cerca

Di Battista non fa Fonzie e chiede scusa per la "Piovra del Pd"

Il deputato del Movimento cinque stelle si è rivolto su Facebook a Gianni Biagi: "Gli rivolgo le più sentite scuse”

8 Luglio 2017 alle 06:00

Di Battista non fa Fonzie e chiede scusa per la "Piovra del Pd"

Roma. “Ancora non mi ero scusato con l’Architetto Gianni Biagi, ex Assessore all’urbanistica del Comune di Firenze (Giunta Domenici), il cui nominativo, per errore, era stato inserito nella grafica della ‘Piovra del PD’ di qualche tempo fa. In realtà la Corte di Cassazione, lo scorso 6 maggio 2016, già lo aveva assolto, in via definitiva, da ogni accusa. Gli rivolgo, quindi, le più sentite scuse”. Firmato, Alessandro Di Battista, in un post su Facebook dal tono parecchio diverso rispetto al solito (pare scritto più in “avvocatese”). Il deputato del Movimento cinque stelle si è insomma scusato (e non come Fonzie, sul serio) per essersi presentato in tv, un anno e due mesi fa, su La7, alla trasmissione Piazza Pulita, sventolando la famosa mappa piena di errori con le presunte malefatte del Pd. Tra gli errori, appunto, anche l’inserimento del nome di Biagi, che giusto tre giorni prima però era stato definitivamente assolto dalla Cassazione per la vicenda giudiziaria di Castello. Di Battista non è l’unico ad aver fatt marcia indietro, anche La7 ha rettificato sul suo sito Internet. Dopo l’episodio, l’ex assessore Biagi, da quattro anni in pensione da dirigente della Regione Toscana, aveva presentato una richiesta di risarcimento danni, ma evidentemente è stato trovato un accordo davanti all’organismo di mediazione. L’architetto, che oggi presiede l’Officina delle competenze, dunque ha trovato soddisfacenti le scuse pubbliche sul social network fatte da Di Battista e dalla rettifica dell’emittente. Il caso adesso, almeno per quanto riguarda Biagi, è chiuso.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • guido.valota

    08 Luglio 2017 - 12:12

    Querelarli, questi, querelarli sempre. Se tutte le vittime di questi squadristi della tastiera chiedessero risarcimenti per le calunnie che gli M5S spargono incoraggiati dall'impunità di gregge, magari qualche neurone gli si muoverebbe dalla zona dove tengono il portafogli verso la scatola cranica 'inutilmente spaziosa' (© Enzo Biagi che la metteva in un articolo sì e nell'altro anche).

    Report

    Rispondi

Servizi