cerca

La crisi italiana tracima in Europa

Come fa il governo sfiduciato a ottenere un commissario di peso a Bruxelles?

15 Agosto 2019 alle 06:04

La crisi italiana tracima in Europa

foto LaPresse

Come per il governo, anche la nomina del commissario europeo che spetta all’Italia ha una sua data di scadenza: il 26 agosto. L’esecutivo sovranista diceva di avere praticamente già strappato un commissario importante, di grande peso, la cui indicazione spettava alla Lega: addirittura il commissario alla Concorrenza, aveva annunciato tutto festoso Luigi Di Maio. Mentre Salvini era convinto di avere già un suo uomo al centro della politica economica europea: Commercio, Concorrenza, Agricoltura o Industria. E tutto questo magnifico scenario, circonfuso dalla grande abilità tattica di Giuseppe Conte e corroborato dallo straripante successo elettorale di Salvini, secondo i gialloverdi, era a portata di mano. Ecco quindi per mesi la girandola dei nomi, altisonanti, tutti esponenti di rango e di primo piano della Lega: Massimo Garavaglia viceministro dell’Economia, Gian Marco Centinaio ministro dell’Agricoltura, Lorenzo Fontana ministro degli Affari europei… addirittura per un po’ – prima che si ritirasse forse intuendo la fregatura – un peso supermassimo, cioè Giancarlo Giorgetti, il vicesegretario della Lega, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, lo scafato architetto di retrovia di Salvini.

 

Ora la crisi di governo demolisce i pilastri di questa rosea costruzione.

 

Infatti un governo sfiduciato rischia seriamente di non ottenere un commissario di peso. Non solo. Come fa un governo sfiduciato da Salvini a nominare a Bruxelles proprio un uomo della Lega, che tra le altre cose è pure all’opposizione nel Parlamento europeo? Insomma all’opposizione di Ursula von der Leyen, la presidente della commissione europea? Conte arriverà il 20 agosto sfiduciato (o dimissionario) nell’Aula del Senato. E nella settimana successiva dovrà indicare, con un atto di indirizzo politico, il nome del commissario italiano che a questo punto avrà verosimilmente un profilo tecnico. Un danno collaterale della crisi agostana che ancora una volta peserà sulle spalle per fortuna larghe del presidente della Repubblica.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi