Guida alla sublime dittatura delle minoranze

Sì: l'Italia ingovernabile è stata creata dai furbetti che oggi frignano per l'Italia instabile

Claudio Cerasa

Email:

cerasa@ilfoglio.it

Guida alla sublime dittatura delle minoranze
Alessandro Di Battista forse lo direbbe con un’espressione più efficace e probabilmente più diretta – vi siete tutti rincoglioniti. Noi ci limitiamo a dirvelo in modo più misurato: dal 5 marzo, per favore, evitate di fare i finti tonti, evitate di riempirvi la bocca di stupidaggini, evitate di far notare al paese che l’Italia, signora mia, ha un problema di go-ver-na-bi-li-tà. Scusate, ma cosa volete? Ve lo diciamo con calma, con serenità, persino con allegria: chi ha denunciato per anni...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giusevim

    12 Febbraio 2018 - 08:08

    Non sono d'accordo. L'ingovernabilità non è stata imposta dalla classe dirigente ma dalle classe elettorale, dal popolo che ha avuto più occasioni di scegliere il cambiamento e non l'ha fatto. É ora di sapere e dire apertamente che gli elettori sono peggio degli eletti, che almeno hanno un interesse proprio.

    Report

    Rispondi

    • ANIWAY75

      12 Febbraio 2018 - 11:11

      Concordo. Gli elettori sono come gli eletti, ne più ne meno.

      Report

      Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    12 Febbraio 2018 - 00:12

    La dittatura delle minoranze prende origine dall'impostazione costituzionale che rende obbligate, inevitabili, le coalizioni elettorali e di governo. Non esiste legge o sistema elettorale, neppure quello maggioritario, che possa impedirlo. Ovviamente non lo si può dire, Renderebbe inutile, ridicolo, tutto il fasullo, continuo accapigliarsi sul tipo di legge elettorale e richiederebbe imboccare altra strada. Non è evidente?

    Report

    Rispondi

  • franco.malandra

    10 Febbraio 2018 - 20:08

    Caro Claudio aggiungo alle tue considerazioni, che condivido, il fatto che l'applicazione letterale art 57 della Costituzione (art che ha azzoppato il porcellum al senato ) che unitamente a un elettorato tripolare rende impossibile avere una maggioranza politica omogenea al senato della repubblica indipendentemente dalla legge elettorale adottata doppio turno compreso (dovremmo avere 20 ballottaggi, uno per regione ). La nostra fortuna è paradossalmente l'alto debito pubblico che obbliga qualunque governo a non uscire dai binari pena la gogna dello spread (dove gli italiani sono i primi a disprezzare i BTP al primo vento contrario ). Cordiali saluti Franco

    Report

    Rispondi

Servizi