cerca

Il lapsus di Conte sulla giustizia non è un lapsus: è il programma

Presunzione di colpevolezza. E’ questa la cultura politica dei grillini, vista all’opera in anni di opposizione parlamentare e linciaggio pubblico, e ora visibile anche sui banchi del governo

6 Giugno 2018 alle 21:18

Il lapsus di Conte sulla giustizia non è un lapsus: è il programma

Giuseppe Conte e Luigi Di Maio alla Camera. Foto LaPresse

E’ come se Matteo Salvini, da neo ministro dell’Interno, avesse detto nel suo discorso sull’immigrazione: “Agiremo nel rispetto della Costituzione, non discrimineremo nessuno, neppure i negri”. E d’altronde è proprio come la prima uscita da ministro della Famiglia del leghista Lorenzo Fontana, che dice che lui è contro le famiglie omosessuali anche se ha “tanti amici gay”. Ecco, se c’è qualcosa su cui un premier del Movimento 5 stelle non dovrebbe fare gaffe è proprio la giustizia, dove le accuse di giustizialismo hanno un minimo di fondamento come quelle di razzismo e omofobia per la Lega.

   

E invece Giuseppe Conte, che tra l’altro secondo il suo fitto curriculum è giurista e anche avvocato, nell’aula di Montecitorio dove era a chiedere la fiducia al Parlamento, ha detto che il suo governo agirà “nel rispetto dei principi costituzionali: presunzione della colpevolezza e diritto a un processo giusto”. Naturalmente si tratta di un lapsus, che però ribalta il senso dell’articolo 27 della Costituzione, quello che parla della presunzione di innocenza (non colpevolezza): “L’imputato non è considerato colpevole sino alla condanna definitiva”. Ed è un lapsus che però, per puro caso, mostra chiaramente che l’ispiratore del programma e della filosofia del diritto della nuova maggioranza è Piercamillo Davigo, colui che in un certo senso ha teorizzato la presunzione di colpevolezza: “Non esistono innocenti; esistono solo colpevoli non ancora scoperti”, è una delle sue massime più famose. Come quella secondo cui gli errori giudiziari più che “gli innocenti messi in carcere” riguardano “i colpevoli che la fanno franca”, un concetto che estende la presunzione di colpevolezza anche oltre l’assoluzione definitiva, oltre ogni ragionevole dubbio. E la mano, o quantomeno le manette, dell’ex presidente dell’Anm e capocorrente Davigo si vede in tutto il “contratto di governo” che è pieno di populismo penale, aumento delle pene e riduzione delle garanzie, agenti provocatori e sterilizzazione della prescrizione, repressione e intercettazione.

  

Il teorema Davigo applicato al governo Conte

Così il lapsus del premier alla Camera rivela l'idea di giustizia dell'esecutivo gialloverde

  

      

E’ questa la cultura politica dei grillini, vista all’opera in anni di opposizione parlamentare e linciaggio pubblico, e ora visibile anche sui banchi del governo, dove siede in qualità di ministro della Sanità Giulia Grillo, che in passato insieme al suo gruppo aveva chiesto le dimissioni di Ilaria Capua, la virologa ed ex deputata di Scelta Civica ingiustamente accusata e messa alla gogna per l’inchiesta sulla “grande truffa del traffico di virus per vendere i vaccini”. Non era una grande truffa, ma una grande fuffa, che il M5s ha cavalcato senza rispetto della presunzione di innocenza e di una persona che era solo indagata sul nulla.

 

In un altro passaggio sulla giustizia Conte ha detto che in Italia “gli stessi gruppi politici, delle volte, vengono accusati di giustizialismo e, delle volte, invece, di garantismo”. In realtà per quanto riguarda il suo partito, mai a nessuno è venuto in mente di “accusarlo” di garantismo. Tutti sanno che per il M5s la presunzione d’innocenza è un lapsus e l’articolo 27 della Costituzione un apostrofo negro tra le parole “t’arresto”.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • albertoxmura

    07 Giugno 2018 - 10:10

    Alcuni logici chiamano il principio di non contraddizione "principio di contraddizione". Non è un errore ma una convenzione abbreviativa. Puo` darsi che lo stesso accada in ambito giuridico per la presunzione di non colpevolezza. Oppure può essersi trattato di un refuso nel testo scritto. Sarebbe un'enormità se Conte, professore ordinario in materie giuridiche, ignorasse l'art. 27 della Carta costituzionale. Detesto il giustizialismo, ma non credo che si possa impiccare nessuno a un refuso, perché ciò, a suo modo, è indice di una mentalità giustizialista, che condanna senza appello e senza nemmeno chiedere all'"imputato" che cosa ha da dire a sua discolpa.

    Report

    Rispondi

    • gblopez

      09 Giugno 2018 - 08:08

      Quando ci sarà la Repubblica Davighiana, dove non ci sono innocenti ma solo "colpevoli non ancora scoperti" potrà sempre dire a chi si lamenta "Ma io ve lo avevo detto!" p.s. per favore non replicatemi che la frase tra virgolette era solo una frase paradossale. G. Lopez

      Report

      Rispondi

Servizi