cerca

Trump nella trappola dell'Alabama

Un magnifico gioco di parole

14 Dicembre 2017 alle 06:00

Trump nella trappola dell'Alabama

Ieri mi è venuta voglia di Alabama. Un minuto dopo ho tirato le somme: non ne so quasi niente. Quel poco che ne so è sovrastato dai versi (e musica): Oh moon of Alabama, we now must say goodbye, eccetera. Per consolazione, trovo che anche Brecht (e con lui Weill) non sapeva niente dell’Alabama, e probabilmente la scelse nella Germania del 1927 perché si adattava alla sua metrica e suonava bene. E a quanto pare anche quando riparò negli Stati Uniti non andò mai in Alabama. La città di Mahagonny non esiste, e però la sua definizione di “Netzestadt”, città-rete o città-trappola, sembra un magnifico gioco di parole ora che nella rete è finito Trump.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi