Di Maio lobbista

Sta provando a mettere la grisaglia al M5s, ma non ci riesce. Sotto la cravatta ci scappa il rutto

Di Maio lobbista

Luigi Di Maio (foto LaPresse)

Roma. “Sta provando a imborghesire il Movimento, a istituzionalizzarlo. Insomma a renderlo più normale”, ci dice Francesco Galietti, che in Senato ha appena lasciato il tavolo della conferenza stampa condivisa con Luigi Di Maio, Rocco Casalino, Paola Taverna, Roberto Fico, due candidati in Parlamento, Dino Giarrusso e Alessia D’Alessandro, e due giornalisti del Fatto quotidiano, Luigi Franco e Thomas Mackinson. Ma Galietti, elegantissimo e giovane lobbista, allievo di Giulio Tremonti, lui che ha scritto un libro intitolato “Sovranità in vendita”,...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    07 Febbraio 2018 - 16:04

    Il Foglio è spesso molto critico con i 5S dal mezzo guro Casaleggio jr. ai giovani peperini come Di Maio , in realtà la battaglia sotto il profilo politico concettuale culturale è persa come accade sempre nel confronto con le sette che si propongono sempre con affermazioni apodittiche o tautologiche.Se c'è una ragione inespugnabile a monte del ragionamento a cosa serve la critica o il dibattito .

    Report

    Rispondi

Servizi