cerca

Occhio al populismo penale

Decreto o non decreto, mi sembra che il ddl severo del governo su questo tema abbia, come capita spesso con Renzi, una doppia chiave di lettura.

26 Marzo 2015 alle 13:01

Occhio al populismo penale

foto LaPresse

Al direttore - Aumenta il numero delle persone investite e ammazzate da auto in corsa, spesso guidate da giovani, ubriachi, drogati o stranieri senza patente, che poi scappano senza nemmeno soccorrere. Quando va loro male, se la cavano con pochi giorni di carcere, per lo più ai domiciliari, salvo poi continuare a fare la stessa cosa, perché attualmente non vi è reato di omicidio stradale pur essendo favorevole il ministro competente. I cittadini si chiedono il perché non viene emanato – tra i tanti – un apposito decreto legge per rendere reato penale gli omicidi stradali.
Mario De Florio

 

Decreto o non decreto, mi sembra che il ddl severo del governo su questo tema abbia, come capita spesso con Renzi, una doppia chiave di lettura. Un reato come l’omicidio stradale è quanto di più possibile odioso ma se l’obiettivo è diminuire la percentuale di omicidi stradali l’introduzione di nuove fattispecie penali rischia di essere solo una trovata populistica. Per l’omicidio stradale come per qualsiasi altro reato, grave o meno grave, ciò che conterebbe davvero non è il populismo penale ma è la certezza delle pene e delle sanzioni già esistenti. Lo ha detto tempo fa anche il ministro della Giustizia Andrea Orlando: “Una legislazione animata da populismo penale può produrre contraccolpi pesanti sulla sicurezza del paese”. Forse, su questo punto, servirebbe un supplemento di riflessione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi