rizzoli, “La Presa di Roma”, con Rizzoli, e "Ho visto l'uomo nero", con Castelvecchi), è su Twitter. E’ interista, ma soprattutto palermitano. Va pazzo per i Green Day, gli Strokes, i Killers, i tortini al cioccolato e le ostriche ghiacciate. Due figli.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Abele

    Abele

    12 Ottobre 2019 - 18:10

    Ottimo articolo, grazie!

    Report

    Rispondi

Servizi