cerca

Conte lancia il suo governo allontanandosi dalla Russia e archiviando Rousseau

Il premier ha accettato l'incarico da parte del presidente Mattarella di formare un nuovo governo: "Dobbiamo consentire all’Italia di svolgere in Ue il ruolo che merita. Il Paese ha l’esigenza di procedere speditamente"

29 Agosto 2019 alle 12:13

Il 23 maggio 2018 s'era presentato come "l'avvocato difensore del popolo italiano", garante del "governo del cambiamento", di quel "contratto su cui si fonda questa esperienza rappresenta in pieno le aspettative di cambiamento degli italiani". Qualche giorno dopo, il 5 giugno, nel suo discorso di insediamento aveva detto che il cambiamento sarebbe stato non solo nazionale, ma anche internazionale: "Saremo fautori di una apertura alla Russia, che ha consolidato negli ultimi anni il suo ruolo internazionale in varie crisi geopolitiche". Poco più di un anno dopo il “governo del cambiamento" non c’è più ma a cambiare è stato Giuseppe Conte. E parecchio. Fuori Salvini e la Russia, dentro il lavoro da fare per sistemare i conti, per evitare l'aumento dell'Iva ma, soprattutto, dentro l'Europa e l’europeismo.

 

L’Italia ha un nuovo governo: l’Europa

L’incarico a Conte e l’unica svolta possibile: fare del prossimo esecutivo il laboratorio europeo dell’anti sovranismo

 

“Con tutti i gruppi parlamentari che hanno manifestato di essere disponibili a sostenere questo progetto politico – ha sottolineato il premier subito dopo aver accettato, con riserva, l’incarico ricevuto da Sergio Mattarella – dobbiamo consentire all’Italia di svolgere in Ue il ruolo che merita. Il Paese ha l’esigenza di procedere speditamente".

  

 

Insomma bisogna fare in fretta perché "dobbiamo uscire al più presto dall’incertezza politica innescata dalla crisi di governo". Per questo serve una manovra "che contrasti l'aumento dell'Iva e che tuteli i risparmiatori con una solida prospettiva di sviluppo sociale". Perché "dobbiamo adoperarci per trasformare questo momento di crisi in opportunità e in occasione di rilancio. Il Paese ha l’esigenza di procedere speditamente".

 

Tempi rapidi, almeno stando al messaggio che Conte lancia dal Quirinale, e soprattutto nessuno scherzo. Un messaggio che sembra rivolto soprattutto al M5s. Perché ora che il presidente della Repubblica gli ha affidato l’incarico, non sarà certo la piattaforma Rousseau a far saltare tutto. Con buona pace degli amanti della democrazia diretta. "Realizzerò un governo nel segno della novità – ha assicurato Conte – è quello che mi chiedono le forze politiche che hanno annunciato la disponibilità a farne parte".

  

  

"Questo è il momento di una nuova stagione", si augura Conte, che sottolinea la necessità di "un’ampia stagione riformatrice, di rilancio e di speranza, che offra al Paese risposte e anche certezze".

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • ncisbani

    29 Agosto 2019 - 19:56

    Conte non mi piace. Post ideologico, post morale, post politico. Double face buono per tutte le stagioni.

    Report

    Rispondi

  • Carletto48

    29 Agosto 2019 - 18:38

    Un bellissimo programma tutto da condividere. Questi sono gli obiettivi, ma come raggiungerli è il vero punto qualificante dei governi e questi qua non mi sembrano in grado di svolgerli. Una letterina di Natale con buoni propositi.

    Report

    Rispondi

  • Skybolt

    29 Agosto 2019 - 16:14

    Archiviando Rousseau? Ma se si fa un altro referendum online? E' la resa completa el PD. Inutile addolcire la pillola. E pensare che a Zingaretti non gli diranno nemmeno grazie.... Prosit.

    Report

    Rispondi

  • Skybolt

    29 Agosto 2019 - 15:14

    Bene, allontaniamoci dalla Russia (chissà che vicinanza, eh?). Dalla Cina, invece, non si dice nulla?

    Report

    Rispondi

Servizi