cerca

Le magnifiche purghe contro Salvini e Johnson

La storia di due prepotenti puniti e di due crisi parallele, sì, ma molto diverse

5 Settembre 2019 alle 06:00

Le magnifiche purghe contro Salvini e Johnson
Il Foglio è sempre di più un libero giornale contendibile. E per questo oggi vale di più di quando cinque anni fa l’ho lasciato. Cani e porci (io più porco che cane) dicono quel che vogliono senza remore, e questo è bello perché avviene sotto la bacchetta di un formidabile animatore e direttore d’orchestra. Per l’ultima o penultima volta, chissà, vorrei ripetere il senso che ho attribuito, a forza di paradossi e ironie non sempre autoesplicativi, alla formidabile Krisis in...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Giuliano Ferrara

Giuliano Ferrara

Ferrara, Giuliano. Nato a Roma il 7 gennaio del ’52 da genitori iscritti al partito comunista dal ’42, partigiani combattenti senza orgogli luciferini né retoriche combattentistiche. Famiglia di tradizioni liberali per parte di padre, il nonno Mario era un noto avvocato e pubblicista (editorialista del Mondo di Mario Pannunzio e del Corriere della Sera) che difese gli antifascisti davanti al Tribunale Speciale per la sicurezza dello Stato.

Leggi il curriculum dell'Elefantino scritto dall'Elefantino

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    05 Settembre 2019 - 15:03

    Caro Ferrara - Attendo le sue personali considerazioni sulla chiusura medico- legale- giudiziaria del caso Iman. Marina Berlusconi chiede, ne ha pienissimo diritto: "Ma chi lo ripagherà di quel che in questa storia di consapevole follia gli è stato gettato addosso? Delle paginate sui giornali, anche stranieri, dei servizi su tg, radio, web, di quei talk show che con accanimento morboso per mesi hanno vivisezionato il caso? Qualcuno mai farà mea culpa per questi metodi da sciacalli?” Mi limito ad osservare che la sacrosanta libertà di stampa e d'informazione, quando è totalmente disgiunta da ogni senso di responsabilità, gli impudichi condizionali, lo confermano, genera "metodi da sciacalli" Le platee li adorano, fanno vendere, danno massima audience? Peggio che mai.

    Report

    Rispondi

  • verypeoplista

    verypeoplista

    05 Settembre 2019 - 15:03

    Salvini, la purga, se l'è data da solo; quanto a Johnson, la partita è ancora aperta e vedremo come andrà a finire. Intanto il "Fiscal Compact" (Patto di Bilancio) loro non l'hanno. Quanto a "purghe" sovraniste, immagino sarà al corrente sull'inizio anno scolastico dei ragazzi francesi, a opera del suo Beneamato(Emmanuelle): in classe bandiera francese e in risalto le scritte della "Marsigliese" (poverini quei ragazzi, meno male che,pare,non cantata). La saluto alla francese: Allons! Enfants de la patrie le jour de gloire est arrivè!....Roba che se l'avesse fatto Salvini sai il Sandalo, il Gomorro, il Veronese, il Casinò...Ancora nessuna multa a Paris sul monopattino blu-bianco-rosso?

    Report

    Rispondi

  • joepelikan

    05 Settembre 2019 - 12:12

    Vede caro Ferrara, questo governo e i suoi sostenitori sono anime morte. Salvini e Johnson, con tutti i loro difetti ed errori, sono vivi e hanno cuore. Chi sostiene il governo è come Branca Doria nella Divina Commedia.

    Report

    Rispondi

  • dongivu

    05 Settembre 2019 - 10:10

    Che il popolo sia definito e trattato come bue sia da sinistra che da destra non consola. E' vero che il popolo è bue, la democrazia è un sistema pessimo, ma non se ne intravvede uno migliore perchè non c'è. Per chi crede, l'unica strada, percorribile solo da chi si affida a Dio, per passare dalla condizione di bue a quella umana autentica, con ragione e fede che si sostengono a vicenda, è l'ascesi personale cristiana nel quadro misterioso della Chiesa santa e peccatrice.

    Report

    Rispondi

    • joepelikan

      05 Settembre 2019 - 22:10

      Sì, ma occhio a non finire nel girone degli ignavi, inseguiti dai tafani. I morti di Vandea sono tutti santi che ci guardano dal Paradiso.

      Report

      Rispondi

Servizi