cerca

Quello che non vi hanno ancora detto sulla decisione del Consiglio di Stato riguardo al Politecnico di Milano

Docenti che s’intestano la battaglia per la libertà d’infischiarsene della lingua inglese spacciandola per la difesa del principio d’uguaglianza degli studenti e giurisprudenza costituzionale che scivola sulla trappola del nazionalismo linguistico

5 Febbraio 2018 alle 06:40

Ma la magistratura è contro la cultura?

Foto Pixabay

Nei numerosi commenti alla sentenza del Consiglio di Stato che ha confermato qualche giorno addietro l’annullamento della deliberazione del Senato accademico del Politecnico di Milano di tenere corsi di laurea esclusivamente in lingua inglese, sono rimaste incredibilmente nell’ombra almeno due questioni che meritano, invece, di essere chiarite in tutta la loro dimensione surreale.

 

Dalla lettura congiunta delle sentenze del TAR Milano (primo grado) e del Consiglio di Stato emerge, innanzitutto, come l’iniziativa di contrastare la decisione del Senato Accademico abbia preso le mosse da docenti e ricercatori, da quei dipendenti dell’Università cioè che dovrebbero preoccuparsi esclusivamente di fornire un servizio di un certo livello agli studenti che rappresentano la categoria degli utenti per i quali l’intero apparato amministrativo è predisposto.

 

La battaglia per la difesa della lingua nazionale è stata formalmente intrapresa in nome della tutela della libertà d’insegnamento dei docenti e del principio d’uguaglianza degli studenti, ma si è tradotta, in realtà, nella rivendicazione della libertà di non conoscere l’inglese, d’insegnare solo nella lingua italiana (perché se si trattasse davvero di libertà d'insegnamento un docente polacco, ad esempio, dovrebbe potere tenere corsi nella sua lingua madre, mentre così non è) e nella riaffermazione delle dimensioni meno che provinciali di un’Università che dovrebbe essere aperta all’intera comunità internazionale e che con quest'ultima dovrebbe confrontarsi.

 

Ancora una volta è prevalsa, per essere chiari, la pretesa che le organizzazioni pubbliche italiane siano più al servizio della pigrizia delle burocrazie che da esse traggono benefici (e che fanno fatica a quanto pare a comprendere che il mondo rappresenta una dimensione leggermente più ampia di un Paese che conta appena 60 milioni di abitanti) che pronte a soddisfare le accresciute esigenze degli utenti e della comunità dei contribuenti che le finanziano.

 

Ad arricchire un quadro di per sé già poco commendevole ha contribuito la Corte Costituzionale italiana che con una sentenza del 2017 ha di fatto costretto poi il massimo organo della giustizia amministrativa a sconfessare oggi la volontà del Senato Accademico del Politecnico di Milano.

 

Nei commenti alla sentenza del Consiglio di Stato l’esigenza d’inseguire la cronaca del momento ha forse contribuito a sottacere il contenuto della decisione della Consulta (vecchia di un anno) che invece rappresenta il cuore pulsante dell’intera vicenda e che lascia francamente perplessi per la natura delle argomentazioni utilizzate a sostegno della tesi secondo la quale le intenzioni degli organi del Politecnico di Milano di impartire lezioni esclusivamente in lingua inglese non sarebbero in linea con la Costituzione repubblicana.

 

La Corte costituzionale ha approntato una vera e propria difesa della lingua italiana che richiama toni e registri che non è esagerato definire prossimi al nazionalismo linguistico (e al nazionalismo tout court) se solo si pone mente alle seguenti affermazioni contenute nella sua decisione:

 

1) La giurisprudenza di questa Corte ha già avuto modo di precisare – in relazione al «principio fondamentale» della tutela delle minoranze linguistiche di cui all’art. 6 Cost. – come la lingua sia «elemento fondamentale di identità culturale e […] mezzo primario di trasmissione dei relativi valori», «elemento di identità individuale e collettiva di importanza basilare»

2) La lingua italiana è dunque, nella sua ufficialità, e quindi primazia, vettore della cultura e della tradizione immanenti nella comunità nazionale, tutelate anche dall’art. 9 Cost. La progressiva integrazione sovranazionale degli ordinamenti e l’erosione dei confini nazionali determinati dalla globalizzazione possono insidiare senz’altro, sotto molteplici profili, tale funzione della lingua italiana: il plurilinguismo della società contemporanea, l’uso d’una specifica lingua in determinati ambiti del sapere umano, la diffusione a livello globale d’una o più lingue sono tutti fenomeni che, ormai penetrati nella vita dell’ordinamento costituzionale, affiancano la lingua nazionale nei più diversi campi. Tali fenomeni, tuttavia, non debbono costringere quest’ultima in una posizione di marginalità: al contrario, e anzi proprio in virtù della loro emersione, il primato della lingua italiana non solo è costituzionalmente indefettibile, bensì – lungi dall’essere una formale difesa di un retaggio del passato, inidonea a cogliere i mutamenti della modernità – diventa ancor più decisivo per la perdurante trasmissione del patrimonio storico e dell’identità della Repubblica, oltre che garanzia di salvaguardia e di valorizzazione dell’italiano come bene culturale in sé.

  

Davanti a queste affermazioni è appena il caso di rammentare come, da un lato, l’esasperata tutela della lingua nazionale dalle contaminazioni straniere sia stata storicamente il tratto caratteristico del nazionalismo nelle sue forme più radicali (basti pensare al fascismo), mentre, dall’altro, il primato della lingua italiana perseguito per mezzo dell’ordinamento giuridico vada in direzione esattamente contraria alla naturale tendenza della cooperazione sociale di milioni di individui che utilizzano ormai anche nel nostro Paese in numerosissimi ambiti (sopratutto in quelli della ricerca scientifica) la seconda lingua più diffusa al mondo.

 

Assai discutibile appare, infine, la pretesa di potere individuare un insieme di valori e di identità culturali tipiche della Repubblica italiana che potrebbero essere preservate esclusivamente per mezzo della diffusione della lingua ufficiale e ciò proprio nell’epoca della globalizzazione di una cultura dei diritti che non conosce più la specificità dei confini nazionali.

 

Insomma, cos’altro ha spinto la Corte costituzionale in questa direzione se non un intento pericolosamente nazionalista?

Rocco Todero

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lucafum

    06 Febbraio 2018 - 22:10

    "La progressiva integrazione sovranazionale degli ordinamenti e l’erosione dei confini nazionali determinati dalla globalizzazione"... fatto salvo che, dalla corretta grammatica, deduciamo che lo scritto non è stato esteso da alcuno dei due candidati postisi agli estremi della gaussiana elettorale -quantunque l'Idea portante hegelianamente serpeggi per ogni dove ed agiti molte volontà, in specie quelle dei due suddetti candidati- considerato che l'attualità dei tempi esclude ormai la favella della perfida albione dal novero degli Alleati, i quali appartengono solo ed esclusivamente all'Asse, la coerenza impone: abolire il "Lei", sostituito dal "Voi" ! (mi chiedo, insidiato da un malefico dubbio: che la Sentenza possa essere stata influenzata da ammalianti messaggi di sobillatorii trans-sarmatici, in travestite spoglie di silvana entità demoniaca nordica? )

    Report

    Rispondi

  • daniele.velon

    05 Febbraio 2018 - 22:10

    Io invece sostengo il primato dell'italiano a custodia dell'identità nazionale e mi sembra che la corte costituzionale, stranamente, abbia ben deliberato. Il latinorum parlatevelo voi.

    Report

    Rispondi

  • albertoxmura

    05 Febbraio 2018 - 15:03

    E' chiaramente pretestuoso tirare in ballo la difesa della lingua italiana in ambiti nei quali il sapere è globale e la comunicazione scientifica ha bisogno di essere il più possibile aperta all'accesso di studiosi e studenti di tutto il mondo. L'innovazione si nutre della circolazione delle idee. L'università italiana potrà competere solo se riuscirà ad attrarre studenti e ricercatori da ogni parte del mondo, la qual cosa è chiaramente impossibile se la lingua utilizzata è solo quella italiana. Ciò non significa che si deve dimenticare di saper parlare in buon italiano. Conoscere bene l'inglese come seconda lingua dovrebbe essere patrimonio di ogni cittadino istruito. Volersi opporre all'egemonia della lingua inglese in campo scientifico è un'impresa velleitaria e donchisciottesca che, lungi dal promuovere il primato della cultura italiana condanna quest'ultima all'emarginazione.

    Report

    Rispondi

    • lorenzolodigiani

      05 Febbraio 2018 - 18:06

      Ha perfettamente ragione!

      Report

      Rispondi

Servizi