Il Senato dice sì, il Rosatellum è legge

Con 214 voti favorevoli il testo della nuova legge elettorale viene approvato dal Senato. Il M5s insiste: “Avete doppiato Mussolini dovreste essere accusati di apologia del fascismo”. Verdini: “Resteremo in maggioranza fino alla fine della legislatura”

Il Senato dice sì, il Rosatellum è legge

L'esito della votazione finale del Senato sul Rosatellum (foto LaPresse)

Roma. Il Senato ha approvato, con 214 sì, 61 no e 2 astenuti, la nuova legge elettorale, il cosiddetto Rosatellum 2.0. Come negli ultimi giorni, la discussione è stata sufficientemente tesa, a tratti pittoresca, per merito o demerito dei senatori del M5s, che tra accuse di fascismo e rievocazioni mussoliniane (“Avete doppiato Mussolini, dovreste essere condannati per apologia di fascismo”, ha detto il capogruppo grillino senatore Giovanni Endrizzi rivolto al Pd) hanno naturalmente votato contro la legge voluta dai “ladri”.

 

 

 

Molta agitazione quando il capo di Ala Denis Verdini, risultato determinante per il numero legale durante i cinque voti di fiducia del giorno prima, è intervenuto per annunciare il sì (scontato) alla legge elettorale. “Dicono che la legge sia figlia mia, il che non mi dispiace, però direi che forse è nipote, perché era un’idea che è stata poi sviluppata. E’ una legge necessariamente frutto di un compromesso, ma onestà intellettuale vorrebbe che si aggiungesse a ciò che tutta questa legislatura è stata un compromesso, un grande compromesso. Troppo spesso si finge di dimenticare il risultato del 2013: elezioni che non produssero una maggioranza politica. Le alternative - è presente il Presidente della Repubblica di allora in Aula - era o sciogliere le Camere o cercare un punto d'incontro tra le forze politiche responsabili. Ebbene, c'è stato quel compromesso e oggi si dice che si è realizzata una maggioranza con l’uscita di Articolo 1 - MDP e con il nostro ingresso. Non è vero. Non è vero, perché noi c'eravamo, ci siamo stati e ci saremo fino all'ultimo giorno della legislatura”. Seguono applausi di Mdp, naturalmente ironici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni Attinà

    26 Ottobre 2017 - 14:02

    E stata approvata la legge elettprale , ma non è una buona legge. La speranza è che si cambi dopo il voto del prossimo anno, copiando sistemi collaudati non leggi all'italiana, secondo le maggioranze di turno e la loro convenienza. Tutto questo senza essere grillino e di altri partiti di opposizione.

    Report

    Rispondi

    • lupimor@gmail.com

      lupimor

      26 Ottobre 2017 - 20:08

      Ci giriamo ancora intorno? Facciamolo pure. Vogliamo ricordare che la Consulta ha dichiarato incostituzionale l'Italicum? In sé, per sé e che col referendum del 4 dicembre non c'entrava nulla? Il ballottaggio, faceva paura al sistema? Boh. Nessuna legge elettorale, può essere perfetta ed non può assumere il ruolo di panacea per nessuno. Ma noi siamo terra di tifosi, non di persone capaci di sottrarsi agli strepiti mediatici che vengono sollevati quotidianamente per uso di parte. E' passata la vulgata che sia stata fatta una brutta legge elettorale. Tutti dietro, come pecore.

      Report

      Rispondi

Servizi