cerca

Le trame di Di Maio per evitare un governo M5s-Pd

Il direttore Claudio Cerasa ospite di Omnibus su La7: “Il Pd vuole provare a triangolare con Conte per provare a commissariare la parte più estremista dei Cinque stelle"

28 Agosto 2019 alle 12:06

Questa mattina, ospite di Omnibus su La7, il direttore Claudio Cerasa ha parlato della crisi di governo e delle trattative in corso tra Pd e M5s per la costituzione di un nuovo esecutivo. La situazione attuale conferma la tesi che evidenzia "come all'interno del Movimento 5 stelle ci sia una profonda frattura rispetto l'idea di poter fare un governo con il Pd e che tra i principali sostenitori della necessità di fare di tutto per evitare di fare un governo con il Pd ci sia proprio Di Maio che in queste ore è parso essere quello meno convinto a portare avanti questa trattativa". Di Maio infatti "è colui che ha tenuto aperta sino all'ultimo istante l'opzione di ritornare con la Lega, cosa invece che i gruppi parlamentari dei Cinque stelle non vogliono assolutamente".

Claudio Cerasa

Claudio Cerasa

Nasce a Palermo nel 1982, vive a Roma da parecchio tempo, lavora al Foglio dal 2005 e da gennaio 2015 è direttore. Ha scritto qualche libro (“Le catene della sinistra”, con Rizzoli, “Io non posso tacere”, con Einaudi, “Tra l’asino e il cane. Conversazione sull’Italia”, con Rizzoli, “La Presa di Roma”, con Rizzoli, e "Ho visto l'uomo nero", con Castelvecchi), è su Twitter. E’ interista, ma soprattutto palermitano. Va pazzo per i Green Day, gli Strokes, i Killers, i tortini al cioccolato e le ostriche ghiacciate. Due figli.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Guittone d'Arezzo

    Guittone d'Arezzo

    29 Agosto 2019 - 11:43

    E' evidente che di Maio è tendenzialmente volto verso la destra. I due "ragazzi" sono stati allevati, prima di Grillo, in ambiente tutt'altro di centro sinistra. La cosa meraviglia pensando alla scelta fatta a suo tempo da G:R.Casaleggio e da Grillo. Quindi adesso il di Maio si sente spiaggiato a trattare col CS. D'altronde anche D. Casaleggio non è affatto convinto di affiancare il Movimento al PD. In particolare , nella situazione attuale affiancarsi al PD servirà a mettere in evidenza le incongruenze della politica economica del M5S.

    Report

    Rispondi

  • eleonid

    28 Agosto 2019 - 13:58

    Si può capire Di Maio sul suo piano personale. Sicuramente con la Lega avrebbe garantita una più lunga carriera politica, che di questi tempi di redditi bassi se non nulli non è mica poco.

    Report

    Rispondi

Servizi