cerca

Anche gli studenti si sono accorti della truffa populista

Gli alunni del liceo Mamiani promettono "un'occupazione civile e costruttiva" contro le politiche del governo. "Siamo orfani di un sogno e siamo pronti a costruirlo", dice il rappresentante del collettivo

23 Ottobre 2018 alle 19:59

Anche gli studenti si sono accorti della truffa populista

(Foto Imagoeconomica)

Il collettivo degli studenti del liceo Mamiani di Roma ha occupato l'istituto come gesto di protesta contro "il cambiamento proposto dall'attuale governo". Guglielmo Mihelj, rappresentante degli studenti del liceo di viale delle Milizie, ha detto al Foglio di volere svolgere "una protesta civile contro l'esecutivo, organizzando attività culturali e aprendo un dibattito tra gli studenti". Il Foglio aveva invitato i giovani a occupare le scuole come segno di dissenso contro la manovra del governo, di cui sono le prime vittime. 

  

Gli alluni del liceo hanno contestato alcune scelte dell'esecutivo, come la chiusura dei porti e il decreto sicurezza. Mihelj ha detto che "il governo Salvini-Di Maio si rifiuta di affrontare i problemi di fondo della nostra società. Hanno una politica ostile contro i migranti che non hanno alcuna responsabilità per quello che accade". Il comunicato pubblicato su Facebook dal collettivo degli studenti spiega che "la chiusura dei porti punta il dito contro un nemico inesistente piuttosto che affrontare le vere cause del disagio sociale italiano ed europeo". Per Mihelj i giovani si sentono trascurati dalla politica: "Non abbiamo agevolazioni sui tram – spiega il rappresentante degli studenti – paghiamo 500 euro per i libri scolastici, perfino studiare è difficile per noi". 

 

Tuttavia, spiega, "non ci sentiamo rappresentati da nessuna forza politica. Anche i governi di centrosinistra degli ultimi quattro anni ci hanno deluso profondamente". Gli studenti del Mamiani condividono questa linea eppure molti di loro non hanno partecipato all'occupazione. "Il nostro più grande nemico è l'indifferenza. Molti miei compagni pensano che la nostra iniziativa non cambierà nulla, altri ne approfittano per uscire con gli amici e per godersi gli ultimi giorni di mare. Però è molto incoraggiante che quest'anno ci siano state poche resistenze nel corpo studentesco riguardo alla protesta. Oggi abbiamo occupato in 800, se terminiamo in 400 è già un successo". 

 

Il Mamiani non è l'unico istituto che ha sostenuto l'iniziativa. "Nella manifestazione contro il governo del 12 ottobre – dice Mihelj – ci siamo confrontati con altre scuole, condividiamo lo stesso manifesto. È difficile organizzare delle iniziative parallele perché ogni scuola ha le proprie esigenze. Però siamo uniti nei nostri scopi. Occupiamo perché siamo orfani di un sogno e siamo pronti a costruirlo". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Skybolt

    24 Ottobre 2018 - 11:11

    Dagli slogan non sembra ....

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    23 Ottobre 2018 - 22:10

    Al direttore - Gli alluni del liceo hanno contestato alcune scelte dell'esecutivo, come la chiusura dei porti e il decreto sicurezza. Un po’ strabici, no? Vabbè sono in sintonia col pensiero alto che tifa per una maggioranza 5S+Pd. Purtroppo sogni muoiono all'alba. Caro Sorgi, non le auguro un imbarazzante risveglio. Stasera Floris esporrà il meglio culturale dell’Italia: Travagflio, Scalfari, Mieli, Di Maio. Scalfari ha chiuso dicendo chiaramente che anche oggi preferisce Berlusconi a Di Maio. Il suddetto continua a prendere per il culo; 400.000 in pensione, 400.000 giovani al lavoro, il Pil crescerà del 1,5%, gli applausi scrosciano. Continua col scaricare tutte le colpe sui suoi predecessori. Applausi bis. Fidarsi di una brava persona che parla così, è dura, molto dura. Anzi è da creduloni ignorati.

    Report

    Rispondi

  • iksamagreb@gmail.com

    iksamagreb

    23 Ottobre 2018 - 21:09

    Poveri ragazzi, ma cosa poter fare, dopo biblici settant'anni di antiScuola! Orfani di un sogno? Solo quello possono permettersi invece, se ne sono capaci e speriamo proprio di si, BISOGNA augurarglielo! E' di tutto il resto invece, di tutto quello che i loro ex compagni di scuola degli anni cinquanta si trovavano a disposizione, che si ritrovano mancanti di tutto. Orfani olistici. Con La Civiltà da far risorgere.

    Report

    Rispondi

Servizi