cerca

L’errore di Salvini? Aver sottovalutato “l’immane potenza del negativo”

L’ex ministro dell’Interno ha suscitato lui stesso una reazione, attivando una dialettica politica da lui non prevista

17 Settembre 2019 alle 06:00

L’errore di Salvini? Aver sottovalutato “l’immane potenza del negativo”

Matteo Salvini al raduno della Lega a Pontida (foto LaPresse)

Che cosa è successo nell’estate 2019, tra l’8 agosto e il 10 settembre, mentre gli italiani erano in vacanza? Molti eventi inediti, che hanno condotto alla formazione di un governo nuovo, il sessantaseiesimo della Repubblica. Salvini ha spinto M5s e Pd l’uno nelle braccia dell’altro, sottovalutando l’hegeliana ”immane potenza del negativo”. Perché evocare Hegel?    Perché l’ex ministro dell’Interno ha suscitato lui stesso una reazione, attivando una dialettica politica da lui non prevista. E questo per tre motivi. Primo: non...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • verypeoplista

    verypeoplista

    17 Settembre 2019 - 09:09

    "Salvini ha spinto M5S e PD l'uno nelle braccia dell'altro": errore madornale professore; il senatore (non il filosofo) Matteo Renzi ha perorato l'abbraccio tra i due partiti insieme al "personaggio nuovo" Giuseppe Conte (Giuseppi per gli amici esteri) entrato nelle grazie del presidente Mattarella (via Franceschini). Non Hegel ma un gioco di Palazzo che trova la chiusura, fattuale, oggi nella scissione del futuro Senatore "en marche" dal PD : andranno d'accordo Bandiera Rossa e "Marcion marcion" ? Non credo. Se mettiamo il discorso politico sui binari della filosofia perdiamo una novità dell'inizio di questo XXI secolo: la nascita "dal nulla" di movimenti che si muovono su leadership e messaggi espliciti ( Lega nord verso Lega con caratteristiche movimentiste, "En Marche" in Francia, Leadership e "America first" negli States, l'attuale contendente di Netanyahu nelle elezioni di Israele...) , Cordialità

    Report

    Rispondi

    • Skybolt

      17 Settembre 2019 - 13:01

      Ma la cosa veramente divertente è che Renzi ha costretto Zinga ad allearsi (non è che il nostro fosse rilutante, ma aveva bisogno di una copertura) e ora glielo rinfaccia e se ne va. E Zinga a piangere... Ora, se avesse attributi politici, Zinga dovrebbe far saltare lui il Governo e nullificare Renzi (3%? Come no...), facendo fuori anche i rinnegati renziani (Guerrini, lo aspetto al primo discorso "militare", Lotti... quest'ultimo in odio alla Boschi rimane, mica per altro. E perchè ha bisogno di copertura per Consip/Palamara) perchè i raditori non tradiscono mai una volta sola... Ma non succederà... prima c'è ma sistemare un po' di cose nella Ditta e Succursali.

      Report

      Rispondi

Servizi