Per un po' di autonomia in più. Veneto e Lombardia al voto per il referendum

I seggi sono aperti sino alle 23. Il peso dei voti e la scontata vittoria del Sì. Anche se non cambierà granché

Per un po' di autonomia in più. Veneto e Lombardia al voto per il referendum

Foto LaPresse

Sì o no o scheda bianca, un tocco su un tablet, un timbro sulla scheda elettorale (lo si può fare fino alle 23 di oggi). Ma solo per la Lombardia. Per il Veneto rimane buona la tradizionale carta e matita. In ballo c'è un po' di autonomia per le due regioni, il tentativo di inserire anche queste all'interno dell'articolo 116 della Costituzione, quello che indica le regioni che "dispongono di forme e condizioni particolari di autonomia", ossia Friuli Venezia Giulia, Sardegna, Sicilia, Trentino-Alto Adige e Valle d'Aosta.

 

Referendum consuntivo (in Veneto c'è il quorum del 50 per cento, in Lombardia no), quindi buono per sentire il parere popolare e per fare massa critica attorno alle mire autonomiste dei governatori regionali. La vittoria del Sì è scontata, il motto "meno soldi a Roma" funzionava negli anni Novanta e continua a funzionare ancora, anche se con la riforma del titolo V della Costituzione le differenze tra regioni a statuto speciale e regioni ordinarie, si è fortemente ristretto. A contare sarà l'afflusso alle urne, perché un conto è per Luca Zaia e Roberto Maroni andare a Roma a trattare per il riconoscimento dell'autonomia con sei sette milioni di voti, un altro è arrivarci con meno della metà. "I voti pesano e soprattutto li si possono far pesare agli altri", disse l'ideologo della Lega Nord Gianfranco Miglio a proposito del referendum per l'Indipendenza della Padania del 1997. Allora andarono a votare in quasi cinque milioni. Poi non se ne fece niente, ma si parlava d'indipendenza, di smembramento dello stato italiano non di autonomia.

 

Intanto, aspettando i risultati che dovrebbero arrivare non molto dopo mezzanotte (i seggi si chiudono alla 23), le polemiche politiche si sono concentrate sui costi del referendum. La Regione Veneto ha investito 14 milioni di euro, più 2 milioni per l'impiego delle forze dell'ordine, mentre la Lombardia ne ha investiti 50, molti di questi andati nei famosi tablet elettorali, più i 3 chiesti dal Viminale per coprire i costi della sicurezza

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giancarlo.pierobon

    22 Ottobre 2017 - 20:08

    Sul Corriere di eri una tabella comparativa su entrate e uscite. Un buon Governo dovrebbe occuparsi di imporre alle Regioni in "rosso" dei piani di risanamento finanziario ed allora si potrà giustificare a priori la solidarietà per chi a meno risorse. Non nelle attuali condizioni salvo suscitare una protesta fiscale che si scarica poi sulla casta. L'atteggiamento scettico, del Ministro Martina, evidenzia che dalle consultazioni elettorali un buon politico dovrebbe trarre insegnamenti e non snobbarlo a prescindere.

    Report

    Rispondi

  • lorenzolodigiani

    22 Ottobre 2017 - 17:05

    Il motto meno soldi a Roma e’ alla stregua della lotta contro i vitalizi. Chi li considera il male assoluto ha un’idea distorta della realta’del nostro paese.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni Attinà

    22 Ottobre 2017 - 13:01

    Su questi referendum lo sappiamo che non cambierà niente, ma lo sperpero di danaro pubblico alloggia in tutte le latitudini. Poi c'è l'incoerenza del centrodestra: da sempre contraria alle regioni e poi le ha scoperte con le poltrone e il potere. Naturalmente queste considerazioni dovrebbero essere negli editoriali di tutti o quasi i quotidiani, ma anche il mondo dell'informazione non alimenta la "memoria storica".

    Report

    Rispondi

Servizi