cerca

Lo schema gonzi della diplomazia del rublo

L’influenza russa su partiti e democrazie si estende attraverso banche, oligarchi e uomini d’affari. Le interferenze non sono una fantasia: hanno metodi collaudati. Grecia, Francia, Inghilterra. Che cosa ci dicono le inchieste sugli amici della Lega

13 Luglio 2019 alle 06:07

Lo schema gonzi della diplomazia del rublo

foto LaPresse

Roma. Savoini chi? Matteo Salvini prende le distanze dal suo ex portavoce coinvolto nella trattativa sui fondi russi. Dice di non averlo mai invitato agli incontri ufficiali con le autorità russe e di non sapere cosa ci facesse con lui durante il bilaterale con il ministro dell’Interno russo. “Che ne so cosa ci facesse al tavolo? Chiedetelo a lui”. Cosa ci facesse a quell’incontro istituzionale dello scorso luglio, il Foglio lo aveva chiesto a Savoini subito dopo il meeting. E...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Luciano Capone

Luciano Capone

Sono cresciuto in Irpinia, a Savignano. Sono al Foglio da 12-13 anni, anche se il Foglio non l’ha mai saputo, da quando è diventato la mia piacevole lettura quotidiana. Dal 2014 sono sul Foglio e stavolta lo sa anche il Foglio. Liberista sfrenato, a volte persino selvaggio.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • ancian99

    14 Luglio 2019 - 13:01

    Quanto messo in luce da informazioni riservate o da inchieste non ufficiali ci dà una visione allarmante, ma oscura, del potere acquisito dal Capo Salvini ,che può giungere fino ad accordi segreti con oligarchi russi sotto l'egida del Kremlino e ,quindi, del Capo Supremo, Vladimir Putin. A differenza degli scandali, seguiti da dimissioni o da condanne, negli altri Paesi Europei citati, in Italia tutto finisce in una serie di dichiarazioni , abilmente smentite, da governanti e uomini di fiducia , privi di qualunque rispetto per l'opinione pubblica, ossia, quella formata da persone scrupolose, serie e da media indipendenti.

    Report

    Rispondi

  • Mario 1

    13 Luglio 2019 - 10:10

    Avete scoperto l'argano solo adesso perchè c'è la lega che odiate? è una vita che funziona così, prima i Russi finanziavano i comunisti e gli Americano la DC ve lo siete scordato.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    13 Luglio 2019 - 09:09

    “Interferenze” della Russia? E della Cina? E dell’ America? Ecc. ecc. Scusate, ma qualcuno conosce la storia e la politica? Ovvero la vita da che mondo è mondo? Lasciamo stare il resto del pianeta, e occupiamoci soltanto della nostra storia repubblicana dal dopoguerra, diciamo dal referendum contro la monarchia in poi. Sarà mica che bene o male abbiamo convissuto e siamo cresciuti con qualche “interferenza” diciamo così internazionale e senza fare nomi sia politica che finanziaria? Più o meno lecita ,più o meno trasparente? Ma va la’!

    Report

    Rispondi

  • joepelikan

    13 Luglio 2019 - 08:08

    Non sarebbe così se il conservatorismo occidentale non si fosse ridotto ad una schifezza flaccida, amorale e anticristiana, pronta ad avallare le istanze pervertocratiche di ogni genere. Ricostruire un robusto conservatorismo morale è il primo passo per liberarsi delle influenze putiniane.

    Report

    Rispondi

Servizi