cerca

La rozzezza di Salvini si può curare senza patti con i vaffanculisti

Istituzionalizzare la sfida tra popolo ed élite per rendere accettabile la lotta politica. E’ dura, ma sarebbe un progresso

31 Maggio 2018 alle 06:12

La rozzezza di Salvini si può curare senza patti con i vaffanculisti

Matteo Salvini (foto LaPresse)

Salvini ha una rozzezza di tono e argomenti repellente, un’efficacia demagogica che disturba, copia modelli tribunizi che detesto, la sua scorrettezza è come quella di Trump, farlocca e non credibile. Di più: siccome è vero quanto diceva Lucio Colletti, che dopo una certa età ciascuno è responsabile della sua faccia, il capo della Lega ha tratti pertinenti violenti e minacciosi, di un primitivismo per me umanamente insostenibile. A me piacevano facce come quelle di Emilio Colombo, Enrico Berlinguer, Arnaldo Forlani, Bettino Craxi, Giulio Andreotti, non ci posso fare niente. A questo giudizio consolidato aggiungo, dopo la sua prima vera prova sulla scena nazionale di una crisi maggiore, che Salvini ha una certa abilità politica, e da parte mia certo questo è un complimento, sia pure a doppia valenza, che induce a un riflesso di autodifesa e a una considerazione più spassionata. (Tralascio paragoni con il suo gemello attuale, Di Maio, che con tutta la sua banda di vaffanculisti e fascistelli mi sembra un fenomeno di pura asineria, e basta).

 

Ho visto il comportamento di Salvini e la sua finale, tracotante, uscita dal “contratto”, con il rifiuto, che chissà fin quando dura, di rieditare l’esperienza in funzione delle suppliche raglianti dei grillozzi. Ora è in bilico: il suo trumpismo sfacciato, evidente nella centralità che ha attribuito alla logica di rottura immediata e schiaffeggiante con l’Unione europea, che prende il nome dal professor Paolo Savona, e chissenefrega della mediazione con il presidente della Repubblica e dei mercati finanziari e della Costituzione e del pareggio di bilancio firmato Giorgetti, si corregge forse nell’assunzione, invece che di una campagna “per il governo del cambiamento” con la masnada anticasta, di una leadership del centrodestra, non quello classico, ovvio, ma quello che Salvini considera egemonicamente “suo”, ormai. Non si sa come butti, ma potrebbe succedere che il piano B europeo, non scattato con certi metodi trucidi e alleati trucidissimi nel loro opportunismo (impeachment e impingement, e traffici col Quirinale senza nemmeno scusarsi), venga sostituito da un piano B italiano e molto salviniano. Pro domo sua, ovvio. Meglio cercare di scalare la guida del governo a settembre-ottobre che fare da junior partner, per quanto più esperto e manovriero, in un’alleanza sorvegliata a vista da poteri costituzionali che bocciando il segnacolo Savona, con la crisi finanziaria galoppante che si sa, hanno dato un drastico avvertimento. Il 17 per cento gli sta stretto, adesso, e se uno voglia combinare qualcosa deve partire da Palazzo Chigi, magari con un plebiscito personale che compensi la debolezza storica in Italia degli esecutivi e con una maggioranza meno occasionale e contrattuale, che tenga conto della natura profonda della Lega nel nord sensibile ai danè e alla sicurezza cosiddetta, e a procedure nazional-padane che si distinguono dagli azzardi di spesa improduttiva sul fronte meridionale-clientelare.

 

Ripeto che sarei avversario di una soluzione di sfida all’Unione europea e di uso demagogico delle politiche fiscali e previdenziali, per non dire della caccia al negher, ma per farti capire, oh lettore, a che punto siamo arrivati, bè, ti confesso che un Salvini pur sempre primitivo il quale abbandoni metodo e follia del “contratto” per una istituzionalizzazione della protesta popolo versus élite lo considererei un progresso verso un quadro più accettabile di lotta politica, su una base di maggiore legittimità. E ho detto tutto.

       

Ps. Può essere che Salvini, diffidente delle elezioni a luglio, quando il nord è in vacanza a spendere i suoi solidi euro, e di una soluzione tecnica intorno a Cottarelli che Di Maio denuncerebbe come un Monti-bis, scelga lo scambio di cui si è parlato: Giorgetti a Palazzo Chigi-Savona a casa, facendo il governo stramaledetto del “contratto” in condizioni per la Lega ultrafavorevoli. Questo introdurrebbe un’ulteriore ambiguità in tutto il mio schema, che di per sé è già ambiguo come sempre la politica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni

    31 Maggio 2018 - 15:03

    Certo che questo personaggio che dopo tutto ha avuto appena il 17% dei voti che gli italiani hanno espresso con una affluenza del 73% sta forse impadronendosi dell'Italia. E poichè noi italiani andiamo sempre in soccorso del vincitore gli ultimi sondaggi danno la Lega al 28% mentre i casaleggios scendono al 30% scarso. Un leggerissimo aumento dello 0,5% va al PD mentre Forza Italia va sempre peggio. Boh !!! Prepariamoci al diluvio e forse a vedere la versione dal vivo del film "Sono tornato"

    Report

    Rispondi

  • DBartalesi

    31 Maggio 2018 - 15:03

    Certo. Salvini potrebbe fare il leader del centro destra, augurandoci che molli quell'alchimia politica con cui ancora cincischia, figlia di una legge elettorale perversa e di incapacità politiche a vario titolo espresse. Si spera nel governo di transito dell'ottimo Cottarelli e in una nuova legge eletorale. Al meglio, che ci consenta di eleggere anche il presidente. Errare umanum est perseverare...

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    31 Maggio 2018 - 15:03

    Nelle mie personali fenomenologia e zoologia di conoscenze dirette valuto tranquillamente che almeno metà di parecchie decine voterebbe per la prima volta in vita un Salvini che smetta di sparare cazzate cui non crede neanche lui sull'euro. Almeno metà di questi non lo ammetterà, così come ai bei tempi nessuno ammetteva di votare DC ma poi nelle urne la DC viaggiava attorno a un solido 40%. E allora sarà chiaro anche che la caccia al negher non rappresenta un discrimine per nessuno. Anzi gli insospettabili e correttissimi parteciperanno in massa, scoperti dalla matematica.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    31 Maggio 2018 - 13:01

    Visto dalla tribuna. In un mondo interconnesso in tempo reale, con un flusso continuo, incessante di voci, di dichiarazioni, di Twitter, di presunte notizie facilmente manipolabili, caratterizzato dal peso condizionante dei mercati dell’informazione e dal protagonismo dei social, degli influencer, dei cittadini cui s’è fatto credere di essere statisti, esperti politici ed economici e istituzionali. Bene in questo mondo, in cui però è sempre presente la richiesta eterna di “panem et circences” e la ricerca ossessiva della parte che possa assicurarlo, ha generato un clima schizofrenico e qualunquista. Il contrario, l’opposto, di ciò che sarebbe necessario. Ma finché non sarà deciso quale governo e come, lo potrà assicurare, la telenovela continuerà

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi