Come salvarsi dal trionfo della Prop Art

Claudio Cerasa

Appello per una legislatura decidente, vero antidoto contro i ritorni al passato

Edmund Burke, filosofo e scrittore britannico di origine irlandese, in una bellissima lettera indirizzata il 19 gennaio del 1791 a un membro dell’Assembla nazionale, ricordò che l’essenza della buona politica può essere sintetizzata in meno di dieci parole: “You can never plan the future by the past”. “Non si può mai pianificare il futuro pensando al passato”. La frase di Burke ci permette di mettere a fuoco un problema che ci pare persino più importante, caro Mario Calabresi, dell’approvare una legge sulla cannabis prima di andare alle elezioni e che ci pare, caro Giorgio Napolitano, persino più importante del dibattito (perfettamente inutile) sulla data giusta in cui si andrà a votare.

 

Potremmo metterla così: preso atto (prendetene atto) che l’unica legge elettorale possibile in questa legislatura, coerente con il risultato del referendum costituzionale, è una legge proporzionale destinata a far resuscitare lo zombie politico-culturale della Prima Repubblica, cosa si può fare per evitare di pianificare il futuro pensando solo ed esclusivamente al passato? La risposta è semplice anche se spericolata: immaginare che la nuova legge elettorale, ormai prossima a essere vidimata dal Parlamento, sia un mezzo e non un fine. Sembra solo un gioco di parole ma in realtà il passaggio dall’Italia maggioritaria all’Italia proporzionale può avere una prospettiva non apocalittica e dunque machiavellica solo a una condizione: impegnarsi affinché la nuova legge elettorale si limiti a cambiare provvisoriamente il nostro sistema senza cambiare definitivamente le nostre teste.

 

E’ una sfida complicata ma è la vera essenza della sfida di oggi e sarà su questo terreno che sarà possibile misurare nei prossimi mesi quali sono le leadership responsabili e quali quelle cialtrone. Modificare il nostro sistema senza modificare le nostre teste significa considerare il trionfo della Prop Art e il ritorno alla Prima Repubblica (Giancarlo Leone in Rai sarebbe una perfetta ciliegina sulla torta) non come un definitivo punto d'approdo ma solo come un passaggio obbligato da percorrere prima di tornare su una strada più scorrevole e meno tortuosa. Se sarà questo lo spirito incarnato dai leader destinati a uscire vincitori dal prossimo passaggio elettorale sarà possibile trasformare la nuova legislatura non in una sfilata di zombie ma in una legislatura decidente, prima ancora che costituente, all’interno della quale capitalizzare il definitivo (anche se tardivo) clima di pacificazione culturale tra centrodestra e centrosinistra e modernizzare il paese in un modo semplice e razionale: mettendo in circolo e in fretta gli strumenti giusti per governare la frammentazione e non per farci governare in eterno da essa (magari utilizzando proprio le leve della Prima Repubblica per proiettare il nostro paese direttamente nella quinta repubblica, esportando in Italia il meraviglioso modello semi-presidenziale francese). Parlare di tutto questo oggi può sembrare prematuro. Ma la politica responsabile deve capire in fretta che in un paese come il nostro – dove la metà del corpo elettorale (compreso chi scrive) ha visto nella sua vita solo Parlamenti eletti sulla base di criteri maggioritari – mai come oggi i politici verranno votati solo se riusciranno a incarnare un principio non negoziabile: essere più credibili degli altri a pianificare il futuro facendoci uscire in fretta da questo nuovo e forse necessario passato.

Di più su questi argomenti:
  • Claudio Cerasa Direttore
  • Nasce a Palermo nel 1982, vive a Roma da parecchio tempo, lavora al Foglio dal 2005 e da gennaio 2015 è direttore. Ha scritto qualche libro (“Le catene della sinistra”, con Rizzoli, “Io non posso tacere”, con Einaudi, “Tra l’asino e il cane. Conversazione sull’Italia”, con Rizzoli, “La Presa di Roma”, con Rizzoli, e "Ho visto l'uomo nero", con Castelvecchi), è su Twitter. E’ interista, ma soprattutto palermitano. Va pazzo per i Green Day, gli Strokes, i Killers, i tortini al cioccolato e le ostriche ghiacciate. Due figli.