cerca

Il film toppato di Moretti

Quando il mito romantico del pueblo si fa gestante e tutore artificiale di quello soreliano del populismo

30 Novembre 2018 alle 18:55

Prima di dilagare come mito soreliano, chiamata all’azione contro il panciafichismo delle élite, il popolo è stato, non solo in Victor Hugo, anche nel più modesto ultimo Novecento, un mito romantico. Due miti armati entrambi, come si conviene alle favole dai tempi di Omero, entrambi a vantaggio di democrazia elettorale. Nel trailer del nuovo doc di Moretti sul Cile del settembre 1973 si vede con commozione un Allende presidente che difende la sovranità del popolo contro l’aviazione golpista in volo assassino sulla Moneda di Santiago, prima di togliersi la vita per estrema protesta con un’arma regalatagli da Castro: sono parole eroiche e tenere di un patriota popolare autolesionista, che compensa abbondantemente nel martirio un certo grado di sprovveduta incertezza e incoscienza politica. El pueblo unido jamás será vencido: musicale, ma falso!

  

Moretti ha le sue bravure e la sua simpatia, ma la sottigliezza politica o storica non è il suo genere. Ci regala in un fuori scena una nuova frase immortale: Io non sono imparziale. Bè, vorrei vedere, se la linea di frattura è tra un presidente eletto e una giunta golpista che bombarda il palazzo, poi arresta tortura e reprime chiunque non sia riuscito a scappare, magari rifugiandosi all’Ambasciata italiana, come lodevolmente racconta il film, chi avrà lo stomaco di dirsi imparziale? Purtroppo i miti romantici semplificano, come dovrebbe sapere bene proprio Moretti, che nel Caimano si immedesima, nel farlocco finale, in un Berlusconi nero, anzi neronico, cacciato dal potere e in fuga nella sua limousine lasciandosi alle spalle un paesaggio di miserie incendiarie e di rivolta anarcopopulista. Alla luce di quanto seguì la crisi del 2011, una composta ritirata del presidente eletto e il suo voto a Mario Monti con Bersani e molti altri, senza bisogno di riabilitare tutta la parabola del Cav. in considerazione di quanto è avvenuto dopo la sua estinzione nazarenica e sostituzione con il mito soreliano incarnato, cioè l’avvento del Truce, bisogna pur dire che Moretti ha toppato. 

 

Molti o pochi, quelli che vedranno il documentario sul Cile potranno, se lo vogliano, riflettere sulla legge dell’incubazione: il mito romantico del pueblo si fa gestante e tutore artificiale di quello soreliano del populismo. Comunque si giudichi il passaggio finale ordinato alla democrazia istituzionale, in un paese come quello che l’aveva nei precordi, eccezione latinoamericana assoluta, i generali e Pinochet e Kissinger, nonostante le regole della Guerra fredda, l’avevano fatta trista e intollerabilmente brutale. Ma el pueblo non era unido, la sinistra era minoranza già nelle presidenziali allendiste (un Fronte popolare da 33 per cento), poi nelle elezioni politiche prima del golpe, ed era minoranza sociale perché le forzature castriste, socialiste, anarchicheggianti, con il dissenso resistente e solidale dei comunisti cileni di allora, avevano generato il mito soreliano, la chiamata all’azione di camionisti e massaie e altro ceto medio declassato e provocato da élite demagogiche: ingravidarono il populismo bieco e autoritario. Come poi si è incaricata di dimostrare anche l’esportazione del castro-chavismo a Caracas, con le conseguenze note, il populismo è una rincorsa di due populismi, uno di sinistra militante e uno di destra attivistica. Non siamo tenuti all’imparzialità, anzi, ma un quanto di narrazione verdadera è sempre benvenuto. Per evitare, almeno, equivoci spiacevoli.

Giuliano Ferrara

Giuliano Ferrara

Ferrara, Giuliano. Nato a Roma il 7 gennaio del ’52 da genitori iscritti al partito comunista dal ’42, partigiani combattenti senza orgogli luciferini né retoriche combattentistiche. Famiglia di tradizioni liberali per parte di padre, il nonno Mario era un noto avvocato e pubblicista (editorialista del Mondo di Mario Pannunzio e del Corriere della Sera) che difese gli antifascisti davanti al Tribunale Speciale per la sicurezza dello Stato.

Leggi il curriculum dell'Elefantino scritto dall'Elefantino

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • agostinomanzi

    02 Dicembre 2018 - 08:08

    SEGNALO che Minoli in un Mixer di quasi 20 anni fa raccontò bene questa vicenda - con immagini dell'epoca - e ci fece conoscere la figura di Enrico Calamai (a cui Moretti somiglia un po') che poi diverrà protagonista positivo anche della terribile vicenda del golpe Argentino (leggere tutti; Niente asilo politico): nel libro di Calamai le sfumature non mancano di certo, anche quelle relative all'atteggiamento avuto sinistra europea e italiana che gridà contro Pinochet e appena sussurrò contro Videla. chissà perché proprio due socialisti dell'epoca, Minoli come giornalista e il presidente Pertini, ebbero la giusta sensibilità per dire e fare le cose giuste.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    01 Dicembre 2018 - 16:04

    Caro Ferrara - Il principio di realtà mi telefona e m’aposrofa: "Comunque la si rigiri, comunque lo si pitti, bianco, rosso, nero, azzurro, verde, giallo: "Ma dove vai, se il pueblo non ce l'hai?" Ma chi l'ha partorito quel rompiballe?

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    01 Dicembre 2018 - 11:11

    Grazie della bella riflessione, caro Giuliano. Quanti sciagurati regimi, anche dalle nostre parti, sono state sostenute ed acclamate dal pueblo unido, a giudicare dalle immagini dei documentari d’epoca?

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    30 Novembre 2018 - 23:11

    Caro Ferrara - Il principio di realtà mi telefona e: "Comunque la si rigiri, comunque lo si pitti, bianco, rosso, nero, azzurro, verde, giallo: "Ma dove vai se il pueblo non ce l'hai?" Ma chi l'ha partorito quel rompiballe?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi