cerca

Le magnifiche purghe contro Salvini e Johnson

La storia di due prepotenti puniti e di due crisi parallele, sì, ma molto diverse

5 Settembre 2019 alle 06:00

Le magnifiche purghe contro Salvini e Johnson

Il Foglio è sempre di più un libero giornale contendibile. E per questo oggi vale di più di quando cinque anni fa l’ho lasciato. Cani e porci (io più porco che cane) dicono quel che vogliono senza remore, e questo è bello perché avviene sotto la bacchetta di un formidabile animatore e direttore d’orchestra. Per l’ultima o penultima volta, chissà, vorrei ripetere il senso che ho attribuito, a forza di paradossi e ironie non sempre autoesplicativi, alla formidabile Krisis in cui siamo incappati sulla spiaggia del Papeete (mica tutti possono vedere le crisi “Dallo Steinhof”, come il professor Cacciari).

 

Il punto di partenza è che in una democrazia parlamentare, integrata per la bisogna dal clic rousseauiano, non si dà a un dj energumeno senza camicia il diritto di fissare la data delle nuove elezioni, a brevissimo, per avere i pieni poteri. Il secondo punto è che le cose cambiano, e se ieri andare con i 5 stelle voleva dire piegarsi alla loro trionfante e pimpante sottocultura, oggi vuol dire raccogliere le spoglie del loro fallimento e rabberciare gli affari pubblici con un governo del Rinnegamento, un BisConte pasticciato ma appena decente, un governo senza Toninelli (e spiace) e senza punti di contratto come quelli meravigliosamente elencati ieri da Cerasa qui (pazienza per l’attrattività sempre maggiore di Roma per i visitatori, scemenza più, scemenza meno). Avrei preferito più tatto e distanza, un appoggio esterno, ma vivaddio anche il governo strategico ha i suoi diritti, e i politici si aspettano sempre che le loro ambizioni siano compensate da posti di comando (non me ne adonto né stupisco, anch’io vorrei fare il capo della polizia). Il terzo punto è che le élite devono comandare e le elezioni si tengono alla scadenza costituzionale o, quando ci sia un accordo ampio e l’assenza di una maggioranza di ricambio, con tempi anticipati, ma non in esecuzione di un ricatto di spiaggia.

 

Ed eccoci a Londra, crisi parallela ma diversa. Invece di un clown triste e senza idee se non quelle imprestategli da un Bannon di passaggio (anche per il caos ci vogliono fior di ingegneri), a Londra regna un prince clown, un fiorellino delle élite. Boris, il detto fiorellino, ha subito incassato una sconfitta dal Parlamento, che voleva imbrigliare e in pratica sciogliere, per realizzare la Brexit senza accordo, un taglio netto che a molti sembra necessario dopo troppa pazienza. Boris naturalmente ha lavorato di fino con le regole, coinvolgendo la Regina a Balmoral con un perfetto inchino, e guardandosi bene dallo spogliarsi per chiedere dalla spiaggia di Brighton ai parlamentari di alzare il culo e votare lo scioglimento (gli avrebbero tagliato la testa seduta stante).

 

Ha dunque scelto di cercare di imporre la data di un voto ravvicinato, e forse gli riuscirà, per due motivi: perché nel sistema maggioritario (winner takes all) si usa così, sebbene con remore di cui tra poco, e perché vuole portare a un esito trumpiano sofisticato la divisione radicale tra popolo e parlamento, tra popolo e partiti, tra popolo e élite. Ieri al question time di Westminster, Johnson batteva con foga sempre lo stesso chiodo: imporre al governo di escludere l’uscita senza accordo, no deal, vuol dire imporgli di arrendersi di fronte all’Unione europea, è un surrender bill contro il quale il popolo sarà scatenato in difesa della propria volontà referendaria. Lasciamo stare il fatto che non c’è alcuna guerra con l’Europa nazificata, e il churchillismo di Boris non è approvato nemmeno dal simpatico e massiccio nipote di Churchill, Nicholas Soames: la metafora regge, e il trumpismo johnsoniano potrebbe allegramente trionfare anche se il popolo non ha mai votato per un’uscita senza accordo e le conseguenze, malgrado gli stratagemmi di Dominic Cummings, il serpente di Westminster, sarebbero sopportate sopra tutto da esso popolo.

 

Sarebbe un brutto giorno, ma è come per il collegio elettorale, ideato per combattere gli eccessi plebiscitari negli Stati Uniti, che per paradosso è servito a Trump e ha dannato la sua avversaria. Tutto il disastro politico e istituzionale, che altri possono giudicare una liberazione da pastoie parlamentari e un premio alla volontà generale, seguirebbe il filo di una regola, una volta che Corbyn (perché ora è nei suoi poteri impedirlo) decidesse di dare il via alle elezioni prima di avere la certezza che il “no deal” non si farà.

 

Ecco. C’è un contratto, una forma della politica, che va rispettato. Quando Berlusconi aveva ottimisticamente e soavemente vinto nel maggioritario, per nascondere il ribaltone fu tirata in ballo a sproposito la centralità del Parlamento. Quando uno con il 17 per cento vuole dettare legge con modi bruschi e spicci al resto del Parlamento, nisba. Di qui non nasce una nuova prospettiva strategica, una nuova alleanza epocale, come sostengono ideologi e papere, nasce semplicemente un rimedio, che è l’antico nome delle medicine. Se poi nel frattempo, passata la febbre, si combina qualcosa di buono, meglio. Tutto questo è stato importante non per soddisfare le voglie dei liberali per Salvini, non per arrendersi (surrender bill) al vaffanculo di Grillo, non per ottenere la migliore lista dei ministri possibile e il migliore pres. del con.: è stato necessario per ragioni di pedagogia democratica. Anche un paese analfabetizzato dai dj è bene che ogni tanto si prenda una lezione politica. Non è poco.

Giuliano Ferrara

Giuliano Ferrara

Ferrara, Giuliano. Nato a Roma il 7 gennaio del ’52 da genitori iscritti al partito comunista dal ’42, partigiani combattenti senza orgogli luciferini né retoriche combattentistiche. Famiglia di tradizioni liberali per parte di padre, il nonno Mario era un noto avvocato e pubblicista (editorialista del Mondo di Mario Pannunzio e del Corriere della Sera) che difese gli antifascisti davanti al Tribunale Speciale per la sicurezza dello Stato.

Leggi il curriculum dell'Elefantino scritto dall'Elefantino

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    05 Settembre 2019 - 15:13

    Caro Ferrara - Attendo le sue personali considerazioni sulla chiusura medico- legale- giudiziaria del caso Iman. Marina Berlusconi chiede, ne ha pienissimo diritto: "Ma chi lo ripagherà di quel che in questa storia di consapevole follia gli è stato gettato addosso? Delle paginate sui giornali, anche stranieri, dei servizi su tg, radio, web, di quei talk show che con accanimento morboso per mesi hanno vivisezionato il caso? Qualcuno mai farà mea culpa per questi metodi da sciacalli?” Mi limito ad osservare che la sacrosanta libertà di stampa e d'informazione, quando è totalmente disgiunta da ogni senso di responsabilità, gli impudichi condizionali, lo confermano, genera "metodi da sciacalli" Le platee li adorano, fanno vendere, danno massima audience? Peggio che mai.

    Report

    Rispondi

  • verypeoplista

    verypeoplista

    05 Settembre 2019 - 15:03

    Salvini, la purga, se l'è data da solo; quanto a Johnson, la partita è ancora aperta e vedremo come andrà a finire. Intanto il "Fiscal Compact" (Patto di Bilancio) loro non l'hanno. Quanto a "purghe" sovraniste, immagino sarà al corrente sull'inizio anno scolastico dei ragazzi francesi, a opera del suo Beneamato(Emmanuelle): in classe bandiera francese e in risalto le scritte della "Marsigliese" (poverini quei ragazzi, meno male che,pare,non cantata). La saluto alla francese: Allons! Enfants de la patrie le jour de gloire est arrivè!....Roba che se l'avesse fatto Salvini sai il Sandalo, il Gomorro, il Veronese, il Casinò...Ancora nessuna multa a Paris sul monopattino blu-bianco-rosso?

    Report

    Rispondi

  • joepelikan

    05 Settembre 2019 - 12:50

    Vede caro Ferrara, questo governo e i suoi sostenitori sono anime morte. Salvini e Johnson, con tutti i loro difetti ed errori, sono vivi e hanno cuore. Chi sostiene il governo è come Branca Doria nella Divina Commedia.

    Report

    Rispondi

  • dongivu

    05 Settembre 2019 - 10:12

    Che il popolo sia definito e trattato come bue sia da sinistra che da destra non consola. E' vero che il popolo è bue, la democrazia è un sistema pessimo, ma non se ne intravvede uno migliore perchè non c'è. Per chi crede, l'unica strada, percorribile solo da chi si affida a Dio, per passare dalla condizione di bue a quella umana autentica, con ragione e fede che si sostengono a vicenda, è l'ascesi personale cristiana nel quadro misterioso della Chiesa santa e peccatrice.

    Report

    Rispondi

    • joepelikan

      05 Settembre 2019 - 22:24

      Sì, ma occhio a non finire nel girone degli ignavi, inseguiti dai tafani. I morti di Vandea sono tutti santi che ci guardano dal Paradiso.

      Report

      Rispondi

Servizi