cerca

Senza interessi da difendere i nuovi partitini non serviranno a nulla

Un partito verde e uno riformista di centro? Tutto ciò che smuove l’immobilismo del contratto gialloverde è un progresso, ma non si vede il fuoco nella pancia di queste organizzazioni di là da venire

Giuliano Ferrara

Email:

ferrara@ilfoglio.it

30 Luglio 2019 alle 06:00

Senza interessi da difendere i nuovi partitini non serviranno a nulla

Carbon Molecules Large Abstract (dett.), Susan Wooler (foto via Saatchi Art)

Walter Veltroni dice a Rep. che ci vorrebbe un partito Verde, ecologista, parte del centro-sinistra, vedremo poi se con o senza il trattino, al posto di un microrganismo inchiodato al due per cento, com’è oggi. Angelo Panebianco ha detto ieri a Valerio Valentini, qui, che sarebbe auspicabile, mediante scissione di una componente moderata e antipopulista in Forza Italia e nel Pd, la formazione di un partito centrista. Le argomentazioni del politico e del politologo sono in certo senso inattaccabili, almeno sul piano del famoso Sollen, il dover essere. Con qualche bizzarria ma con puntiglio Carlo Calenda aveva fatto per un tratto da battistrada alla sindrome fondatrice e scissionista, proponendo la gemmazione. Vero che in Europa un tratto distintivo in molti paesi è la impetuosa crescita di partiti ecologisti, pragmatici e modernizzatori, in quanto componenti rinnovatrici di sistemi politici invecchiati, e alternative intelligenti al becerume antisistema dei nazipop; vero che la sproporzione italiana tra la chiacchiera apocalittica e la delega dell’ecologismo ai casaleggiani non pragmatici e non modernizzatori, e ai No Tav, è clamorosa. Verissimo che il Pd tende strutturalmente all’autofagia, letteralmente si mangia le unghie e si rode il fegato in una contesa più che ambivalente, forse pluriambigua, tra una vocazione maggioritaria che non si trova, con la proporzionale, e una condivisione di valori presunta con i grillozzi, che notoriamente c’è e non c’è, e per quello che c’è, come giustamente rileva Panebianco, è una condivisione da sballo dei peggiori difetti assistenzialisti e illiberali: un progetto fu quello di liberare il riformismo nel Pd, e magari allearlo nella staffetta con il meglio dell’eredità berlusconiana, ora è il momento di liberare il riformismo dal Pd come nucleo onnicomprensivo ma autolesionista. Che volete obiettare?

   

Eppure, dal punto di vista del Sein, dell’essere o dell’effettuale, e del Müssen, il dovere come implicazione del necessario, obiezioni se ne prospettano. Senza riandare ai partiti storici frutto di circostanze di due secoli trascorsi e altro, che in Italia furono con futile leggerezza e tragiche conseguenze abrogati dalla magistratura anche nella memoria, nel bel mezzo della crisi e trasformazione indotte dalla fine della Guerra fredda, vediamo come sono nati i partiti recenti. La prima Lega di Bossi nacque dalla rivolta nordista e fiscale contro Roma e il centralismo statale, un allegro contrappunto secolare del banditismo meridionale nel cuore del nord produttivo, con qualche rafforzativo gozzuto. Interessi nell’ampolla del Dio Po. Forza Italia nacque dalla difesa della roba di Berlusconi, un pezzo del patrimonio industriale nazionale in via di esproprio dopo Gardini eccetera, e ebbe successo perché parlava all’Italia travolta dalla magistratura militante di un dettaglio che questa aveva trascurato: la libertà e l’autonomia di economia e politica, le libertà civili e anche individuali, che ebbero un temporaneo fulgore all’insegna di una rivolta di sistema favorevole all’alternanza e al maggioritario. Il carisma di un Re delle élite, e danaroso, in rappresentanza di larghi interessi di popolo, educati, nel frastuono multicolore di un’insurrezione personalistica e capatazzara, al meglio di una tradizione mite e nobile (bunga bunga politico e Luigi Einaudi, nientemeno). Il Pd nasce dal Pci e dalla Democrazia cristiana, versione cattolico-democratica, per rappresentare interessi d’innovazione e trasformazione che al momento finale della rottura renziana sono entrati in conflitto con burocrazia, anche mediatica, e vecchio sindacalismo, per non parlare dei costituzionalisti, vil razza dannata.

  

Interessi e radici c’erano. La seconda Lega del Truce nasce dal vento dell’est, tipo Hotel Metropol, combinato e opportunamente incrociato con il maligno vento dell’ovest, Brexit e Trump, e con la riscoperta del dividendo che anche in Italia è notevole di una sottocultura sicuritaria e razzista. Il Truce non ha niente a che fare con il governo e la limitazione dei flussi di immigrazione, ed è tutto riassunto nel teatro di passioni tristi e di paure che su quella circostanza hanno sostituito politiche ragionevoli solo in un quadro europeo e mediterraneo di collaborazione (lo dicono i numeri). Comunque, l’origine è robustamente ideologica e ha a che fare con corposi interessi percepiti. I postfiniani della Meloni, bè, il nome Meloni dice tutto. E si potrebbe continuare vagolando all’estrema sinistra, ma lì dopo l’epopea di Fausto Bertinotti e dell’Arcobaleno verdeggiante è subentrato un deserto che nessuna scissione può ripopolare.

  

Un partito Verde nato da un’intervista sagace sulle macerie dei Verdi effettivi, con l’aiuto del gretismo, forse si può, e magari per molti sarà un progresso. Eppoi tutto quello che smuove il tetro immobilismo del contratto è in definitiva un progresso. Un partito riformista di centro, che guarda a sinistra sia pure soltanto contro la destra del becerume ed è motivato dall’antinazionalpopulismo, sarebbe naturalmente il benvenuto. Ma non si vede il fuoco nella pancia di queste organizzazioni di là da venire, non si vede l’impulso del necessario storico al di là dell’auspicabile politico, non si vede la coalizione attiva e generatrice di interessi sociali chiari, che sono mancanze non da poco.

Giuliano Ferrara

Giuliano Ferrara

Ferrara, Giuliano. Nato a Roma il 7 gennaio del ’52 da genitori iscritti al partito comunista dal ’42, partigiani combattenti senza orgogli luciferini né retoriche combattentistiche. Famiglia di tradizioni liberali per parte di padre, il nonno Mario era un noto avvocato e pubblicista (editorialista del Mondo di Mario Pannunzio e del Corriere della Sera) che difese gli antifascisti davanti al Tribunale Speciale per la sicurezza dello Stato.

Leggi il curriculum dell'Elefantino scritto dall'Elefantino

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    31 Luglio 2019 - 09:08

    Partiti storici abrogati con “futile leggerezza”? Che espressione gentile, caro Giuliano. Da te non me la sarei mai aspettata. L’ironia si fa garbata nella stagione dell’argomentare truculento? A proposito della parabola politica del partito del Cav. forse sarebbe il caso ogni tanto di ricordare quanto in essa gli orfani del socialismo, craxiano e non. Non credi? A scorrere la lista dei ministri nonche’ persino dei capigruppo parlamentari della stagione berlusconiana il nome di ex dirigenti del defunto PSI compare spesso, e in posizioni di prima linea. E fu alleato del Cav. persino il Nuovo PSI del compianto Gianni De Michelis. Per non parlar di Stefania, in lite con il fratello Bobo. Poi sappiamo come e’ andata, con la consueta diaspora in stagione renziana ( Sacconi, Cicchitto ecc, tanto per non far nomi). Quanto all’attualita’, mi par di ricordare che il giovin Toti frequentasse la sede di Via del Corso quando fu illegittimamente perquisita dai carabinieri....

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    30 Luglio 2019 - 16:24

    Caro Ferrara – L’analisi dal punto di vista del Sein e del Mussen, ammesso possano avere interpretazione univoca, universale, configge da sempre con la prosaica, terra terra realtà del: “La botte dà il vino che ha” La nostra contiene un vino acre, acido, frutto del perenne prevalere degli interessi di parte e di fazione. Mai corretto, ingentilito, con quello del bene comune e dell’interesse generale. Ovvio che nel resto del pianeta non trionfi l’irenismo politico e sociale. Sed est modus in rebus atque temporibus. Ergo: vade retro partitini. Abbiamo pervicacemente operato perché i due grandi partiti, PCI e DC, ambedue sostanzialmente interclassisti oltre le apparenze, fossero spazzati via e liberato il campo ad una successione di "amalgami non riusciti" La paralizzante, conflittuale, frammentazione politica nostrana è caratteristica di un'immaturità politica diffusa. Non di "arricchimenti culturali" Ultima proposta inclusa.

    Report

    Rispondi

Servizi