Una sentenza, raccapricciante, di Mao

Un tempo poteva sembrare saggia se non addirittura geniale 

Anche la dizione “Mao Zedong” (al posto del vecchio Mao Tse-tung) è pinyin, il sistema elaborato da Zhou Youguang e introdotto nel 1958 in tutte le scuole cinesi

Fra tutte le sentenze che un tempo, ad alcuni, poterono suonare sagge se non addirittura geniali, la più raccapricciante è forse quella, attribuita a Mao: “Bastonare il cane che affoga”. Sia nella metafora, sia, anzi più, quando la si prenda alla lettera e ci si figuri la cosa. Immaginatela poi nella variante: Bastonare la cagna che affoga.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • fabriziocelliforli

    09 Dicembre 2017 - 20:08

    Figuriamoci se al posto del cane c'è un uomo.

    Report

    Rispondi

  • tamaramerisi@gmail.com

    tamaramerisi

    09 Dicembre 2017 - 12:12

    Pechino Teheran Palermo il bastone sempre lo stesso, accanito su Marcello come sulla variante, Nazanin.

    Report

    Rispondi

Servizi