cerca

Test: il caso di De Cataldo spiegato con stile manettaro

Il magistrato scrittore finisce al centro di un caso al Csm per alcune telefonate con Buzzi e scopre da vicino quali sono le liturgie del circo mediatico giudiziario.

31 Ottobre 2016 alle 08:14

Test: il caso di De Cataldo spiegato con stile manettaro

Il magistrato e scrittore Giancarlo De Cataldo (foto LaPresse)

Giancarlo De Cataldo è un famoso magistrato che lavora come giudice alla Corte d’assise di Roma e nel molto tempo libero, beato lui, che riesce a ritagliarsi nell’ambito della sua faticosa vita da giudice negli ultimi anni è riuscito a crearsi una spettacolare vita parallela in cui ha mostrato di possedere diversi talenti. Sia da scrittore, sia da drammaturgo, sia da sceneggiatore. In questa sua vita parallela, negli ultimi tempi, De Cataldo, penna rapida e accattivante, si è imposto come scrittore e sceneggiatore di successo prima con “Romanzo Criminale” (scritto nel 2002, sceneggiato nel 2005) e poi con un libro che, per stessa modesta ammissione di De Cataldo e dell’altro autore Carlo Bonini, ha anticipato la sceneggiatura di Mafia Capitale: “Suburra”, da cui il regista Stefano Sollima ha tratto il suo omonimo film. Nelle ultime settimane però il caso ha voluto che il nome di Giancarlo De Cataldo sia tornato al centro dell’attenzione non per la sua generosa attività di scrittore ma per la sua attività di magistrato. In particolare, da un po’ di tempo a questa parte, il nome di De Cataldo è diventato sinonimo di un caso che si è aperto al Csm e che ci dice molto non tanto di chi è Giancarlo De Cataldo (un bravo magistrato, un ottimo scrittore) ma di che cosa si rischia quando all’interno del circo mediatico-giudiziario si gioca con alcune parole e alcuni concetti tipici della gogna.

 

Il caso di De Cataldo è arrivato qualche mese fa al Consiglio superiore della magistratura per una ragione semplice e pur essendo noi del Foglio i più garantisti del reame per una volta, per descrivere il caso De Cataldo, abbiamo scelto di utilizzare i verbi e le parole (le metteremo tra virgolette) che i professionisti del circo mediatico utilizzerebbero se il soggetto in questione non fosse un magistrato. La storia è questa. Il giudice della Corte d’assise di Roma, De Cataldo, è stato “pizzicato” a conversare “amabilmente” al telefono con “il braccio destro di Massimo Carminati”, Salvatore Buzzi, ex capo della Cooperativa 29 giugno, uno dei protagonisti del romanzo giudiziario di Mafia Capitale. In queste conversazioni telefoniche, che solo quando riguardano i magistrati vengono definite fino all’ossessione “penalmente non rilevanti”, mentre di solito per i professionisti del circo mediatico-giudiziario finire in un brogliaccio è l’anticamera dell’essere colpevoli di qualcosa, in queste conversazioni, si diceva, la “coppia De Cataldo-Buzzi” mostrava una “certa confidenza” (tredici telefonate e sms) che ha insospettito la procura di Roma, che per questo ha portato il caso al Csm per valutare l’incompatibilità ambientale del giudice. In queste conversazioni “il boss della cooperazione” informava il consigliere della Corte di appello della capitale dell’arrivo in una delle sue cooperative del boss Massimo Carminati, di cui lo stesso De Cataldo aveva a lungo scritto all’interno dei suoi romanzi (Carminati è il “Nero” di “Romanzo Criminale”, e il giustizialista collettivo di solito di fronte a casi come questo aggiungerebbe un magnifico “non è un caso”). Oltre a questo, il “braccio destro di Carminati” è stato “beccato” a “spifferare” al telefono un’altra “verità scomoda”: ha offerto come investimento al giudice De Cataldo di comprare obbligazioni emesse dalla stessa Cooperativa 29 giugno. E stando alla documentazione agli atti del Csm, il magistrato si fece “persino” inviare il prospetto informativo dell’iniziativa finanziaria (e in questi casi, il giustizialista collettivo, per corroborare la tesi infila una bella frase di un’intercettazione, tipo questa allegata agli atti del Csm, in cui Buzzi parla al telefono con l’amico imprenditore Marco Clemenzi: “Oh, d’i a Diddi [legale di Buzzi, ndr] che ha aderito pure il giudice De Cataldo eh”). La procura di Roma ha chiesto così al Csm di valutare gli estremi della compatibilità ambientale del giudice e mercoledì 26 ottobre il plenum del Csm ha bocciato la richiesta di archiviare la pratica e ha bocciato la richiesta di far tornare gli atti in Commissione per l’avvio della procedura di trasferimento d’ufficio.

 

 

Il dubbio, anticamera della verità

 

A noi garantisti, che a differenza dei grillini conosciamo a memoria solo un articolo della Costituzione ma conosciamo quello giusto (articolo 27, si è innocenti fino a prova contraria) la spiegazione data da Giancarlo De Cataldo ci sembra logica, lineare e convincente e non ci faremo certo influenzare dalle molte e simpatiche telefonate intercettate di Buzzi (come quella in cui “il braccio destro di Carminati” dice al telefono a De Cataldo. “Ti abbiamo candidato a futuro sindaco di Roma: dai chirurghi agli scrittori e poi saresti più divertente”). Il ragionamento dello scrittore magistrato è perfetto e il discorso si potrebbe chiudere così: De Cataldo dice di aver conosciuto Buzzi nel 1989, quando era magistrato di sorveglianza; dice di non avere nulla da rimproverarsi perché Buzzi all’epoca di quei contatti era per tutti, istituzioni comprese, il “simbolo del detenuto rieducato”; dice che sì è vero Buzzi voleva soldi ma “io non ho mai sottoscritto obbligazioni”; e dice che non c’era nessuna ragione allora per sospettare nemmeno “minimamente che l’uomo avesse subìto l’involuzione che sarebbe poi sfociata nel procedimento Mafia Capitale”. Per noi, ma chi siamo noi per giudicare, il caso è chiuso, e concordiamo con il dottor Armando Spataro, magistrato, quando dice che il tono delle telefonate era chiaramente “scherzoso” e che quei colloqui “dimostrano la fiducia di Giancarlo nell’uomo nuovo, un uomo diverso da quello che aveva inizialmente conosciuto”. Per noi il caso è chiuso ma la storia di De Cataldo ci permette di soffermarci su alcune liturgie talebane che si innescano quando il mondo del circo mediatico-giudiziario si ritrova ad affrontare casi simili a questi. A voler seguire quelle liturgie, De Cataldo sarebbe colpevole fino a prova contraria. E la sua colpevolezza sarebbe resa evidente dal fatto che – un manettaro sintetizzerebbe senz’altro così la storia se il protagonista non fosse un magistrato – “le intercettazioni dimostrano un legame sospetto e una confidenza innegabile con il braccio destro di Massimo Carminati che rende oggettiva l’esistenza di una incompatibilità ambientale del magistrato amico del boss”. Invece no. La storia di De Cataldo ci dimostra e siamo certi che ci dimostrerà una serie di cose importanti. A: usare la parola “presunto” non è un reato ma è un obbligo quando si parla di un caso giudiziario; B: essere intercettati mentre si parla al telefono con un indagato non significa essere “legati” a quell’indagato; C: non tutto quello che ci raccontano le intercettazioni corrisponde a verità; D: l’anticamera della verità non è il sospetto ma è sempre il dubbio; E: l’abuso dell’espressione “incompatibilità ambientale” nel linguaggio mediatico-giudiziario ha creato una discrezionalità tale nell’utilizzo di questa espressione che qualsiasi cosa ormai può essere considerata un indizio di incompatibilità ambientale. Tutto questo lo sappiamo. E oggi lo sapranno meglio sicuramente Giancarlo De Cataldo (il quale non ci pare però che abbia scritto editoriali indignati quando la stampa massacrava il ministro Giuliano Poletti, “reo” di essere stato fotografato nel 2010 a una cena con Buzzi) e tutti coloro i quali di solito quando sotto la gogna non ci passa un magistrato passano con disinvoltura come dei trattori sopra l’articolo 27 della Costituzione. Il caso De Cataldo è una fiction. Ma, come dimostra Mafia Capitale, la fiction, si sa, spesso può diventare un caso giudiziario. Speriamo che almeno con De Cataldo questo non accada.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi