cerca

In viaggio con Calenda

L’ex ministro prepara un tour per l’Italia. E il Cav. lo incoraggia

23 Agosto 2018 alle 06:00

In viaggio con Calenda

Foto Imagoeconomica

Roma. Per ora, più che un piano, è un’ipotesi. Ma che pure deve avere una certa concretezza, nella mente di Carlo Calenda, se è vero che l’ex ministro dello Sviluppo l’ha già esposta ai compagni di partito, o meglio compagni di fronte. A quelli attuali, e anche – chissà – a quelli futuri, che oggi stanno in Forza Italia ma che alle europee potrebbero ritrovarsi dallo stesso lato – quello antisovranista – della barricata. L’idea è infatti quella di lanciarsi definitivamente alla guida del “fronte repubblicano”, e farlo inaugurando una campagna itinerante, in giro per l’Italia, a metà settembre. 

  

I dettagli del viaggio calendiano nell’Italia populista restano ancora da definire; intanto, però, il progetto è già stato esposto. Calenda ne ha parlato con alcuni confidenti, ricevendone qualche incoraggiamento più divertito che entusiasta. “Sta sondando: e l’idea, seppure non inedita, può risultare interessante”, dicono nel Pd. Ma ad avere ascoltato i ragionamenti di Calenda, nelle scorse settimane, non sono stati solo amici e compagni di partito. L’ex ministro ha illustrato il suo piano anche a quegli esponenti di Forza Italia sempre meno convinti che il futuro del centrodestra vada ricercato nell’inseguimento forsennato a Matteo Salvini. Tra questi, a inizio luglio, c’è stato anche Paolo Romani, che ha incontrato Calenda col beneplacito di Silvio Berlusconi. Il Cav., a chi lo informava dell’attivismo trasversale dell’illustre neoiscritto del Pd, ha raccomandato di far sapere che “noi azzurri siamo convintamente antipopulisti e antisovranisti”. E chissà se è solo tattica, per ora, l’attesa di vedere e di capire se e come l’intuizione possa evolvere. Sta di fatto che, per il momento, l’eventuale banco di prova della possibile alleanza antisfascista è già stato individuato: le Europee del 2019. Prima, bisognerà capire se la suggestione estiva possa davvero prendere forma, e se questa forma abbia sostanza e credibilità. Chi, al Nazareno, condivide il progetto calendiano, ha già cominciato a fare i conti: l’ex ministro dello Sviluppo potrebbe contare su un terzo, circa, dei consensi di cui ancora gode il Pd. Un cinque o sei per cento che però, risulta evidente, è ben poca cosa. “Bisognerà dare tempo che i frutti maturino”, dice chi ci crede, spiegando che evidentemente il “fronte dovrà aprirsi subito alla società civile”: associazioni, comitati territoriali, i Giovani democratici. E anche per questo il viaggio autunnale dovrà essere ricco d’incontri e d’iniziative, coinvolgendo anche molti imprenditori che guardano con terrore alla minaccia grilloleghista. C’è poi la questione del nome e del simbolo: Calenda ha già da tempo chiarito che c’è bisogno di una svolta che sia anche iconica, ma al contempo non vorrebbe rinunciare né all’identità di un partito di cui ha da poco preso la tessera, né – soprattutto – ai vantaggi di una struttura che, per quanto indebolita, resta radicata e diffusa sul territorio. “Si dovrà fare un congresso al più presto possibile, però”: è questo che Calenda continua a ripetere a chi gli sta più vicino, con una insofferenza crescente nei confronti degli incomprensibili balbettii dell’attuale segreteria. E però, ha spiegato Calenda ai forzisti coi quali ha parlato nella sua estate romana, bisognerà andare oltre anche ai padri putativi dei due schieramenti: Berlusconi da un alto, considerato ormai non in grado di esercitare una leadership adeguata, e Renzi dall’altro, visto da troppe persone, a torto o a ragione, come il responsabile di un fallimento conclamato. “Se ne riparlerà a settembre”, si stringono nelle spalle, ora, i calendiani potenziali. Tutti convinti, comunque, che sia giusto provarci in vista delle Europee: lì, infatti, c’è il voto proporzionale, il più adeguato per misurarsi senza vincoli di mal sopportate fedeltà o di vecchie coalizioni. Sarà un liberi tutti, e l’indomani si conteranno i vincitori, i morti e i feriti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • parodip

    24 Agosto 2018 - 18:06

    Io ci sto. Quando si parte? Il tempo stringe ed ogni giorno che passa questa banda di incompetenti ed arroganti incapaci produce danni sempre meno rimediabili.

    Report

    Rispondi

  • gabriele.gab.monti

    23 Agosto 2018 - 17:05

    il progetto preciso per difendere le elites, mentre occorre qualcosa per promuovere gli outsiders. insomma occorre cestinare "più europa" per fare "più amerika".

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    23 Agosto 2018 - 13:01

    Se Calenda cerca di aggregare sinistra moderata e destra moderata allora potrebbe venirne fuori un corpo politico di grande peso- Lo diciamo? Possiamo pronunciare l'indicibile? Una nuova Democrazia cristiana, attenta ai valori sociali e cristiani ma disponibile anche a chi cristiano non è o non si sente. Tante persone con cui parlo sentono la macanza di una tale formazione politica. E allora Calenda.... Forza e coraggio.....

    Report

    Rispondi

    • fiorevalter

      23 Agosto 2018 - 13:01

      il progetto di Calenda mi sembra l'unica strada proponibile ...ma lascerei stare nomi e pensieri politici del passato. Si tratta di aggregare tutti coloro che rifiutano l'idea di democratura portata avanti dai grillo leghisti e si sentono ancorati come persone che provengono dalla cultura popolare, progressita, conservatrice e liberale all'idea di occidente

      Report

      Rispondi

  • maropadila

    23 Agosto 2018 - 10:10

    Spero che finalmente si cominci a muoversi per costruire un progetto per l'Italia, purchè non sia ristretto al solo PD (o a ciò che ne resta).

    Report

    Rispondi

Servizi