I “cento giorni” di Zingaretti e “specchio riflesso” col governo

Nel Lazio non c’è maggioranza ma si governa, nel paese la maggioranza c’è, ma il governo brancola. Un messaggio al Pd

Marianna Rizzini

Email:

rizzini@ilfoglio.it

14 Luglio 2018 alle 06:19

Nel Lazio può nascere un’alleanza innovativa, “fuori da  schemi nazionali”, dice Zingaretti (Pd)

Foto LaPresse

Roma. “Cento giorni cento fatti”: così il presidente della Regione Lazio e futuro candidato alla segreteria del Pd Nicola Zingaretti ha presentato ieri il bilancio dei primi tre mesi di governo nella strana condizione in cui, pur avendo Zingaretti vinto, la maggioranza non c’è (la cosiddetta “anatra zoppa”). Dice il governatore: “Quello che era un problema è diventata un’opportunità: nessuno vuole nascondere il fatto di una situazione anomala. Da qui l’ossessione di concentrarsi sul metodo, con cose utili per la...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • p.risoluti

    14 Luglio 2018 - 17:05

    Perché nessuno parla dello stato delle strade del Lazio? E delle discariche abusive che si trovano in quasi ogni piazzola delle strade che portano alla Capitale? Fatevi un giro sulla Cassia bis, sulla Pontina, ecc. Oppure quello che conta sono le politiche dl welfare per gli studenti, il diritto alla studio (che non vuol dire eliminare il degrado delle scuole e degli edifici scolastici ). E' noto in fatti che il problema del Lazio è il diritto allo studio! Oppure il sostegno al Cinema….Le cose importanti sono queste: strade, immondizia, sono, come diceva Totò, quisquiglie.. P. Risoluti

    Report

    Rispondi

Servizi