La politica è da tempo l’oggetto perduto della tv italiana

Basta una serata davanti a un talk-show francese per capire lo stato della televisione nostrana

2 Dicembre 2017 alle 06:09

La politica è da tempo l’oggetto perduto della tv italiana

E’ stato come prendere l’Lsd. Come una partita tra l’Italia di Bearzot e la Germania. Mia moglie ha chiamato e le ho detto screanzato, cara scusami richiamo dopo, ora proprio non posso. In tv, France2, rigorosamente senza spot, durata due ore e mezzo, c’era Mélenchon, Jean-Luc, oratore e tribuno, capo dell’opposizione superstite a Macron, trotzkista inveterato, uomo arrogante e soave, con i denti d’acciaio, uno che ha perso, poi ha riperso nell’opposizione sociale all’articolo 18, poi ha ammesso la sconfitta, e ora riparte non sa bene per dove, forse per Caracas. Non credo in nulla di quel che dice, Bertinotti in confronto è Turati o Hayek o Kautsky, ma lo spettacolo televisivo, il talk, era semplicemente perfetto, il ritmo all’ultimo respiro, la scansione logica chiara e netta, c’era l’incalzare del giornalista, dell’esperto, della gente comune, della provocatrice inveterata, la giovane e bella figlia di Régis Debray, c’era il capo dei macroniani Castaner, un figaccio ex socialista deciso a vendere cara la pelle nel duello del pragmatista di nuovo conio con il poeta filosofo ideologo capo politico e gran comiziante dell’estrema sinistra chic, vecchia scuola, uno parecchio diverso dal dottore Grasso e dai suoi mandanti.

 

Ah, la televisione. Ho dei vaghi ricordi, quando Maria Laura Rodotà, truccata alla grande come Crudelia, ma labbra rosso fuoco, alla domanda su che cosa si augurava nel duello Prodi-Berlusconi, rispose un fatale: “Speriamo che scandisca”. E lo sventurato scandì. I nostri sono valenti, per carità. Ma non hanno il becco d’un quattrino, devono sopportare la pubblicità, passano dall’aspirapolvere al politico, sono costretti a maneggiare un immaginario d’antan, la novità è Scalfari, sempre Scalfari, è lui l’uomo degli scoop. Si vede che i loro editori non vogliono spendere, non vogliono un palcoscenico per la nazione, della nazione, nella nazione, devono riempire il grande vuoto del prime time a costi ribassati, una messa privata non pontificale. I nostri fanno quel che possono, ma c’è di mezzo la faziosità, il vittimismo, quel cazzone di successo di Crozza, la mescolanza maldestra di alto e basso. Léa Salamé, al timone, invece si muoveva come la bussola di un’astronave, impostava i temi di discussione con una impressionante e non molesta velocità, uno entra uno esce, e nessuno si sogna di intervistare un dottor Augiàs, fare un servizio su Ospedale Italia, mostrare tabelle farlocche, sondaggi del piffero, qui sembravano tutti del Censis o dell’Istat, e Mélenchon era preparato e non pedante, cattivo, molto cattivo, ma mai vittima, preferiva accanirsi con sadismo sui perdenti e concorrenti (sindacati, socialisti, comunisti), si parlava di salariati, di pensionati, di laicità, di islam, di sicurezza, di molestie sessuali, di terrorismo, i colpi bassi a ogni pié sospinto, ma nella mutua accettazione, fino a scatenamenti notevoli di ira, la collera di Jean-Luc al quale comprensibilmente si rimprovera l’amicizia con el señor Maduro, e lui s’infuria colto sul fatto, volta le spalle a una signora, ohibò.

 

Tutti scandivano la politica pura, la lotta, il conflitto delle idee e delle cose, delle proposte le più responsabili e le più bislacche, dei programmi, con grande rispetto affettato e scarsa considerazione per la lingua di legno, in un gioco sottile di intimidazioni e cortesie che faceva la gloria leggera ma sostenibile dell’émission, l’Emission politique (il titolo). La politica è l’oggetto perduto della nostra televisione da tempo, in particolare da quando un professore disinformato lento e sornione, era la viglia del 4 dicembre di un anno fa, riuscì a farsi credere di fronte a un giovane uomo di stato che voleva abolire il Senato e varare il ballottaggio, prima della proporzionale e del Cnel redivivo, la nostra realtà del momento. Qui ha vinto Macron, relativamente a sorpresa, tutto è in movimento, tutto sembra abbastanza vero, si parla di cose che succedono, si indicano riscontri con una certa precisione, perfino la lotta di classe e l’ideologia neoliberale hanno un posto d’onore nel grande spettacolo in buona lingua, la televisione offre delle gioie indicibili a noi couch-potatoes del talk politico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    03 Dicembre 2017 - 16:04

    Caro Ferrara, pennellate magistrali, ma, a parte lo spessore dei protagonisti, non crede entrino in ballo anche le platee? Le loro incapacità di uscire dal cliché del pettegolezzo, della caciara, dell’insinuazione e del sospetto? Specie quando quelli sono i “ferri del mestiere” di tutti i conduttori? Si realizza, da noi, la somma di tre inconsistenze. Lunga è la strada per Tipperary.

    Report

    Rispondi

  • carlo.trinchi

    02 Dicembre 2017 - 23:11

    Vedere ora come siamo messi rimpiango il 4 dicembre come una tragedia. E chi non se ne rende conto è responsabile dei mali che che ci tocca vivere nel tempo presente. No, non nel tempo presente ma nel tempo del secolo scorso. Avevamo un inizio, avevamo un leader, avevamo programmi forti della legittimazione del paese. Oggi abbiamo i Grasso, e questo ci meritiamo.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    02 Dicembre 2017 - 20:08

    Caro Fondatore e emerito del mio cuore ma che cavolo vai truvando ? Romanzi per noia ? In Italia la categoria di professionisti o dilettanti della politica è scomparsa. Solo Meloni mostra un cervello politico abbastanza progredito ma è una bionda senza futuro ,gli altri dimmi tu chi ha anche una debole caratura di intelligenza politica.Il golden boy che si è perso( salvo recuperi ,è giovine) per strada o le macchiette ex delle insalatone di Silvio o i bagonghi del Mpd o i grilleschi peperini che si guardano allo specchio e dicono come siamo belli ? Di più ninzò . Da quando hanno istituito la tessera elettorale ,roba da soviet ,non voto più. Anzi ho elaborato una teoria sconvolgente, più è bassa la percentuale dei votanti più è alto il consenso popolare allo stato quo. Argomentami che sbaglio e mi metto in ginocchio annanzi a una tua webistica foto. luigi de santis

    Report

    Rispondi

  • mauro

    02 Dicembre 2017 - 17:05

    Che avesse ragione Lamartine? Ha voglia la buonanima di Giusti di rivoltarsi nella tomba. Siamo di nuovo la terra dei morti, democratici quanto si vuole ma cadaveri.

    Report

    Rispondi

Servizi