cerca

La fake news di Di Maio sul suo incontro con Savona

Il capo politico dei 5 stelle aveva detto di avere conosciuto il professore quindici giorni fa. Ma c'è un video che lo smentisce

30 Maggio 2018 alle 14:13

Di Maio

Luigi Di Maio (foto LaPresse)

Chi è nata prima, la coppia Di Maio-Salvini o la coppia Di Maio-Savona? E soprattutto, chi ha conosciuto chi? Quando? Pochi giorni fa, subito dopo che il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, ponendo il veto sulla nomina di Paolo Savona come ministro dell'Economia aveva fatto naufragare il sogno di un governo grillo-leghista, il capo politico del M5s Luigi Di Maio aveva spiegato, non senza rabbia, che lui aveva conosciuto il professore universitario “meno di un mese fa, quindici giorni fa”, per giunta in compagnia di Matteo Salvini (vedi il video sotto).

 

 

 

Peccato che la versione di Di Maio non corrisponda alla realtà. Lo scorso 23 maggio, infatti, Social media news ha pubblicato su YouTube un video di una conferenza che l'economista sardo ha tenuto il 16 settembre 2016 al T-Hotel di Cagliari. Le immagini sono state riprese alcuni giorni dopo anche dal sito online Youtg.net e smentiscono nettamente la versione del leader grillino. Parlando alla platea, infatti, Savona racconta di aver dialogato con Di Maio e che lo stesso gli avrebbe indicato l'uscita dall'euro come unica soluzione per rispondere all'insoddisfazione crescente dei cittadini italiani ed europei. “Ho avuto un lungo colloquio con Di Maio, dicendogli: ma qual è la tua risposta? - spiega Savona -. E  lui mi ha risposto: dobbiamo uscire dall'euro” (guarda il video sotto).

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • guido.valota

    30 Maggio 2018 - 15:03

    Per non parlare dello sketch nel quale un illustre economista chiede a uno steward del San Paolo (nella tribuna d'onore, va concesso) la soluzione ai mali d'Italia.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    30 Maggio 2018 - 15:03

    In realtà Di Maio sarebbe anche in buona fede, non potendo umanamente ricordarsi tutte le versioni di tutte le balle che racconta in giro. In un paese popolato da gente normale rappresenterebbe il limite dei parassiti che vivono di espedienti. Basterebbe una menzogna come questa, su di un argomentino da nulla come l'uscita dall'euro poi, per tagliarlo fuori. Qui invece questo limite non esiste e qualunque bugiardo, col pubblico che si ritrova, può permettersi di sostenere tutto e, dopo pochi secondi, il contrario di tutto e a ripetizione. A questo proposito è sempre utile una periodica rilettura di un po' di statistiche, e dei relativi fact check perché non si sa mai, riguardanti il tasso di analfabetismo funzionale in Italia.

    Report

    Rispondi

Servizi