cerca

Chi sono i diversamente renziani

Lo descrivono circondato da una immutabile cerchia di geometrie magiche o tragiche, giglio o cerchio che sia, tampinato da camerieri, yes man, servizievoli cretini e controfigure quasi sempre rivali tra loro, ma con una caratteristica pressocché comune: parlano tutti in toscano come lui.

2 Febbraio 2016 alle 06:20

Chi sono i diversamente renziani

Graziano Delrio (foto LaPresse)

Roma. Lo descrivono circondato da una immutabile cerchia di geometrie magiche o tragiche, giglio o cerchio che sia, tampinato da camerieri, yes man, servizievoli cretini e controfigure quasi sempre rivali tra loro, ma con una caratteristica pressoché comune: parlano tutti in toscano come lui, come Matteo Renzi. E infatti sempre più, tra i cinquanta parlamentari che sin dall’inizio di questa legislatura stanno con lui, tra i renziani della prima ora, quelli che lo seguivano quando ancora era “Matteo” e non “il presidente”, adesso si sollevano lamenti, mugugni, fermenta un generale sentore d’impotenza e di trascendentale sconforto: le porte sempre chiuse, il filtro della grammatica fiorentina che impedisce ogni comunicazione, e poi il fastidio che i pretoriani del renzismo manifestano per le idee difformi, per le manifestazioni pur vaghe d’indipendenza e di libertà personale. Dunque Simona Bonafè, che sarebbe potuta essere tutto ma oggi è soltanto europarlamentare, in privato si agita, critica, solleva il sopracciglio, così come Matteo Richetti, come i cattolici di Alfredo Bazoli o Sergio Chiamparino, come Giorgio Gori o il sottosegretario Angelo Rughetti, il vecchio mondo Anci, i manager amici,  a cominciare da Andrea Guerra. Tutto un cosmo che per ragioni diverse, e spesso scollegate, soffre.

 

E dunque si contorcono tra avvertimenti, grida sommesse, passi indietro e critiche più o meno evidenti al “giglio” e persino, con ovvia precauzione, al grande (e permaloso) capo. Ma come Graziano Delrio, isolato ministro delle Infrastrutture un tempo “fratello maggiore di Renzi”, anche loro battono i pugni contro un muro muto. I loro colpi non producono nessuna eco. E così Bonafè chiede un’attenzione che le viene negata, mentre Delrio, che doveva essere il Gianni Letta di Renzi ma è stato sostituito da una squadra di toscani (Luca Lotti e Antonella Manzione), osserva preoccupato l’avvicinarsi di Denis Verdini, “l’affiliazione” al Pd, e pure il pericoloso dissidio che divide Renzi dalla minoranza di Bersani, di Speranza e di Cuperlo, tutta una guerra che Delrio vorrebbe evitare “per il bene di Renzi”, perché – pensa lui – “il partito della nazione è una marmellata di trasformismi”. E dunque c’è Bazoli che vede nelle unioni civili, ma anche nel silenzio sulla riforma della giustizia, il tradimento di certe premesse del renzismo. E ci sono Chiamparino e Gori che, finiti anche loro nell’ombra, si lamentano per i tagli a comuni e regioni. E c’è Guerra che ha lasciato Palazzo Chigi perché a quanto pare non riusciva a fare quello che avrebbe voluto, colpa del giglio, ancora una volta, ché la rottamazione “non arriva fino in fondo”.

 

[**Video_box_2**]E insomma ciascuno di loro esprime il paradossale rimprovero a Renzi di non essere più renziano. Un lessico, come si vede, non da traditori, ma da traditi e umiliati, da “diversamente renziani”, dice qualcuno. “Il cambiamento della Leopolda a tutt’oggi nel Pd fatica ad arrivare”, aveva detto Richetti a dicembre, con l’orgoglio ferito dell’ortodosso, in polemica violenta con i cacicchi locali benedetti dai fiorentini di Palazzo Chigi. Lasciando capire che lui, Richetti, come tutti gli altri, resterà sempre con Renzi, o perlomeno con il Renzi a immagine e somiglianza di Richetti, di Delrio, di Rughetti, di Bazoli, di Gori, di Chiamparino e di Bonafè. Un Renzi che tuttavia non è il Renzi di Luca Lotti, l’architetto di retrovia di Palazzo Chigi, l’uomo che secondo tutti loro ha la violenza dell’apostolo ma non ne ha la passione: incarna la linea, la riproduce con furia, ma senza fantasia né libertà. “Un Renzi più Renzi di Renzi”, lo descrivono, alludendo al fatto che la troppa fedeltà è in qualche modo un tradimento. E insomma intorno al presidente boy scout, ora che s’è fatto potere vero, si rilevano le tensioni, i malumori, i possibili scollamenti di corte. Vorrebbero purificare il Renzi di oggi innaffiandolo con il Renzi d’antan. Accadeva anche a Berlusconi, nel suo regime  autocratico, carismatico e un po’ padronale.

Salvatore Merlo

Salvatore Merlo

Milano 1982, giornalista. Cresciuto a Catania, liceo classico “Galileo” a Firenze, tre lauree a Siena e una parentesi erasmiana a Nottingham. Un tirocinio in epoca universitaria al Corriere del Mezzogiorno (redazione di Bari), ho collaborato con Radiotre, Panorama e Raiuno. Lavoro al Foglio dal 2007. Ho scritto per Mondadori "Fummo giovani soltanto allora", la vita spericolata del giovane Indro Montanelli.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi