cerca

Socialisti, liberali e popolari insieme alla ricerca di idee per l’Europa

Per Fabrizio Cicchitto, presidente dell’associazione Riformismo e libertà, “Pd e Forza Italia dovrebbero fondersi in un unico contenitore ma è probabile che non lo faranno e siamo nel disastro"

11 Ottobre 2018 alle 18:05

Socialisti, liberali e popolari insieme alla ricerca di idee per l’Europa

Foto Pixabay

Roma. Decidere da che parte stare, a volte si deve. Oggi, a Palazzo Wedekind, alle ore 9.30 è suonato il campanello d’inizio di una “maratona oratoria” che, nella battaglia tra sovranismo e globalismo, ha scelto la metà campo da occupare. “Nuova Europa contro Vecchia Europa”, s’intitola così il manifesto europeista sottoscritto da Fabrizio Cicchitto, Ferdinando Adornato e Sandro Gozi, tre ex parlamentari, tre profili diversi che mescolano insieme tinte socialiste, liberali e popolari. Tra i keynote speaker, figurano Marco Minniti, Renato Brunetta, Angelo Panebianco, Marco Bentivogli, Giuliano Cazzola. Un universo culturale e politico variegato che riflette sull’impossibile mediazione tra sovranismo e globalismo, e sulla necessità di un “patto trasversale di tutte le energie europeiste e repubblicane’’. D’accordo, i promotori non sono novizi della politica, e la vittoria populista è l’altra faccia del fallimento delle forze politiche tradizionali.

 

Per Fabrizio Cicchitto, presidente dell’associazione Riformismo e libertà, “Pd e Forza Italia dovrebbero fondersi in un unico contenitore ma è probabile che non lo faranno e siamo nel disastro. I paradigmi sono cambiati, il ritorno del nazionalismo comporta il superamento di centrodestra e centrosinistra, i sovranisti lo hanno capito prima degli altri”. Cicchitto è stato in Parlamento per sette legislature, ha ricoperto ruoli di primo piano: un po’ di autocritica? “Del malcontento verso l’Europa devono rispondere principalmente coloro che l’hanno costruita in questi anni: eccesso di rigorismo e mancanza di solidarietà hanno incentivato l’ascesa sovranista. Moscovici e Juncker sono ottimi sparring partner per Salvini e Di Maio, se non esistessero bisognerebbe inventarli”.

 

Nel manifesto c’è l’appello a prendere le distanze dal putinismo per avanzare nell’integrazione europea, a partire dalla difesa comune. “La dimensione internazionale dei sovranisti è Putin. All’epoca del vertice di Pratica di Mare nel 2002, il presidente russo era debole ed emarginato, aveva tutto l’interesse a rientrare nel salotto buono della politica mondiale. Silvio Berlusconi, che ancora oggi manifesta verso di lui amicizia e fiducia, sottovaluta che adesso la situazione è diversa, gli equilibri sono profondamente mutati, alla Casa Bianca c’è Trump e Putin incarna un progetto imperialista che passa per la devastazione dell’Unione europea”. Da dove dovrebbe partire una “nuova Europa federale”? “Bisogna mettere mano all’elezione popolare diretta del presidente della Commissione, serve un Esercito europeo finanziato con i fondi nazionali delle singole politiche di difesa”.

 

Per Sandro Gozi, già sottosegretario alla presidenza del Consiglio nei governi Renzi e Gentiloni, “con il voto del 4 marzo è crollato un intero sistema. Di fronte al polo nazional-populista dobbiamo costruire un’alternativa politica radicale andando oltre il Pd. Anche Forza Italia dovrebbe prenderne atto anziché invitare, a giorni alterni, Salvini a non essere… Salvini. Non invidio la posizione di Antonio Tajani. Ci serve un’Europa che protegge, con un coraggioso piano d’investimenti sociali, per offrire opportunità ai giovani, servono politiche di sicurezza e difesa comuni. Un’Europa sovrana insomma”. Per Ferdinando Adornato, ex parlamentare di lungo corso e presidente della Fondazione Liberal, “i sostenitori della società aperta e della società solidale, storicamente avversari, si debbano riscoprire alleati contro i fautori della società autarchica, nazionalista e pauperista”. Serve un nuovo simbolo? “Sì, serve un nuovo polo, un federatore”.

 

Ha in mente un nome? “Mario Draghi incarna le ragioni per cui l’Italia ha tutto l’interesse a restare nell’Ue e nell’eurozona. Il prossimo anno potrebbe pensarci”. Questa Europa non scalda i cuori però. “Io ho sbagliato poco, sono tra quelli che da quasi vent’anni sostengono la necessità delle riforme perché la democrazia italiana non può reggere senza cambiamenti istituzionali profondi. Sull’Europa il discorso non è diverso: deve fare autocritica una classe politica che non ha avuto la forza di realizzare alcun cambiamento, ed è stata spazzata via dall’onda sovranista”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • aldo.vanini

    31 Ottobre 2018 - 19:07

    Perché ogni volta che si parte con un progetto che superi gli schemi del passato, sia pure recente, per cercare di riportare dignità a una politica passata in mano alla suburra e ristabilire sani rapporti di competente rappresentatività, il primo passo è sempre la autoflagellazione e l'autocritica? Mi pare che di autocritiche ne siano state fatte anche troppe e che, unite alle critiche feroci e fantasiose da parte di chi oggi tiene (?) il timone e di chi ha lavorato dall'interno per affondare la propria barca, continuano a rinforzare il pregiudizio popolare. Quanto sarebbe più utile interiorizzare l'autocritica senza farne una sorta di programma pubblico e proporre, invece un programma nuovo e in positivo...

    Report

    Rispondi

  • eleonid

    11 Ottobre 2018 - 19:07

    Sono d'accordo , è necessario un unico fronte contro i due partiti che si stanno sempre più consolidando per sfasciare l'Europa , vestendo i panni di coloro che per il bene degli italiani

    Report

    Rispondi

Servizi