Il Mondiale della goduria

L’Europa che domina il Mondiale. Le nazioni che scelgono il Leave che pagano un pegno. L’Italia che capisce cosa vuol dire stare fuori da tutto. E una finale tra chi l’euro lo difende e chi lo sogna: Francia e Croazia. Come il calcio spiega il mondo

Claudio Cerasa

Email:

cerasa@ilfoglio.it

14 Luglio 2018 alle 06:16

Il Mondiale della goduria

Tifosi allo stadio Niznij Novgorod, durante i Mondiali in Russia (foto LaPresse)

Il grande antidoto alla frustrazione dei nostri tempi è uno spettacolo che andrà in onda domenica pomeriggio alle 17 e che coincide con l’atto finale dei Mondiali russi, che ci stanno facendo impazzire di gioia per alcuni motivi che se vogliamo riguardano anche l’Italia. Mescolare la politica con il calcio è un’operazione non meno pericolosa di mescolare la politica con il Grande Fratello (oooops) ma i Mondiali russi ci offrono da giorni spunti simbolici di riflessione che sembrano essere usciti...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • fabriziocelliforli

    14 Luglio 2018 - 22:10

    Chiedo scusa . Trattasi di delirio. Premessa: ho goduto allo scontro dei motociclisti in parata; ho goduto vedere le emule francesi (robetta) delle Frecce Tricolori, cappellare i colori delle scie. Da noi non è mai successo. Fine delle premessa. Non so come finirà e da 1 a 100 me ne fotte circa -1000 (meno mille). Dopodiché mi affretto ad aggiungere che avrei pagato per vedere, l'una contro l'altra, Inghilterra e Russia. Perché è una delle cose sottintese a questo mondiale insieme al ruolo degli spetnaz nelle camere degli allenatori (sto inventando!) . Il ruolo di Singapore combinato con la Gb e le altre, nelle scommesse lecite e illecite. Ma soprattutto: io NON mi meraviglio che la Francia sia in finale. Rendo noto che, dopo l'Italia (se ci fossimo qualificati saremmo lì a giocarcela), la Francia ha avuto il partito comunista più grande d'europa e occidente. Dopo l'italia. Ma LO SANNO ANCHE I SASSI CHE FRANCIA E RUSSIA è DAL 1945 CHE FLIRTANO.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    14 Luglio 2018 - 19:07

    Io il giudizio su la Francia lo do dando attenzione ai versi della Marsigliese .Un grido di barbarie e la Francia è ancora la stessa della revoluscion taglia teste a cacchio di cane.O si dovrebbe dire a pene di veltro.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    14 Luglio 2018 - 18:06

    A me è parso molto interessante che la Grande Madre Russa abbia aperto le sue tenere braccia all'occidente con i campionati del mondo di calcio senza scatenare 14 milioni di agenti segreti della Lubianja, smentendo i cornutoni antiPutin . Cornutissimi perchè si ostinano a mentire su la Russia non Europa quando la storia racconta che Caterina e Pietro la vollero massimamente europea,tanto che ai tempi di Toltoj la gente bene russa parlava francese. Cornutissimi li sotici che inventano una Russi di fino '800 come un paese di cavernicoli. Sì la Russia divenne paese di cavernicoli con il colpo di stato dei comunisti. Cornuti doppio.

    Report

    Rispondi

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    14 Luglio 2018 - 17:05

    Nella speranza che vinca, chissà se la Croazia avrà il tempo per entrare nel trattato di Schengen e di aderire all'euro. In questo caso non saprei proprio cosa augurarle. Se non che, per una giovane nazione che ha da poco ritrovato libertà ed indipendenza, di stare bene attenta a non perderla di nuovo. E poi, archiviato il tempo dei gufi, ora c'è quello di cigni (neri)

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi