cerca

Lo schema gonzi della diplomazia del rublo

L’influenza russa su partiti e democrazie si estende attraverso banche, oligarchi e uomini d’affari. Le interferenze non sono una fantasia: hanno metodi collaudati. Grecia, Francia, Inghilterra. Che cosa ci dicono le inchieste sugli amici della Lega

13 Luglio 2019 alle 06:07

Lo schema gonzi della diplomazia del rublo

foto LaPresse

Roma. Savoini chi? Matteo Salvini prende le distanze dal suo ex portavoce coinvolto nella trattativa sui fondi russi. Dice di non averlo mai invitato agli incontri ufficiali con le autorità russe e di non sapere cosa ci facesse con lui durante il bilaterale con il ministro dell’Interno russo. “Che ne so cosa ci facesse al tavolo? Chiedetelo a lui”. Cosa ci facesse a quell’incontro istituzionale dello scorso luglio, il Foglio lo aveva chiesto a Savoini subito dopo il meeting. E la sua risposta fu: “Sono nella Lega dal 1991, coordino gli incontri di Salvini con gli ambienti russi. Non è che adesso sia cambiata la situazione”. Aggiungendo non solo di essere stato invitato, ma di aver partecipato all’organizzazione: “L’incontro è stato organizzato dai ministeri. Io ho contribuito con i miei contatti come ho sempre fatto, visto che ho contatti istituzionali”.

  

Savoini, seduto al tavolo del Metropol con i tre personaggi russi, aveva quindi tutte le carte in regola per essere ritenuto un uomo di Salvini, certamente quello delegato dalla Lega agli affari russi. Naturalmente nessuno è in grado di dimostrare se la trattativa avviata si sia conclusa e, nel caso, se sia stata condotta nell’interesse personale di Savoini – come molti leghisti insinuano – o del partito. Ma di certo l’eventuale tentativo russo di influenzare un partito nazionalista in funzione anti Ue e anti Nato non sarebbe un caso singolare. Finanziamenti russi sono sicuramente arrivati a Marine Le Pen, il cui partito ha ricevuto almeno due prestiti da 11 milioni di euro da banche russe (in particolare dalla misconosciuta e poi fallita First Czech-Russian Bank). Un altro caso, oggetto d’indagine nel Regno Unito, riguarda il referendum sulla Brexit. Arron Banks, l’uomo d’affari inglese fondatore di Leave.eu, il principale comitato a sostegno della Brexit, è finito sotto indagine per la sua donazione da 8 milioni di sterline ai gruppi pro Brexit (la più grande donazione della storia politica del Regno Unito).

 

I sospetti che dietro ci sia lo zampino russo derivano da inchieste giornalistiche, come quella del Guardian su un affare nel campo minerario proposto dall’ambasciatore russo a Londra Aleksandr Yakovenko, e sono alimentati dallo stesso Banks che all’inizio ha mentito sul numero delle sue visite all’ambasciata russa (all’inizio era una, ma poi ha ammesso che sono state molte di più, un numero ancora indefinito). Come visto, l’influenza russa sui partiti e sulle democrazie europee si estende attraverso banche, uomini d’affari e oligarchi. Un caso interessante è la Grecia, dove nel 2015 – anticipando in un certo senso la genesi del “governo del cambiamento” italiano – è nato un governo populista e antieuropeista, guidato dalla sinistra radicale di Alexis Tsipras ma con l’appoggio decisivo della destra nazionalista di Panos Kammenos. Ebbene, Kammenos è legato a Konstantin Malofeev, il miliardario ultraortodosso definito “il George Soros di Putin”, finanziatore dei gruppi separatisti in Ucraina e fondatore di una galassia di tv, fondazioni e associazioni (di cui, tra l’altro, fanno parte anche Alexey Komov e Alexander Dugin, presidenti onorari delle associazioni filorusse dei leghisti Savoini e D’Amico). Ad appoggiare Tsipras c’è invece Ivan Savvidis, un oligarca russo ex membro della Duma, molto vicino a Putin, e proprietario di un impero mediatico in Grecia. La vicenda della Lega però somiglia di più all’Ibizagate dello scorso maggio, che ha incastrato il Salvini austriaco, il vicecancelliere austriaco e leader dell’Fpö Heinz-Christian Strache: il video mostrava un politico “sovranista”, pronto a fare gli interessi di Mosca per ottenere denaro e appoggi alla sua scalata politica. Ciò che emerge nei due casi, quello austriaco e quello italiano, indipendentemente dall’effettiva realizzazione del pagamento, è la disponibilità a “vendersi” allo zar. Le interferenze dalla Russia, anche attraverso finanziamenti, non sono una fantasia ma una cosa molto seria. Ciò che però è più preoccupante è il soft power russo, l’influenza carismatica e ideologica di Putin su molti partiti e sull’opinione pubblica europea. Perché vuol dire che molti sono disposti ad attuare l’agenda putiniana anche gratis.

Luciano Capone

Luciano Capone

Sono cresciuto in Irpinia, a Savignano. Sono al Foglio da 12-13 anni, anche se il Foglio non l’ha mai saputo, da quando è diventato la mia piacevole lettura quotidiana. Dal 2014 sono sul Foglio e stavolta lo sa anche il Foglio. Liberista sfrenato, a volte persino selvaggio.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • ancian99

    14 Luglio 2019 - 13:51

    Quanto messo in luce da informazioni riservate o da inchieste non ufficiali ci dà una visione allarmante, ma oscura, del potere acquisito dal Capo Salvini ,che può giungere fino ad accordi segreti con oligarchi russi sotto l'egida del Kremlino e ,quindi, del Capo Supremo, Vladimir Putin. A differenza degli scandali, seguiti da dimissioni o da condanne, negli altri Paesi Europei citati, in Italia tutto finisce in una serie di dichiarazioni , abilmente smentite, da governanti e uomini di fiducia , privi di qualunque rispetto per l'opinione pubblica, ossia, quella formata da persone scrupolose, serie e da media indipendenti.

    Report

    Rispondi

  • Mario 1

    13 Luglio 2019 - 10:37

    Avete scoperto l'argano solo adesso perchè c'è la lega che odiate? è una vita che funziona così, prima i Russi finanziavano i comunisti e gli Americano la DC ve lo siete scordato.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    13 Luglio 2019 - 09:55

    “Interferenze” della Russia? E della Cina? E dell’ America? Ecc. ecc. Scusate, ma qualcuno conosce la storia e la politica? Ovvero la vita da che mondo è mondo? Lasciamo stare il resto del pianeta, e occupiamoci soltanto della nostra storia repubblicana dal dopoguerra, diciamo dal referendum contro la monarchia in poi. Sarà mica che bene o male abbiamo convissuto e siamo cresciuti con qualche “interferenza” diciamo così internazionale e senza fare nomi sia politica che finanziaria? Più o meno lecita ,più o meno trasparente? Ma va la’!

    Report

    Rispondi

  • joepelikan

    13 Luglio 2019 - 08:40

    Non sarebbe così se il conservatorismo occidentale non si fosse ridotto ad una schifezza flaccida, amorale e anticristiana, pronta ad avallare le istanze pervertocratiche di ogni genere. Ricostruire un robusto conservatorismo morale è il primo passo per liberarsi delle influenze putiniane.

    Report

    Rispondi

Servizi