cerca

Il tramonto del vaffa che fu, rivoluzione lessicale a 5 stelle. Ma la base?

Non si torna indietro nei fatti e neanche nel lessico: adesso che è “svolta epocale” (copyright Beppe Grillo) come fare? la natura di “movimento del vaffa” non è facilmente inscatolabile dall’oggi al domani. Problematiche.

21 Giugno 2016 alle 10:46

Il tramonto del vaffa che fu, rivoluzione lessicale a 5 stelle. Ma la base?

Beppe Grillo e Luigi Di Maio (foto laPresse)

Roma. “La descrizione di un attimo”, diceva la canzone dei Tiromancino, ed è dalla sera della presa del potere romano e torinese che, con parole diverse, i Cinque stelle e i non Cinque stelle provano a descriverlo, l’attimo da cui non si può tornare indietro: o vai di qua (consolidamento e istituzionalizzazione) o vai di là (inseguimento della pancia del web e movimentismo a oltranza, anche a costo dell’inconcludenza). Non si torna indietro nei fatti e neanche nel lessico: se fino a qui la memoria delle scatole di tonno, dei redditometri, dei giorni del giudizio, degli zombie, delle scie chimiche e dei Bilderberg poteva convivere, nei discorsi e nei post a cinque stelle, con i toni assennati (addomesticati?) di Luigi Di Maio, adesso che è “svolta epocale” (copyright Beppe Grillo), l’intendenza deve conformarsi al tramonto del vaffa che fu.

 

Primo problema: come far combaciare immagine e sostanza, un’immagine che si vorrebbe ancora rivoluzionaria e una sostanza che si vorrebbe far già percepire al cittadino come non minacciosa e vagamente ecumenica. Ed è nell’anticamera della “svolta epocale” che si annida la metamorfosi dell’eloquio. Imbattersi in un discorso a cinque stelle la sera della vittoria, a Torino come a Roma, infatti, voleva dire imbattersi in un’uniformità quasi millimetrica di adeguamento lessicale all’abito “alternativa di governo”, e in espressioni di edulcorata combattività di parlamentari e neo sindaci, peraltro diversissimi tra loro (come il neo sindaco di Torino Chiara Appendino, il neo sindaco di Roma Virginia Raggi e il deputato e membro del Direttorio Alessandro Di Battista). Ed era tutto un pensare a come “ricucire” i tessuti sociali delle città prese in carico, a come salvaguardare i “bene comuni” (che tanto piacciono anche alle sinistre di area “Rodotà-tà-tà” e di credo antirenziano); tutto un dire e dirsi, alla maniera del nonno di famiglia, che “chi semina raccoglie” e chi raccoglie ora inizia “a lavorare”. Di più: chi lavora è “pronto” a “governare” anche in nome “degli altri”, quelli che i Cinque stelle non li hanno votati. E pazienza se all’uniformità di lessico non corrispondeva l’uniformità di toni (c’era infatti un mondo tra il “tutti noi siamo Torino” di Chiara Appendino, detto con cortesia sabauda e onore delle armi all’ex sindaco e avversario Piero Fassino, e il più ombroso “sarò il sindaco di tutti” di Virginia Raggi, detto con accenno non proprio distensivo al voler “mettere un punto” alle polemiche della vigilia). E quando un Di Battista serafico si affacciava dagli schermi de La7 per promettere che il M5s mai avrebbe “tradito la fiducia” accordata dall’elettorato e per parlare dell’“umiltà” necessaria al compito (umiltà finora poco praticata nel frasario politico a cinque stelle), la descrizione dell’attimo virava verso la sanzione ufficiale del cambio di marcia.

 

E però la natura di “movimento del vaffa” non è facilmente inscatolabile dall’oggi al domani. Accadeva così, nelle piazze festeggianti, che gli slogan continuassero a descrivere l’attimo passato: quello del M5s che dice “tutti a casa” con ancoraggio-ossessione al grido “onestà, onestà”. Hai voglia a mostrare, come faceva Appendino, lo stile ingentilito del vincitore: la piazza in tripudio era ancora settata sulla modalità “o noi o loro”. E il senatore piemontese Alberto Airola, intervistato da La7, dimenticava per un attimo di essere nella “nuova èra” di cui intanto Raggi parlava a Roma, e si lasciava andare alla sottolineatura non ancora ammorbidita del “momento storico” nella “roccaforte” torinese, espugnata da “giovani ragazzi liberi” informatisi in rete nonostante la presenza di “media piegati al regime” – e tanto appariva vintage l’enfasi di Airola, dal punto di vista della nuova immagine a cinque stelle, che il direttore del Tg7 Enrico Mentana faceva notare che i casi Appendino e Raggi non erano “un 25 aprile”, ma una vittoria alle elezioni. Ma il senatore, come molti dei militanti in strada, era già parso fuori sincrono rispetto al vertice (direttorio e neoletti), sintonizzato ormai sull’esigenza di calmierare gli eccessi di veemenza movimentista. Ha cominciato Beppe Grillo: ex comico rifattosi comico (ritorno in teatro) con tanto di “passo di lato” (solo “garante” del M5s), e da ieri anche profeta dell’ascesa al governo, ma senza le truculenze che avevano reso “tsunami” la sua campagna elettorale 2013: ieri Grillo, casaleggianamente parlando, alludeva alla “meravigliosa missione impossibile” compiuta, e il “tutti a casa” d’antan prendeva la forma di un più comprensivo “costringeremo i nostri avversari a diventare persone perbene”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi