cerca

Addio Marino. Ora che farà Renzi?

Marino si è dimesso. L’assenza di una Leopolda a Roma. Niente paura delle elezioni: non è vero che Grillo vincerà le elezioni anche candidando un manico di scopa – di Mario Sechi

 

8 Ottobre 2015 alle 18:45

Addio Marino. Ora che farà Renzi?

Ignazio Marino (foto LaPresse)

Ecco la nota con la quale Ignazio Marino annuncia le sue dimissioni

Care romane e cari romani,
ho molto riflettuto prima di assumere la mia decisione. L'ho fatto avendo come unica stella polare l'interesse della Capitale d'Italia, della mia città. Quando, poco più di due anni e mezzo fa mi sono candidato a sindaco di Roma l'ho fatto per cambiare Roma, strappando il Campidoglio alla destra che lo aveva preso e per cinque anni maltrattato, infangato sino a consentire l'ingresso di attività criminali anche di tipo mafioso. Quella sfida l'abbiamo vinta insieme. In questi due anni ho impostato cambiamenti epocali, ho cambiato un sistema di governo basato sull'acquiescenza alle lobbies, ai poteri anche criminali. Non sapevo - nessuno sapeva - quanto fosse grave la situazione, quanto a fondo fosse arrivata la commistione politico-mafiosa.
 
Questa è la sfida vinta: il sistema corruttivo è stato scoperchiato, i tentacoli oggi sono tagliati, le grandi riforme avviate, i bilanci non sono più in rosso, la città ha ripreso ad attrarre investimenti e a investire. I risultati, quindi, cominciano a vedersi. Il 5 novembre su mia iniziativa il Comune di Roma sarà parte civile in un processo storico: siamo davanti al giudizio su una vicenda drammatica che ha coinvolto trasversalmente la politica. La città è stata ferita ma, grazie alla stragrande maggioranza dei romani onesti e al lavoro della mia giunta, ha resistito, ha reagito. Tutto il mio impegno ha suscitato una furiosa reazione. Sin dall'inizio c'è stato un lavorio rumoroso nel tentativo di sovvertire il voto democratico dei romani. Questo ha avuto spettatori poco attenti anche tra chi questa esperienza avrebbe dovuto sostenerla. Oggi quest'aggressione arriva al suo culmine. Ho tutta l'intenzione di battere questo attacco e sono convinto che Roma debba andare avanti nel suo cambiamento. Ma esiste un problema di condizioni politiche per compiere questo percorso. Queste condizioni oggi mi appaiono assottigliate se non assenti. Per questo ho compiuto la mia scelta: presento le mie dimissioni. Sapendo che queste possono per legge essere ritirate entro venti giorni. Non è un'astuzia la mia: è la ricerca di una verifica seria, se è ancora possibile ricostruire queste condizioni politiche. Questi i motivi e il quadro in cui si inseriscono le mie dimissioni.
 
Nessuno pensi o dica che lo faccio come segnale di debolezza o addirittura di ammissione di colpa per questa squallida e manipolata polemica sulle spese di rappresentanza e i relativi scontrini successivamente alla mia decisione di pubblicarli sul sito del Comune. Chi volesse leggerle in questo modo è in cattiva fede. Ma con loro non vale la pena di discutere. Mi importa che i cittadini - tutti, chi mi ha votato come chi no, perché il sindaco è eletto da una parte ma è il sindaco di tutti - comprendano e capiscano che - al di là della mia figura - è dal lavoro che ho impostato che passa il futuro della città. Spero e prego che questo lavoro - in un modo o nell'altro - venga portato avanti, perché non nascondo di nutrire un serio timore che immediatamente tornino a governare le logiche del passato, quelle della speculazione, degli illeciti interessi privati, del consociativismo e del meccanismo corruttivo-mafioso che purtroppo ha toccato anche parti del Pd e che senza di me avrebbe travolto non solo l'intero Partito democratico ma tutto il Campidoglio".

 

 

Marino si è auto-affondato. Era da mesi poco più che un rottame galleggiante, alla deriva. S’è inabissato, vittima del suo scontrinismo bugiardo, un Pinocchio minore, senza la grandezza letteraria del Collodi. E’ rimasto nella pancia della Balena, senza Geppetto, la Fata Turchina e gli amici burattini al seguito. Nessuno sentirà la mancanza di quella favola storta che s’era trasformata in un racconto tenebroso privo del tocco poetico di Tim Burton. Un incubo.

 

Immagino la faccia di Matteo Renzi quando ha letto le ultime dichiarazioni del sindaco (“restituisco tutto”) e il rosario tragicomico di testimonianze impaginate dai quotidiani sulle sue spensierate ore a tavola. Chez Marino. Da Palazzo Chigi è schizzato un messaggio definitivo, una cartolina: “Ciao caro”. Tanti saluti, pratica archiviata, Roma ha duemila anni di storia, è sopravvissuta ai Vandali, ma non poteva permettersi più Marino con un Giubileo alle porte.

 

Il presidente del Consiglio ha fatto la cosa giusta. Renzi per mesi ha resistito alla tentazione di assestare una pedata al sindaco, ha ascoltato i consigli dei parlamentari della Capitale, ha sopportato il crescente imbarazzo per le esternazioni fuori tempo, luogo e spazio del primo cittadino, gli ha affiancato il prefetto Gabrielli, messo a disposizione la macchina di Palazzo Chigi. Ha cercato di attutire il danno, prendere e concedere tempo, serrare le fila. Un impegno – e una generosità – che Renzi non aveva concesso a nessuno. Tutto inutile. Solo gli allocchi potevano pensare alla vittima di un complotto. Marino non era il bersaglio di nessuna congiura, era semplicemente, inesorabilmente unfit, un incapace, il figlio di un equivoco politico, lo scarto di lavorazione di una fabbrica che ha bisogno di essere rimessa a posto: il Pd romano.

 

La defenestrazione di Marino è un passo salutare. Un bagno di realtà per tutti. E una straordinaria occasione per ricostruire dalle fondamenta il centro da cui si dirama tutto il potere: Roma. Il Partito democratico di Renzi ha una leadership solida, può permettersi la traversata nel deserto Capitale. E le settimane che precedono le ormai ineludibili elezioni saranno il laboratorio per cominciare a fare cose nuove.

 

A Roma, caro Renzi, manca una Leopolda. C’è un tremendo bisogno di discutere, mettere insieme le idee, ricostruire il puzzle della politica. Non un happening in terrazza – quello nell’Urbe c’è tutti i giorni della settimana e posso fornire la lista completa dei partecipanti – ma un’officina politica dove si sente il clangore del metallo. A sinistra e al centro e a destra c’è gente in gamba che può dare buoni consigli e sta cercando una casa dove far emergere il talento. Hanno un solo grande interesse: Roma.

 

E c’è un modello che a Roma ha funzionato, ha sfornato una classe dirigente giovane e determinata che oggi è al governo al suo fianco, presidente, è quello che Francesco Rutelli forgiò con pazienza e umiltà in anni che oggi appaiono di tutt’altro spessore rispetto a quelli che stiamo vivendo ora nella Capitale. Non fu un’operazione facile, allora. Rutelli non era un figlio del Pci, era già oltre, dove lei è oggi. Ma Rutelli ebbe l’intelligenza di fare squadra, lanciare giovani, portare a Roma un po’ di futuro e buonsenso. L’amministrazione non era la schifezza che oggi tortura i cittadini e perfino il traffico, la tortura di tutti noi, aveva un volto quasi umano. Solo un arrogante dilettante allo sbaraglio come Marino poteva rifiutare l’aiuto che Rutelli offrì poco tempo fa al Campidoglio in occasione del Giubileo.

 

[**Video_box_2**]A quelli che nel partito invocano le primarie do un modesto consiglio: non vi è bastato? Volete allevare un altro campione come Marino?  Goffredo Bettini, uomo che ha cultura politica, sa bene di cosa parlo. E’ l’ora di fare due passi indietro, tutti, per farne quattro avanti. Al Pd serve un candidato in gamba, un team di persone che mette nero su bianco un programma per la Capitale. Gli alleati? Non i residuati bellici della sinistra parolaia, non le tartine terrazzate della “società civile”, ma persone che conoscono la città, ne respirano l’aria dalla mattina alla sera, la amano e non la vogliono lasciare in mano a un’accozzaglia urlante di partiti. I soliti noti? Si levino la cravatta, mollino il calice, lavorino gratis e corrano a testa bassa. Non ci stanno? Pazienza, è giunto il momento di voltare pagina. Non è vero che a Roma la partita è già chiusa. Non è vero che Grillo vincerà le elezioni anche candidando un manico di scopa. La destra romana, un tempo forte e organizzata, è poco più di un cumulo di macerie fumanti, intossicata dalla salvinizzazione. E Alfio Marchini che fa? Si allea con un centrodestra senza capo né coda, anti-tutto, senza un progetto politico, con i leghisti forconizzati? Non ci posso credere. Nessuna di queste opzioni elettorali è una scelta di governo. E’ un urlo senza domani. E Roma è cinica, pragmatica, più saggia di quanto si immagini. I giochi non sono fatti, sono appena cominciati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi