cerca

Il nemico interno di Renzi

Nei prossimi mesi, il partito del Tutto Tranne Renzi (TTR) avrà due occasioni importanti per provare a indebolire, forse in maniera definitiva, il presidente del Consiglio e segretario del Pd.

27 Aprile 2016 alle 19:18

Il nemico interno di Renzi

Il premier Matteo Renzi (foto LaPresse)

Nei prossimi mesi, il partito del Tutto Tranne Renzi (TTR) avrà due occasioni importanti per provare a indebolire, forse in maniera definitiva, il presidente del Consiglio e segretario del Pd. La prima occasione, più immediata, è quella legata alle elezioni di Milano, e non è un mistero che la sfida tra Beppe Sala (Pd) e Stefano Parisi (centrodestra) si stia trasformando, giorno dopo giorno, in un referendum sul renzismo: se vince Sala, amen, bene per Renzi; ma se vince Parisi, beh, il percorso del premier, oggettivamente, rischierebbe rapidamente di finire su di un piano inclinato. Il secondo passaggio cruciale, meno immediato ma persino più importante, è quello legato ovviamente al referendum costituzionale di ottobre. Renzi ha detto più volte che un “no” alla riforma Costituzionale coinciderebbe con un “no” al governo Renzi e ha scelto, forse con un po’ di imprudenza, di legare il suo destino al voto di ottobre. Il fronte del TTR tradizionale, Lega, Grillo, Sinistra italiana e compagnia Podemos no trivellante (un pezzo di Forza Italia compresa) si mobiliterà con forza per portare al referendum di ottobre un numero di elettori quantomeno non inferiore (13 milioni, è dura) a quello che ha votato due settimane fa contro le trivelle, e il grande tema delle prossime settimane è se il fronte del TTR verrà presidiato anche dalla minoranza del Pd. La versione ufficiale della minoranza dem, molto originale, è che il “sì” al referendum sulla riforma costituzionale (riforma già votata dalla minoranza dem in Parlamento) è legato alla modifica della legge elettorale: se Renzi deciderà di riaprire il capitolo Italicum inserendo il premio alla coalizione invece che il premio alla lista, nessun problema; se non lo farà, invece, i problemi ci saranno.

 

Il presidente del Consiglio, al momento, ha detto di non avere alcuna intenzione di cambiare la legge elettorale e, se i giochi dovessero rimanere questi, la minoranza del Pd potrebbe cogliere l’occasione del referendum costituzionale per segnare una discontinuità, a questo punto definitiva, con il partito della Nazione renziana, trasformando così il voto popolare sul ddl Boschi-Renzi in un voto popolare contro il progetto renziano. La presenza della minoranza del Pd all’interno dei comitati del no al referendum Boschi-Renzi equivarrebbe a un voto di sfiducia allo stesso presidente del Consiglio. Fino a qualche tempo fa sarebbe stato impensabile immaginare uno scenario di questo tipo. Eppure, lo scenario impensabile, oggi è diventato pensabile ed è stato messo a tema, clamorosamente, dallo storico portavoce di Pier Luigi Bersani, Stefano Di Traglia, che ha scritto nero su bianco, in un post sull’Huffington, che “sono molti gli elettori e i militanti del Partito democratico che voteranno No al referendum… Penso che nei prossimi mesi, quella per il No al referendum costituzionale, sia una battaglia che valga la pena combattere e il Pd può e deve dare spazio al suo interno anche ai comitati per il no”. Trattasi di posizione personale. Ma una posizione che interpreta bene una volontà precisa – la scissione del Pd – che Renzi dovrà mettere nel conto dopo aver trasformato il referendum sulla costituzione in un referendum sul governo. Occhio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi