Passeggiate romane

Tra referendum e primarie, le mosse di Renzi per non discutere il futuro del Pd

Fosse stato per lui, Matteo Renzi avrebbe rinviato, come ha già fatto, peraltro, l’ennesimo appuntamento con il partito per discutere di che cosa fare per questo Pd. Lui la sua risposta ce l'ha già: nulla.

9 Dicembre 2015 alle 13:17

Tra referendum e primarie, le mosse di Renzi per non discutere il futuro del Pd

Il premier Matteo Renzi (foto LaPresse)

Fosse stato per lui, Matteo Renzi avrebbe rinviato, come ha già fatto, peraltro, l’ennesimo appuntamento con il partito per discutere di che cosa fare per questo Pd. Lui la sua risposta ce l'ha già: nulla. Per l'attuale Partito democratico non si può fare niente, meglio farlo rinascere nel 2016, grazie alla costituzione dei comitati referendari. E’ da lì, secondo il presidente del Consiglio, che nascerà quello che non lui ma altri chiamano il Partito della Nazione. Ed è tra i...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi