cerca

M5s tanti programmi

Gli ammiccamenti di Casalino, l’imbarazzo di Casaleggio, e la strategia del belletto che non piace a Di Battista

Salvatore Merlo

Email:

merlo@ilfoglio.it

18 Aprile 2018 alle 06:05

M5s tanti programmi

Luigi Di Maio (foto LaPresse)

Roma. Stava lì in bella vista il programma modificato del Movimento cinque stelle, come la lettera rubata di Edgar Allan Poe, uno di quegli oggetti che sfuggono alle perquisizioni più minuziose, e che semplicemente sono esposti agli occhi di tutti, passando inosservati, su un caminetto. “Adesso ci contestano di essere diventati un’altra cosa”, si lamentava ieri mattina Manlio Di Stefano, il deputato del M5s, l’esperto di esteri, lui che più di tutti aveva contribuito alla prima versione del programma, quella critica con gli Stati Uniti, con l’euro, con l’Alleanza atlantica, lui che ha vissuto emotivamente la sordina imposta da Luigi Di Maio, lui che soffre, e a stento si trattiene, proprio come il suo amico Alessandro Di Battista. Dibba il barricadero, Dibba l’inquieto, lui che invece non si trattiene affatto e da qualche giorno è per questo oggetto di caute rimostranze da parte di Di Maio e del suo alleato più fedele, Riccardo Fraccaro: “Possibile che Alessandro non capisca che adesso dobbiamo rassicurare?”. E allora eccolo il conflitto nel Movimento cinque stelle, che riesplode anche sul trucco del programma occultato e svelato dal Foglio. Ecco il conflitto tra gli incravattati e i descamisadi, tra quelli che nascondono il vaffa e la democrazia diretta (dall’alto) sotto il blazer – a me gli occhi! – e quelli che invece urlando rivelano il trucco e rovinano l’effetto di scena.

 

A metà pomeriggio, in Transatlantico, il capo dello staff del Movimento cinque stelle, Rocco Casalino, fa spallucce, quasi sbadiglia, “questa storia del programma mi annoia”, dice, “ci sono cose molto più importanti. C’è la grande politica, c’è la Siria, c’è il governo da fare…”. La comunicazione ufficiale del Movimento farfuglia, ammicca, allude, scivola. E però così lascia intendere il reale imbarazzo d’essere stati beccati, quello che un po’ ieri pare abbia sorpreso anche Davide Casaleggio, mentre era a pranzo con Luigi Di Maio, proprio di fronte al palazzo dei gruppi parlamentari di Montecitorio: “Ma che motivo c’era di fare un pasticcio del genere?”. Qualcuno, con solerzia, interpretando la fase politica immaginata proprio da Casaleggio, ha voluto dare una passata di fard, un ulteriore velo di cerone sulla natura del Movimento. Perché la sostituzione del programma di governo è come la grisaglia di Di Maio, è come la carrellata dei candidati “competenti”, come la mania di circondarsi di professori, è come le visite alle ambasciate, come gli interventi al Forum Ambrosetti, come i conciliaboli con gli investitori della City, come quelle “cortesie istituzionali”, così dice Di Maio, rivolte al presidente Sergio Mattarella, l’arbitro che appena li deluderà, c’è da scommetterci, tornerà a essere “una mummia”, “un ologramma di un ologramma”, “la proiezione di qualcosa di morboso”, come diceva Beppe Grillo.

 

“Adesso ci contestano d’essere diventati un’altra cosa”, si lamentava ieri mattina Manlio Di Stefano, che confonde il gioco di prestigio con la realtà, crede sul serio che il coniglio sia sparito nel cilindro. E non è l’unico. Come lui la pensano quasi tutti nel Movimento, compreso Di Battista, l’unico che però sfugge alle briglie dello staff, e allora parla, e spesso straparla, dice quello che pensa e pensa quello che forse gli dice anche Grillo: “Berlusconi è il male assoluto”, “Salvini è come Dudù”, sfracelli e rabbuffi, lampi e fuochi d’artificio, risalendo fino a quella dichiarazione antica e oggi così stridente: “Il giorno in cui il M5s si dovesse alleare con i partiti responsabili della distruzione dell’Italia, io lascerei il Movimento”. E allora gli amici di Di Maio s’interrogano, “possibile che Alessandro non capisca?”. Possibile che Alessandro non capisca la necessità del trucco? Di Maio sa benissimo che alla fine l’unica cosa che lo accomuna a Di Battista e a tutti gli altri Cinque stelle è in realtà l’unica cosa che conta, quella più importante. Ed è che tutti loro, invece di citare Marx, Hegel o Nietszche, come si sarebbe fatto una volta, si riconoscono in ben altri maestri, cioè nel messianesimo squinternato di Gianroberto Casaleggio. Solo che Luigi deve dissimulare. Mentre Alessandro, Manlio e gli altri proprio non ci riescono.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giorgio.malago

    18 Aprile 2018 - 16:04

    Si, sono totalmente inaffidabili! E se il Pd dovesse, con qualsiasi formula, appoggiare un loro governo, allora si prepari ad essere affondato definitivamente da questi"Giano bifronte"che sono tutto ed il contrario di tutto! Non solo, il Pd non sa ancora quale linea politica sceglierà di avere nel prossimo futuro, quale leadership politica lo guiderà e già si lancia ad appoggiare un fantomatico governo grillino? Sarebbe un suicidio! Pia Costantini

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    18 Aprile 2018 - 11:11

    M5s: Grosse ghemisten saladen nicht programme

    Report

    Rispondi

  • lorenzolodigiani

    18 Aprile 2018 - 11:11

    Complimenti al Foglio per quanto ha scoperto. Mi chiedo se la truffa consiste nell’avere modificato il programma approvato prima delle elezioni o se sta in quel “fard” cui accenna Merlo che scomparira’ a cose fatte con le grisaglie e le cravatte di Di Maio.

    Report

    Rispondi

Servizi