cerca

Non basta dare i numeri giusti sugli immigrati per fermare la paura

Secondo Marzio Barbagli, professore emerito di Sociologia all’Università di Bologna, “trincerarsi dietro le analisi sulla cosiddetta percezione rischia di fungere da alibi per sottovalutare bisogni ed esigenze reali”

29 Agosto 2018 alle 14:19

Non basta dare i numeri giusti sugli immigrati per fermare la paura, dice Barbagli

Foto LaPresse

Roma. Per la sinistra italiana gli immigrati sono il nuovo proletariato? A sentire Marzio Barbagli, la risposta è sì. “Non dico che i progressisti ricerchino il voto degli immigrati, ma sono portati a difendere le ragioni delle fasce più deboli”, dice al Foglio il professore emerito di Sociologia all’Università di Bologna, già direttore dell’Istituto Cattaneo. “Lo dico da elettore del Pd: rispondere alle paure delle persone sciorinando i numeri relativi al calo degli sbarchi è un errore fatale. Quelle paure non sono frutto di nevrosi o disturbi irrazionali. Gli italiani non sono preoccupati dal rischio islamizzazione, che in effetti non esiste, ma dal rapporto tra immigrazione e criminalità, avvalorato dai numeri”.

 


Marzio Barbagli (foto imagoeconomica)


 

Elaborando i dati del ministero dell’Interno, il professore ha scoperto che per certe categorie di reato esiste un “primato straniero”, e ammetterlo non è da razzisti. Considerando il totale dei denunciati nel 2015, gli stranieri rappresentano il 65 per cento per i borseggi, il 58 per cento per furti negli esercizi commerciali, il 54 per furti in appartamento, circa uno su due per le rapine in abitazione e in pubblica via.

 

“I cittadini non consultano le statistiche ma s’informano attraverso l’esperienza di conoscenti e familiari, notano la frequenza di certi episodi criminosi e sviluppano un senso fondato di insicurezza”. Gli immigrati sono il 7 per cento della popolazione ma, secondo una ricerca dell’Istituto Cattaneo, gli italiani credono che siano circa il quadruplo. “Trincerarsi dietro le analisi sulla cosiddetta percezione rischia di fungere da alibi per sottovalutare bisogni ed esigenze reali”. Per paradosso, il partito dell’ex ministro dell’Interno che ha ridotto gli sbarchi di quasi l’80 per cento non ha saputo farsi interprete della domanda di protezione. “E’ accaduto così. Matteo Renzi non si è mai soffermato sui reati commessi dai migranti, si limitava ad addossare la colpa all’Europa. Il presidente del Pd, Matteo Orfini, ha additato la politica di Marco Minniti come uno dei motivi della vittoria leghista. L’insensibilità sul tema della sicurezza è un problema atavico della sinistra”.

 

L’ideologia che prevale sul senso comune? “Renzi ha una formazione cattolica che lo induce a essere molto generoso verso i migranti. Il gruppo dirigente ha sempre considerato la sicurezza un cavallo di battaglia della destra. Per la base e per l’elettorato Pd, invece, le paure sono anche il frutto delle ingiustizie che gli italiani sperimentano, per esempio, al pronto soccorso di fronte a code interminabili attribuite, principalmente, all’aumento degli immigrati”.

 

Dal 2013 sono arrivati in Italia 700 mila migranti, attualmente si contano 135 mila ricorsi pendenti per le domande d’asilo. Al netto dei flussi secondari verso il nord Europa, chi resta irregolarmente sul territorio nazionale viene assorbito nell’economia illegale e nella criminalità. “In alcune grandi città la quota di stranieri denunciati per le categorie di reato già citate sfiora il 90 per cento. Matteo Salvini cavalca le paure per trarre vantaggio da una situazione che gli italiani reputano insopportabile. La destra offre soluzioni sbagliate a problemi concreti”.

 

Gli episodi di violenze sessuali perpetrate dagli stranieri sono all’ordine del giorno: è manipolazione mediatica o una questione reale? “Talvolta i giornali amplificano certe notizie, la maggior parte delle violenze si consuma tra le pareti domestiche e di rado è oggetto di un esposto. Ciò detto, il 62 per cento dei denunciati è costituito da stranieri, un dato su cui pure la politica dovrebbe riflettere”. In base alle statistiche ufficiali, i cosiddetti femminicidi sono in calo in un contesto in cui gli omicidi hanno raggiunto il tasso più basso degli ultimi cinque secoli. Tuttavia coloro che alimentano l’allarme attorno a questi reati non sono etichettati come “impresari della paura”. “E’ vero, c’è la difesa ideologica di alcuni gruppi di donne che conducono una campagna giusta contro la violenza. Non esiste un’emergenza femminicidio che pure resta un fenomeno grave in sé, come ogni assassinio”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Mercurio 8

    Mercurio 8

    29 Agosto 2018 - 19:07

    I numeri della paura? Salvini ha fatto un calcolo scientifico e lo ha spiegato a Orban. Se basta un sarchiapone per terrorizzare sei boccaloni in un compartimento, lo stesso sarchiapone basta a terrorizzare milioni di boccaloni, se i media funzionano come cassa di risonanza in Italia e in Europa.

    Report

    Rispondi

  • stearm

    29 Agosto 2018 - 15:03

    Insomma ci sono numeri che non devono essere citati perchè mettono in evidenza l'assenza di una vera e propria emergenza 'immigrazione' e numeri che devono essere citati perchè invece giustificano le ansie dei 'nativi'. C'erano anche dei numeri che giustificavano l'antisemitismo. C'erano anche i numeri che giustificavano la caccia all'italiano nell'America dei primi anni del Novecento. Comunque, fate vobis. La percentuale di immigrati che commettono reati contro la proprietà è più alta della percentuale di 'nativi' che commettono reati contro la proprietà. Nel primo caso è ad occhio circa lo 0,5%, nel secondo sarà lo 0,1%. Violenze sessuali si abbassano entrambe: 0,04% riferito agli immigrati (2000 su 5.000.000) e 0,004% riferito ai 'nativi'. Insomma inequivocabilmente gli immigrati commettono alcuni reati più degli italiani. Adesso siamo tutti contenti e possiamo quindi concentrarsi su quello che conta veramente nella vita: i decimali di punti percentuali. Viva i sociologi!

    Report

    Rispondi

  • Skybolt

    29 Agosto 2018 - 15:03

    Sono il proletariato perfetto, senza un'ideologia come il marxismo che li porterebbe a rompere gli zebedei alla chattering class che li patronizza (patronize, direbbero gli anglosassoni), abbastanza lontani da non far parte del proprio mondo e senza rischi che ci entrano. Come li fa sentire bene, superiori, morali, irradianti luce. E l'islamismo? Che sarà mai, signora mia. E poi, divorziare senza pagare...

    Report

    Rispondi

Servizi