Fabio Mussi ci spiega chi aveva ragione tra lui e D'Alema

“In questo paese c’è la necessità storica di una sinistra politica. Come ho trovato Massimo? Dialogante e particolarmente disteso”

Email:

allegranti@ilfoglio.it

22 Settembre 2017 alle 06:21

Fabio Mussi

Fabio Mussi (foto LaPresse)

Roma. Fabio Mussi e Massimo D’Alema, insieme. Di nuovo, dopo una vita spesa fra Pci, Pds e Ds. Alla festa di Sinistra italiana di Reggio Emilia, ieri l’altro. Il primo, allo scioglimento dei Ds, pronunciò un assordante “Io mi fermo qui”, l’altro gli disse “extra ecclesiam nulla salus” e proseguì nel Pd. Adesso si sono ritrovati, fuori dal “partito mai nato”, come lo chiama Mussi. Ma per fare cosa? Un duello, un confronto? “Una cosa a mezzo”, dice al Foglio l’ex ministro dell’Università e della Ricerca, che con D’Alema ha da sempre un rapporto intenso, diciamo. Ora devono fare insieme la sinistra; peccato che, spiega Mussi, “la sinistra è un continente, solo che è la Polinesia. Alle prossime elezioni dobbiamo diventare la Nuova Zelanda”. Dice Mussi che “in questo paese c’è la necessità storica – un aggettivo che di solito uso con qualche prudenza – di una sinistra politica”. Anche perché le distinzioni fra destra e sinistra esistono, checché se ne dica. “E’ una sentenza che è stata emessa più volte, ma se devo dire chi è Trump come lo definisco? Dico che è di destra. E Sanders com’è? Di sinistra”. E Renzi com’è? “Renzi è di Rignano – ride – e lo dico con rispetto per i rignanesi…”. Renzi “è un autopromoter, uno che pensa che il problema sia dare a Matteo il giusto spazio. Difficile inquadrarlo, anche se ha fatto cose che sono nitidamente di destra. Cose che ha tentato di realizzare Berlusconi, solo che poi per prudenza ha fatto un passo indietro, penso all’articolo 18”. E D’Alema come l’ha trovato l’altra sera? “D’Alema l’ho trovato favorevole a un quarto polo di sinistra, cosa che mi fa piacere. Era dialogante, disteso, gli avrà fatto bene la festa di Sinistra italiana, oppure il dialogo con un antico amico come me. L’ho trovato particolarmente disteso”. Ma perché di solito D’Alema è così arrabbiato? “D’Alema non è arrabbiato, casomai è sovente sarcastico. E il sarcasmo è una forma di arrabbiatura che passa attraverso un filtro”.

 

Ai tempi – era dieci anni fa – D’Alema lo salutò dicendogli che fuori dalla Chiesa non c’è salvezza. Oggi aveva ragione lei, Mussi? “Avevo ragione io non si dice mai perché non è elegante. Io comunque non sono mai stato seguace di San Cipriano, il principale attore del concilio di Cartagine. Il Papa non andò e lui mandò una lettera di sintesi, dove c’era scritto, appunto ‘extra ecclesiam nulla salus’. Da allora quella frase è diventato una specie di motto integralista”. “Io – dice Mussi al Foglio – non ci ho mai creduto a questa frase, né per quanto riguarda i partiti né per la chiesa”.

 

Figurarsi oggi “che i partiti non ci sono più e sono solo dei simulacri”. Nella sua scala gerarchica, ci sono sempre stati in ordine di importanza “l’imperativo morale, che risponde alla coscienza, poi la fedeltà alla costituzione, infine l’appartenenza a un partito. Ma non essendo convinto del Pd, li ho salutati”. E ora lei e D’Alema siete insieme. Avete fatto un giro immenso e poi vi siete ritrovati. “Sì, ora ci si ritrova, per costruire questo quarto polo di sinistra”. Ma con tutti questi generali come fa a nascere una sinistra unita? “Oh ragazzi, il Pd è stato fatto con una cooperativa di trentatré correnti. Noi siamo di meno, ma parecchi di meno. Ora però mi scusi, devo andare ché ho le valigie in mano e la famiglia protesta”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    22 Settembre 2017 - 10:10

    Mussi e D'Alema saranno ricordati tra i grandi e tra cento anni avranno statue in ogni borgo. Anche equestri.

    Report

    Rispondi

  • carlo.trinchi

    22 Settembre 2017 - 10:10

    Ancora Mussi. Ma non dovevamo vederlo più? Mussi-D'Alema e viceversa. Fanno un partito dei samuray, quelli falsi di samuray perché se fossero stati veri oggi avrebbero il giappone che vediamo. Loro fanno finta di cambiare ma le metamorfosi non sono in loro e sempre ritornano alla chiesa che li ha marcati a fuoco e quindi a vita. Si, è vero che hanno fatto un giro immenso ma per ritrovarsi da dove erano partiti, le valigie e la famiglia che aspetta unico punto certo. Criticano Renzi, l'unico che ha cercato di spostare le lancette del tempo ma loro, sempre loro, lo hanno impallinato per tre anni per poi andarsene nel deserto dei tartari e rifondare, hanno detto, un partito, l'ennesimo partito finto comunista. Pazzesco? No, vero.

    Report

    Rispondi

  • mastrofrancescolucia

    22 Settembre 2017 - 10:10

    Considerazioni politiche irrilevanti.

    Report

    Rispondi

  • Silvius

    22 Settembre 2017 - 09:09

    Fanno tutti parte della grande famiglia De La Fuffe. Tra loro si capiscono sempre, innanzitutto perché parlano senza dire nulla. Ne hanno fatto un’arte. Però sanno sempre bene cosa vogliono (per loro stessi).

    Report

    Rispondi

Servizi