cerca

Caro Di Maio, l’unica politica “del cambiamento” è quella degli innamorati

Appunti dagli amori comunisti di Luciana Castellina

10 Agosto 2018 alle 11:30

Il vicepremier e ministro dello sviluppo economico e del lavoro Luigi di Maio

Luigi Di Maio si è lasciato con la fidanzata Giovanna Melodia nei giorni della formazione del governo

Roma. L’amore “intenso” tra Giovanna Melodia e il ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, è finito mentre iniziava il governo, i primi di giugno. Lo ha raccontato lei a Oggi, ufficializzando così la separazione, con un ritardo ben calcolato, da star. “La politica ha contribuito a farci lasciare”, ha detto. “Prima mi coinvolgeva nelle sue giornate, condivideva tutto con me”, però poi sono arrivati gli incarichi. Prima gli italiani e dopo l’amore, ammesso che resti tempo, ma tanto non ne resta: non c’è tempo e non c’è spazio, cantava Tiziano Ferro.

 

C’è, in questa faccenda da tabloid che ha movimentato un po’ la settimana, ma meno del previsto – non ci appassiona neppure il gossip, ormai, se di mezzo ci sono i ministri e non conta che siano quelli del governo del cambiamento – l’esemplificazione perfetta di una mutazione della politica e del modo in cui la intendiamo e cioè, ormai, “come un lavoro, un mestiere qualsiasi”. Lo dice al Foglio Luciana Castellina, che, invece, al modo in cui amore e politica, vita pubblica e privata si dovrebbero intrecciare e si siano, per lungo tempo, intrecciati, ha dedicato il suo ultimo libro, “Amori comunisti” (Edizioni Nottetempo).

 

“Amore mio, avevamo deciso di non parlare di noi, in quest’anno 1941. C’è il mondo e il nostro paese e la fame e la morte e la nostra separazione e la speranza e le vittorie e col mondo e col nostro paese mescolati a essi ci siamo anche noi due con la nostra separazione e il nostro amore”, scriveva Nazim Hikmet, il poeta che la figlia di Stalin, Svetlana Allilujeva, definì “espressione del comunismo romantico”, che entrava e usciva dal carcere e sempre con una donna in più nel cuore, una alla quale scrivere lettere e versi, una alla quale indirizzare un’idea precisa di mondo e la speranza di vederla realizzata, una con cui dividere l’onere di fare in modo che accadesse. E’ questo che s’è perduto: la capacità di costruire un amore intorno a un progetto che non sia il rafforzamento del proprio clan ma l’intervento sul mondo, per migliorarlo, per arricchirlo.

 

“Il senso più profondo della politica è portare al massimo il rapporto con l’altro. Io l’ho sempre detto e senza alcun sarcasmo: la politica si fa con la passione di un grande amore e viceversa, sono due cose che si alimentano e non che si autoescludono”, dice Castellina. E’ stato il benedetto crollo delle ideologie a ribaltare tutto, a farci difendere da quegli amori così assoluti e indistinguibili dall’impegno, dalla lotta, dall’intervento? “Ideologia è una parola equivocata. La si è intesa come costruzione artificiale che travisava la realtà imponendone una, oppure come visione del mondo. S’è scelto di assalire l’ideologia come visione del mondo e questo ha reso la politica un affare per mestieranti”. Il nostro è un governo di mestieranti? “E’ un governo che, più di altri, mostra la regressione del nostro tempo all’uomo a-sociale, che non si definisce a partire dalla relazione con gli altri, che bada solo ai propri consanguinei e che, quindi, non può che praticare la politica come competizione, anziché come cooperazione. E’ un processo che è cominciato negli anni Ottanta e che dall’investire le relazione pubbliche è finito con il travolgere anche quelle private”.

 

L’esclusiva che Di Maio ha smesso di garantire a Giovanna Melodia (“prima condividevamo tutto”) è una dedizione ristretta, per due, amorale: lei non vuole essere coinvolta per costruire con lui, per collaborare con lui, bensì per sentire realizzata la condivisione, per quel narcisismo che ci porta, ossessivamente, a volerci sentire inclusi. “Il totalitarismo della sfera individuale porta a vedere l’esterno come minaccia, anziché come approdo della propria unione. Vede, in nessuna delle tre storie che ho raccontato, tutte molto dolorose o difficili, c’è qualcuno che dice mai ‘di me non ti occupavi abbastanza’”. Scrisse Hikmet che “un marxista non è un uomo meccanico, un robot, ma un concreto socio-storico essere umano in carne e sangue, nervi e testa e cuore”.

 

A Di Maio, invece, la sua ex compagna rimprovera d’essersi fatto trasformare in robot dagli impegni di governo. “Torniamo sempre al solito punto: è una questione di prospettive. Se la politica la intendi e la fai come concertazione di interessi, ti inaridisce. Se, invece, la pratichi come ciò che è davvero, come amore per gli altri, un amore di coppia non può che trarne linfa e, soprattutto, restituirne”. Sta dicendo che al governo farebbero bene donne e uomini che si amano? “Certo che sì: voler bene a qualcuno fa amare di più gli altri e gli altri sono quanto di più politico ci sia”. Quindi è per l’individualismo che abbiamo smesso di credere che la nostra vita possa spendersi tra pubblico e privato senza troppe distinzioni: “Anche perché abbiamo una smania di possesso di tutto: molto più che vivere, c’interessa possedere”.

 

A sbugiardare la narrazione amorosa e amorevole del “Prima gli italiani”, del “vi voglio bene, amici” (Salvini chiude così molti dei suoi status sui social network), del “dico e parlo da padre” di molti ministri legastellati – una narrazione che di ciascuno dei politici del cambiamento ha fatto un uomo del popolo, uno di noi, un cittadino pubblico e privato – sono arrivate le fidanzate: Elisa Isoardi, quando ha detto che si sarebbe ritirata nell’ombra per lasciare spazio a Matteo Salvini, e Giovanna Melodia, stabilendo che stare al fianco di un ministro è incompatibile con l’amore.

 

Scrive Castellina nel suo libro che per chi si fa coinvolgere dalla Storia fino in fondo, la vita privata e quella pubblica sono così strettamente intrecciate che a volte si scambiano e si confondono. Il nostro, invece, è il tempo del dominio dell’una sull’altra, del preservarne una per sacrificare l’altra. Siam fatti così. Non mescoliamo. Non ci mescoliamo, come Hikmet e il suo amore, al nostro mondo e al nostro paese. “Ma poi scusi… nei giorni di formazione del governo ci siamo annoiati noi, si figuri la fidanzata di Luigi Di Maio”. Ed ha proprio ragione Luciana Castellina. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi