La prudenza non diventi scappatoia

La sostanziale comprensione espressa da Silvio Berlusconi per l’atteggiamento più che cauto adottato da Matteo Renzi in relazione alla lotta al terrorismo e soprattutto alle sue inevitabili esigenze di impiego della forza a prima vista può apparire sorprendente.

26 Novembre 2015 alle 19:17

La prudenza non diventi scappatoia

Silvio Berlusconi (foto LaPresse)

La sostanziale comprensione espressa da Silvio Berlusconi per l’atteggiamento più che cauto adottato da Matteo Renzi in relazione alla lotta al terrorismo e soprattutto alle sue inevitabili esigenze di impiego della forza a prima vista può apparire sorprendente. Sembra più naturale che il leader di una formazione di minoranza collocata all’opposizione approfitti delle incertezze dell’esecutivo per  denunciarle all’opinione pubblica. Il comportamento di Berlusconi però si spiega, oltre che con la generica ma lodevole volontà di tenere le questioni di collocazione...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi