cerca

Il disastro Raggi sul bilancio: chiudete gli occhi e immaginate un governo Di Maio

L'Oref boccia il bilancio di Roma. Il comune dei pasticcioni allo sbaraglio sbaglia a inserire le cifre. Roba da ridere

Salvatore Merlo

Email:

merlo@ilfoglio.it

29 Settembre 2017 alle 21:07

Il disastro  Raggi sul bilancio: chiudete gli occhi e immaginate un governo Di Maio

Virginia Raggi e Luigi Di Maio (foto LaPresse)

A pagina settantuno della relazione sulla gestione del bilancio consolidato del comune di Roma, alla voce “crediti”, i ragazzi del M5s invertono un 6 con un 8. Roba di poco conto, direte voi. E che sarà mai? A chi non è capitato di sbagliarsi almeno una volta, componendo il numero di telefono della zia Peppa? Il 6, in fondo, deve aver pensato anche l’assessore al Bilancio Gianni Lemmetti, è parente dell’otto. Eppure, trattandosi di un bilancio di miliardi di euro, ed essendoci una certa apprezzabile distanza tra “sessantotto milioni di euro ” e “ottantasei milioni di euro”, come ben comprenderete la sciatteria è invece risultata catarifrangente, l’errore marchiano, la svista ciclopica, e non solo per ragioni di gigantismo, intendiamoci, ma pure per un fondato e diremmo persino allarmante sospetto che forse, a ben pensarci, riguarda più il dottore oculista che il dottore commercialista.

 

L’Oref – nota per Luigi Di Maio: Oref non significa “Officina Revisioni e Freni”, ma “Organo di Revisione Economico Finanziaria” – è un organismo statutario dell’Assemblea capitolina a cui è conferito l’esercizio della funzione di revisione economico-finanziaria del comune di Roma nell’ambito dei princìpi fissati dalla legge. Questa istituzione di diritto pubblico si riunisce due volte alla settimana in un bel palazzo del centro storico, è composta da tre professionisti sorteggiati ogni nove mesi dall’albo, e venerdì, con diciassette pagine fitte di osservazioni, ha cassato, anzi ha demolito il bilancio di Roma spiegando di non ritenere, citiamo dalle conclusioni, “che le risultanze esposte in bilancio rappresentino in modo veritiero e corretto la reale consistenza economica, patrimoniale e finanziaria dell’amministrazione pubblica di Roma Capitale”.

 

E sarà anche vero quello che diceva un vecchio e saggio ragioniere dello stato ai tempi allegri di Antonio Gava, e cioè: “Dottore, si ricordi che se nella contabilità pubblica si facessero i conti sul serio sarebbe la fine del paese”, insomma sarà certamente vero che compilare un bilancio pubblico è un atto politico più che algebrico, tuttavia, in questo caso, Raggi, Lemmetti e i ragazzi grillini del comune di Roma non vengono rimproverati per essere dei raffinatissimi e cinici operatori di finanza creativa, ma per essere degli impenitenti pasticcioni allo sbaraglio che confondono le somme da dare e da avere, nel rapporto con lo spaventoso e clientelare cosmo delle ventuno aziende partecipate, ed erroneamente gonfiano pure di venti milioni i crediti. E non perché sono furbi, ma solo perché nel battere a macchina si sono sbagliati e hanno invertito le cifre. Roba da divertirsi, o disperarsi.

 

A dire il vero una cosa del genere era già successa, l’anno scorso, quando assessore al Bilancio era l’indimenticabile Andrea Mazzillo, un giovanotto che non risultava nemmeno iscritto all’albo dei commercialisti ma che dopo essere diventato assessore era stato chiamato a tenere un corso all’Università di Cassino, e dunque, per questo, si faceva chiamare “professore”. Alla fine il bilancio passò, fu corretto, ma solo perché in soccorso di Mazzillo era segretamente arrivato un piccolo pool di professori veri, guidati da un ordinario di Economia aziendale, Marco Lacchini. Perseverare, si sa, è diabolico. E la signora Raggi, che con un brivido ci lascia immaginare cosa potrà essere il grillismo a Palazzo Chigi, persevera: ha lasciato di nuovo fare tutto in casa, stavolta dal suo nuovo assessore al Bilancio, Lemmetti, anche questo, come Mazzillo, un vero esperto di conti avendo egli esercitato la professione di cassiere in discoteca nonché in un negozio di biancheria intima (poi purtroppo fallito).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo.trinchi

    30 Settembre 2017 - 14:02

    La colpa non è dei pupi teatrali ma del puparo che non li controlla e gestisce facendo finta di fare prima un passo di lato poi un passo indietro poi l'inevitabile passo avanti prima del dirupo. Come può un Grillo non chiedere alla Raggi in separata sede quale era la squadra che aveva per Roma Capitale? Come ha potuto permettere mesi di ingovernabilità e non prendere decisioni drastiche in seno ai problemi di Roma? Le cose sono due: o non ha lui persone capaci da mettere nei punti nevralgici del sistema oppure è lui stesso a non avere la lucidità che serve dopo lo spettacolo. La politica è cosa complessa che va oltre gli slogan. Di Maio entra in scena sulla falsariga della Raggi. La solita rete i soliti discorsi strappa applausi e vuoto assoluto sulla complessità della governabilità. Dopo l'insediamento ci si sarebbe aspettato un discorso da statista, da uomo nuovo che guarda il presente e va nel futuro, invece assistiamo agli spiccioli sui parlamentari ed al reddito di convenienza.

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    30 Settembre 2017 - 12:12

    Tre assicurazioni sulla vita per uno stipendio di 93 mila euro. Cumelè che i sempre terribilissimi pm con la Raggi fanno i distratti? luigi de santis

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    29 Settembre 2017 - 21:09

    Sono disposto perfino a subire anch'io questi asini al governo per la soddisfazione di farli subire agli asini che li votano.

    Report

    Rispondi

    • m.pascucci

      30 Settembre 2017 - 11:11

      Sig. Valota, non so dove Lei risieda. Io sono di Roma, e Le dico che la presenza di questi signori in Campidoglio la sto sperimentando direttamente, come altri 2.873.493 miei concittadini (ovvero l'ultimo dato ISTAT meno uno, cioè il sottoscritto). Non sto provando nessuna soddisfazione, anzi... Tutto questo anche tenuto conto della pochezza di chi li ha preceduti, ovviamente. Lei ce l'ha presente il paradigma di quello che voleva fare un dispetto alla propria moglie? Ecco, la veda così, più o meno.

      Report

      Rispondi

Servizi