La farsa della privacy nella repubblica grillina

Giuliano Ferrara

15/03/2019

La farsa della privacy nella repubblica grillina

Giulia Sarti (foto LaPresse)

La campagna per mettere le pecette alle foto è grottesca. L’indignazione femminista per il corpo violato è grottesca. La pratica a tutela della femme violée istruita dai probiviri del Movimento 5 Palle è grottesca. La pietosa tragicommedia dell’onorevolessa da chat

Se ho capito bene, la Repubblica benpensante insorge a tutela della privacy di una deputata grillina che ha abbandonato di corsa la presidenza della commissione Giustizia della Camera, detta anche Scatola di tonno, per una brutta storia di malversazioni con denaro pubblico, onestà-tà-tà, condivisa in rissa e potenziali o attuali ricatti con un suo ex fidanzato procace e con il portavoce del presidente del Consiglio dei ministri. Se ho ben capito, la Repubblica benpensante, senza eccezioni a destra e a...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.